Utente
buongiorno, questo periodo di isolamento ha inciso sulla mia storia d'amore ed ora mi trovo ad un bivio.
Ho cinquantadue anni, sono separata e da quasi sei anni ho una storia con un collega (siamo dentisti) coetaneo e sposato.
Il suo matrimonio va avanti tra alti e bassi ma senza slanci, per abitudine e facciata.
Lui da sempre ha tradito la moglie ed io sono la storia più duratura.
In questo periodo ci siamo visti grazie al lavoro alcune volte ma il contatto messaggi è frequentissimo.
Ci siamo scoperti più vicini ed uniti, la mancanza di stare insieme è fortissima.
Io vorrei, passato questo isolamento, che lui lasciasse la moglie, mi sono resa conto che, al ritorno alla normalità, vorrei di più.
Non voglio che questo incrini il nostro rapporto ma vorrei fargli capire che adesso occorre fare qualcosa verso di noi.
I messaggi che ci scambiamo quotidianamente parlano di voglia di stare insieme, di nostalgia.
Come posso fare?
Lui mi dice che sono unica per lui, che gli manco e che ha bisogno di me.
Ho bisogno di un consiglio.
Grazie.

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

Lei è separata e quindi libera;

lui è dentro un matrimonio con molte .. vie d'uscita, Lei ci dice.

"Come posso fare?", ci chiede.

Dei Suoi desideri, esigenze, speranze,
del "Rapporto cambiato con il covid" per dirla col titolo
occorre che ne parliate,
apertamente sia pure con delicatezza, tenendo ben presente che
"..Non voglio che questo incrini il nostro rapporto..".

Preveda però anche che a lui può essere stia bene così
(talvolta l'amante serva a tenere il piedi il matrimonio,
come spesso accade),
oppure altro, che lui Le dirà.

Tirare le fila non risulta mai troppo semplice, ma talvolta si sente l'esigenza di farlo.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno dottoressa, grazie per la pronta risposta.
Mi rendo conto che è il caso, appena possibile, di parlare apertamente. Non credo che a lui stia bene il così il suo matrimonio, una volta mi ha confidato che non ha lasciato mai la moglie per paura di una nuova convivenza che poi rovini il rapporto. Che a separarsi ci vuole coraggio. Quello che mi spinge ad un cambiamento, è che lui ultimamente è cambiato, più affettuoso e presente (nonostante il periodo), lo sento più attaccato a me. Vorrei quasi spingerlo gradualmente al grande balzo ma non so come fare.

[#3]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

non può "spingerlo al grande balzo",
bensì stimolarlo a riflettere su quello che lui vuole realmente dalla vita.

Grazie per l'apprezzamento del nostro servizio.

Saluti cordiali.
Dott. Brunailti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dottoressa,
ha ragione, in effetti è quello che vorrei, non posso essere ovviamente certa delle sue reazioni ma da come si comporta, è davvero più assiduo e si lascia andare a esternazioni affettuose che prima non aveva, era sempre molto controllato. Come posso fare? Cosa posso dire? Allo stesso tempo non vorrei essere invasiva ed ottenere malumore, già così abbiamo un bel rapporto ma io, adesso, vorrei vivere con lui.
Cordialità e complimenti per questa possibilità di dialogo e consulenza, è una professionista seria e preparata.

[#5]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Grazie dei riconoscimenti.

Il "come" parlargli, lo individuerà Lei per gradi, con lievità.
Lasciandogli il tempo di riflettere, senza pressioni.

Sono certa che Lei ce la possa fare a trovare la "giusta misura" comunicativa.

Se Le fa piacere, tra qualche tempo ci aggiorni.

Saluti cari.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno Gentile Dottoressa,
spero che il tempo sia dalla mia parte, ho pensato che, al ritorno alla 'normalità' di questo periodo, intanto per vedere come sarà il nostro rapporto tornando a rivederci per lavoro tutti i giorni e poi, mi potrebbe essere di aiuto per iniziare a parlare con lui, per fargli capire che ogni sera tornare a casa sola mi è diventato pesante. Il mio problema è che l'intesa che ho con lui non l'ho mai trovata con altri, e non voglio perderlo, cosa che accadrebbe temo se lo dovessi mettere alle strette. Vorrei invece prendesse coscienza di quello che veramente c'è tra di noi. Spero di farcela, ho paura a parlargli.
In ultimo, approfitto di questo post anche perché ho ricevuto un messaggio di solidarietà da una utente che si è cancellata, non sono riuscita a risponderle ma la vorrei ringraziare per la vicinanza.
Grazie!

[#7]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Grazie del riscontro, x 2 se la utente ci leggerà.
Se ritiene ci tenga al corrente.

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#8] dopo  
Utente
gentile dr.ssa Brunialti, sono passati tre mesi e sono ancora qui ferma nella stessa situazione. Ogni giorno che passa sono più stanca e vorrei che lui se ne rendesse conto. Adesso che siamo tornati alla normalità mi pare quasi che si sia allontanato, prima durante il covid ogni motivo era valido per cercarci, per stare insieme, per telefonarci. Adesso sembra tutto scontato e quando glielo faccio notare mi dice che mi sbaglio, che è una mia impressione. Senza di lui sto male e adesso i we da sola mi pesano più di prima. In tempo di isolamento ogni giorno si confondeva con l'altro, ora mi pesa essere sola e mi rendo conto che sono senza via d'uscita, mi è impensabile lasciarlo e continuare così sto male. Ho pensato di scrivergli una mail spiegando le mie ragioni ma non vorrei perdere quel poco che ho. Insomma, mi vedo in un vicolo cieco.

[#9]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Cara Signora,

mi dispiace, per Lei.
D'altra parte fin dall'inizio lui si era dichiarato poco propenso a lasciare la moglie, "..Che a separarsi ci vuole coraggio.."

Frequentemente sono situazioni immobili,
che terminano ... per sfinimento da parte di chi trascorre le domeniche sola, feste da sola, vacanze sola.
Avendo perso però nel frattempo anni anni di vita ed opportunità.

Se non ce la fa, chieda aiuto di persona a una nostra Collega, Le potrebbe giovare.
E' una ipotesi che può prendere in considerazione?

Saluti cari.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#10] dopo  
Utente
gentile dottoressa, grata per la risposta immediata.
Avevo pensato anche io a una consulenza psicologica, però non saprei a chi rivolgermi, non ho indirizzi non avendone mai fatte.
Il problema è però un altro, so di non riuscire a staccarmi da lui perché quando cerco di prendermi degli spazi lui diventa ancora più assiduo, cerca il contatto ogni momento ed io non riesco a allontanarmi. Mi dice che non può stare senza me, sette giorni su sette è presente, se non rispondo ai suoi messaggi in poco tempo me ne scrive altri allarmato che mi sia capitato qualcosa. Siamo solo che di whatsapp oltre a 500 alla settimana e il primo parte sempre da lui. E alla fine di tutto con lui sto bene ma ultimamente sono i fine settimana che mi pesano e se penso alle ferie già sto male.

[#11]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Se la Sua città è quella in anagrafica, è ricca di risorse.
Alcune sedute con una Psicoterapeuta aiutano sicuramente.
In anticipo non si sa bene in quale senso, ma sicuramente per capire e per capirsi.
Talvolta alcune variazioni nei comportamenti di una persona della coppia causano modifiche interessanti nella relazione.

Ho apprezzato il commento.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/