Utente
salve dottori,
Scrivo per cercare di capire cosa mi succede all'età di 30 anni.

Sono in cura presso una psicologa per cercare di capire effettivamente cosa mi stia succedendo ora chiederò anche a voi, perché che io abbia il doc per l omosessualità non ci sono dubbi, ma ciò che non mi torna sono altre cose:
Premetto che soffro di ipocondria da quando sono piccolo comunque:

Fin da piccolo e che mi ricordi in eta prescolare fino in terza media ho avuto sempre delle cotte abnormi per le mie campagne di classe una me la sono portata dalla prima elementare fino al primo superiore, le mie masturbazioni all'epoca erano sempre su ragazze, fino alle 3 media, quindi 13/14 anni che iniziano delle pulsioni omosessuali, ma non vere e proprie, perché non avevo attrazione per i ragazzi ma sempre per le ragazze, la fantasia consisteva nel fare una fellatio a un uomo maturo, ma dal momento che ero piccolo pensavo fosse una cosa normale e dato che mi piacevano le ragazze non ci davo tanto peso.
In primo superiore mi fidanzo con una ragazza con la quale faccio le prime esperienze sessuali e di questa ragazza ho un forte innamoramento che dura circa 6 mesi, da li però avviene qualcosa di strano,, : mi accorgo che non riesco a farmi piacere piu le ragazze e comincio a rimuginare sul fatto di quelle pulsioni omosessuali che ogni tanto avevo sugli uomini maturi, da li parte il doc test su test per vedere quale sia il mio.
orientamento.

Questo inferno dura per 2 anni pieno di dubbi e di test dove non mi innamoro mai ne di un uomo ne di una donna, fino a quando incontro una ragazza di cui non mi innamoro ma con la quale ho il mio.
primo rapporto quindi 16 anni mi piace da morire e mi convinco che non sono gay.
Quindi la stresso sempre per i successivi 3 anni per fare sesso con lei... parto per l esercito mi lascio con questa ragazza e mi prende un innamoramento vero per una ragazza (ormai sono completamente etero) ma non avendo rapporto sessuali cominciano i sogni bagnati su questa ragazza.
Tutto normale per altri 7 anni dove vivo la mia esistenza a cercare il sesso con le donne.

Fino a quando qualche mese fa dopo 3 anni che sto con la mia attuale fidanzata, bellissima che solo il pensiero di poterci andare a letto mi provocava un erezione, questo per 3 anni quando un giorno ho un problema erettivo e li riparte il.
rimuginio, fino a quando esplodo e per darmi una tranquillizzata decido di provare con un uomo la mia fantasia della fellatio e che succede?
Mi piace e anche tanto ahimè adesso quando guardo un uomo mi chiedo ancora se possa piacermi o possa innamorarmi di lui e tutte le volte che vedo un uomo con un bel fisico o un bel viso mi parte una sensazione strana che non so definire forse un misto di ansia o paura e attrazione ma non un attrazione che andrei li a baciarlo non so bene come definirla... vorrei capire se effettivamente io possa esser stato convinto di essere etero fino a 30 anni per poi riscoprirmi gay tutto insieme... la mia psicologa parla di doc... graz

[#1]  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ASTI (AT)
CASTELL'ALFERO (AT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
avendo già intrapreso un percorso psicologico, è importante che Lei affronti i suoi dubbi in quel contesto, anche se ciò significa ritornare su questioni già discusse.
Perché la psicologa che la segue (è anche specializzata in psicoterapia?) possa esserle d'aiuto deve avere "il polso" della situazione.
Cercare rassicurazioni altrove rischia di creare ancora più confusione e, soprattutto, rende meno efficace l'intervento della collega.
Le suggerisco la lettura del libro di Davide Dettore "La fluidità sessuale", da cui potrà trarre riflessioni da condividere con chi ha il piacere di seguirla.
E le allego questo interessante e utile articolo, con il medesimo scopo: https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/790-e-se-fossi-omosessuale.html

Cordialità.
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
cell. 331 5246947 - paola.scalco@gmail