Utente 110XXX
Buongiorno,

mia moglie ha 27 anni e 2 settimane ha effettuato un allenamento di circa 15 min su tapis roulant con altezza ripida e velocità sostenuta
Il giorno dopo aveva entrambe le caviglie gonfie e fa parecchia difficoltà a camminare.
Il medico le ha detto che aveva una tendinite e le ha dato del muscoril e 2 compresse al giorno di bentelan per 5 gg. Il problema sembrava risolto ma, dopo aver camminato su un terreno collinare, si è ripresentato.
Domenica stati al pronto soccorso dove le hanno detto che forse aveva un'artrite.
Le hanno fatto gli esami del sangue e i valori VES e PCR erano alti (38 e 3,58) ed ora le hanno detto di prendere il deltacortene.
Lunedì appena si è svegliata oltre al dolore alle caviglie lamentava anche dolori alle ginocchia , alle anche e ai gomiti.

Ieri siamo stati dal reumatologo che senza aver fatto delle analisi del sangue ha detto che si tratta di artrite reumatoide da trattare con plaquenil e medrodol..

A mia moglie qualche settimana fa era stata diagnosticata una flogosi (dopo pap test) e si sta curando con degli ovuli.

Potrebbe essere un'artite infettiva causata da qualche germe?

Ora le caviglie non sono più gonfie e il dolore atroce si trova sulle ginocchia...
Sta facendo molta fatica a camminare..

Spero in un vs riscontro

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Marco Aurelio Tuveri

24% attività
4% attualità
4% socialità
ORISTANO (OR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2004
Gent. mo signore,
la sintomatologia accusata da sua moglie è molto aspecifica, può essere la conseguenza di uno sforzo, oppure una artrite reattiva, oppure l'esordio di una artrite cronica o una connettivite.
Il problema diagnostico sta proprio nella recente insorgenza della sintomatologia, e nella terapia instaurata, poichè il cortisone maschera il quadro clinico e di laboratorio, ritardando la diagnosi.
Consiglierei, con il controllo del medico di famiglia, di interrompere la terapia cortisonica e sostituirla eventualmente con sintomatici. Se la sintomatologia persiste ripetere dopo circa due settimane i seguenti esami: VES, PCR, Ra-test, Ab-CCP, ANA, ENA, Ab-DNA, ANCA, elettroforesi proteica, emocromo completo, GOT, GPT, creatininemia; quindi con i risultati contattare un reumatologo.
Cordiali Saluti
MARCO AURELIO TUVERI

[#2] dopo  
Utente 110XXX

Gent.mo dottore la ringrazio,

prima di farle fare gli esami del sangue le ho fatto sospendere per qualche giorno i cortisonici..
Ieri (nonostante il parere contrario del medico di base) abbiamo fatto i seguenti esami:
emocromo, VES,pcr, ANA,Ena, reuma test, anticorpi anti citrullina,protidogramma elettroforetico, transaminasi, esami tiroide.
La prossima settimana le farò fare anche un tampone vaginale.

ll dolore alle caviglie è sempre forte e non riesce a camminare (se lo fa riesce solo a strisciare i piedi piano piano).
Le caviglie sono gonfie, un po' rosse sul collo e lateralmente, sente dolore anche sui tendini d'achille e a volte il ginocchio punge..

La cosa che mi lascia perplesso è che non le è mai stata fatta una radiografia o un' ecografia..

P.S.: un mese fa (prima del famoso allenamento) aveva fatto degli esami del sangue per controllo generale e il pcr era a posto.

[#3] dopo  
Utente 110XXX

Abbiamo fatto tutti i controlli sanguigni ed è tutto a posto.

Dal tampone faringeo è risultata la presenza di Pseudomonas spp.

Si sta curando con augmentin e aspirina + delle punture di clexane per sgonfiare le caviglie e sembra che tutto sia ok.

Quindi si può dire che l'artrite era di tipo reattiva?