Utente 185XXX
Salve,
mia madre, sofferente di artrosi, si sta sottoponendo a trattamenti di iniezioni con il prodotto ZOTI OTI ().

Ora sta assumento circa 2 fiale a settimana con punture quasi sempre nella zona delle anche dove soffre di più.

Mi chiedevo, ma è vero che una dose così è ben sopportata anche se continuativa e che può continuare con questo prodotto "a vita"? Ci sono controindicazioni a parte eventuali fattori allergici finora, per fortuna, mai riscontrati?

Un sentito grazie.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Internullo

36% attività
8% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)
ENNA (EN)
CALTAGIRONE (CT)
GELA (CL)
RAGUSA (RG)
AGRIGENTO (AG)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Guardi io non conosco questo prodotto.
Dr. Giuseppe  INTERNULLO
www.chirurgiadellamanocatania.com

[#2] dopo  
Utente 185XXX

Salve Dottore,
intanto la ringrazio comunque della risposta.

Le mie perplessità riguardano in generale le terapie "a vita" e non so se i componenti di questa "medicina" omeopatica......

Cartilagine 4CH - Funicolo ombelicale 4CH - Embrione 4CH - Placenta 4CH - Rhus toxicodendron 4CH - Arnica 4CH - Dulcamara 4CH - Symphytum 4CH -Sanguinaria 4CH - Sulphur 4CH - Ac. Salicilicum 4CH - N.A.D. 4CH - Coenzima A 4CH – Ac. Lipoico 4CH - Natrium oxalaceticum 4CH, ana 1 ml.

siano compatibili.

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Antonio Tamburello

24% attività
0% attualità
0% socialità
LEGNANO (MI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2012
Gentile Utente,
Per il trattamento dell' artrosi delle anche, qualora non si dovesse trattare di una fase avanzata che in tal caso necessiterebbe dell'intervento di protesizzazione
, è oggi possibile effettuare un trattamento locale attraverso l'iniezione, all' interno dell' articolazione coinvolta, di acido ialuronico ( una sostanza normalmente presente in articolazione perché prodotta dalla stessa).
Si tratta di una metodica, relativamente semplice e caratterizzata da poche controindicazioni ed altrettanti eventi avversi.
Tra l'altro, pioniere di questa metodica, in Italia, è proprio un collega che lavora presso un ospedale di Roma.
Il suo medico curante saprà di sicuro ben indirizzarla.
Cordialità
Dr. Antonio Tamburello