Ansia.. Stanchezza mentale e fisica

Buongiorno dottori, vi scrivo per avere un consulto riguardo ad un periodo che forse non può più definirsi tale data la durata.
Sono una mamma di un bimbo di 3 mesi.
La mia gravidanza è trascorsa abbastanza bene eccetto l'ultimo mese che è stato abbastanza pesante a causa di problemini che tutte le donne in gravidanza presentano soprattutto alla fine.
Il mio parto non è stato dei più facili, non solo ho dovuto subire un cesareo d' urgenza ma i miei valori del sangue sono scesi a tal punto che sono stata ricoverata più del dovuto e per poco non sono dovuta ricorrere ad trasfusione di sangue.
Ho passato un periodo post-parto brutto, tra malessere fisico che vuoi o non vuoi si ripercuoteva su un punto di vista psicologico.
Il bimbo inizialmente non dormiva per cui stress su stress e notti insonni.
Il tutto era accompagnato dalle visite dei nonni che venivano ogni giorno in un momento in cui magari l'unica cosa che avrei desiderato era stare un po' in santa pace.
Oggi, a distanza di 3 mesi mi sento ancora molto stanca.
Mia mamma, che abita nella mia stessa via viene due volte al giorno non capendo che magari ogni tanto preferirei starmene da sola e cosa ancora più invalidante che avendo le chiavi di casa quando mio marito non c è lei apre ed entra cosa che mi irrita abbastanza.
Non posso neanche dirglielo in quanto è un tipo che non appena le dici una cosa del genere la prenderebbe a male.
Per concludere, ieri mio marito mi ha fatto una colpa del fatto che non ho cercato abbastanza mia suocera...e che lei ci sia rimasta male del mio comportamento dato che in ospedale lei mi è stata molto vicina.
Tenete conto che io sto h 24 con il bambino e che spesso e volentieri anche quando c'è mio marito in casa il bambino lo gestisco io per cui spesso mi ritrovo esausta a fine giornata...non considerando il fatto che ho una casa sulle spalle.
Andiamo a mio marito che ritengo essere una delle cause principali del mio malessere.
Un carattere rigido.
Essendo un militare lascio a voi l'idea.
Abbiamo un cagnolino che vive in GIARDINO, E ogni cosa che il cane fa... Lo sgrida...Questa cosa mi fa star male... Perché non tollera nulla...mi fa entrare in uno stato di agitazione.
Così com'è con il cane lo è in tutti gli aspetti della vita, di coppia e non.
Idem ieri sera quando mi ha detto di sua madre che era offesa.
Non vede che sono impegnata h 24 e se non chiamo sua madre non lo faccio per male ma magari non ha avuto tempo neanche di fare una doccia.
no.
Ho la colpa di non cercarla abbastanza... Mentre lei durante il parto è stata con me h 24.
Io mi sento esausta Certe volte lascerei tutto... Marito compreso.
Adesso anche il corona virus ci si mette...e non posso neanche muovermi per spiegare magari meglio la situazione... Ho pensieri H24... Spesso la notte mi sveglio con il pensiero 'non ci voglio stare più' ma questo pensiero mi crea ansia e mi fa star male.
Certe volte non mi sento capita da lui... Scusate per lo sfogo... Ho bisogno di conforto...
[#1]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,5k 451 103
Gentile utente,

conosco la stanchezza della neo-mamma. Si tratta di uno dei periodi più pesanti della vita: bambino, casa, se stessa, e oltretutto fare da .. semaforo ai nonni.
Fortunatamente ha l'età dalla sua,
per noi che vediamo sempre mamme dai 40 anni in su.

Ha parlato con Suo marito?
Ha provato a spiegargli le Sue ragioni?
Avere "dalla Sua parte" il padre del neonato è fodamentale per riuscire a destreggiarsi nelle relazioni famigliari, ci pensi.
A questo proposito Le allego un articolo di breve lettura, ma scritto partendo dall'esperienza:
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/3332-mamma-e-amante.html .
E sulle relazioni con i nonni:
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/5395-genitori-nonni-guerra-o-pace.html .

Mi farebbe piacere un Suo riscontro.
Dott. Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test