Utente 703XXX
gentile dottore mi chiamo anna ho 44 anni e soffro da ben 14 anni di un dolore alla schiena, puntiforme, acuto lancinante che mi ha notevomente limitato la vita. dopo tante indagini sull'origine del dolore e escludendo finalmente origine articolare, ifatti non ho ernie ne protusioni ne scoliosi, l'ultimo ortopedico mi ha suggerito il reumatologo per una probabile fibromialgia. sono andata al gemelli di roma al reparto integrato columbus e li un giovane dottore mi ha diagnosticato un semplice reumatismo miofasciale prescrivendomi il samyir la sera ed una fiala di nicetile una volta a settimana per 8 sett. mi sento un po meglio ma non completamente anche se la cura l'ho iniziata da poco. io scrivo per sapere un po di piu su questo"reumatismo mio fasciale" che mi hanno diagnosticato e come affrontare il dolore se si ripresenta al termine della cura spero tanto in una vostra risposta . grazie di cuore. anna.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Tra i reumatismi extrarticolari le sindromi miofasciali si caratterizzano per il riscontro dei cosiddetti punti grilletto o "trigger points", la cui pressione genera un dolore irradiato a distanza. Alcuni studi ipotizzano anche per questo tipo di disturbo gli stessi meccanismi di sensibilizzazione centrale caratteristici della fibromialgia. Altri sintomi di accompagnamento possono essere astenia, turbe del sonno, alterazioni dell'umore. Nella diagnosi differenziale devono essere prese in considerazione ed escluse tutte le altre cause di dolore muscolare localizzate e diffuse. La terapia prevede l'utilizzo di vari farmaci per via sistemica e il trattamento con diverse tecniche infiltrative e riabilitative. MG
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 703XXX

gentilissimo dott.Granata, grazie per la risposta. io sto finalmente un po meglio anche se non so se è l'effetto del samyr oppure del nicetile anche se ho fatto una sola puntura domenica scorsa. ho dimenticato di dire che il mio trigger point si trova in un punto della dorsale sinistra circa a metà e nel tempo si è esteso nella corrispondente zona destra, e cosi io ho trascorso una delle più brutte estati della mia vita, con il dolore e la fatica di occuparmi di mia madre che nel 2005 ha avuto un'aneurisma cerebrale e poi il vaso spasmo. io insegno, e solo quando sto fuori da casa mi distraggo e sto meglio. forse non ci crederà ma per questo dolore io non ho avuto una vita normale neanche prima perchè il dolore era diventato psicosomatico e scattava in tutte le situazioni in cui io mi trovavo in difficoltà, quindi mi stavo chiudendo sempre di più in me stessa e in casa. solo adesso sto dando un sospiro di sollievo ma ho tanta paura che il dolore possa ritornare. le volevo anche dire che tra gli specialisti consultati vi è stato anche un neuro chirurgo che per prima mi ha parlato di sindrome mio fasciale e mi ha praticato un ciclo di tre punture di cortisone ma il dolore non è scomparso neanche per un minuto . ho pianto tanto nella mia vita per questo motivo perchè, la farò sorridere, io pre allontanare la puntura di spillo che sentivo, mi dovevo massaggiare con le mani e rompevo le maglie intime ed anche esterne facendo dei veri e propri buchi! a maggio ho fatto anche l' idrokinesiterapia ma tutto inutile. le volevo solo chiedere gli esami specifici da fare per sapere se si tratta di fibromialgia o sindrome mio fasciale e che adesso con la cura dormo..dopo aver preso in estate armovita della aboca con melissa, iperico e altre sostanze calmanti, e anche che faccio tante cose in casa, fuori ma che sono molto instabile di umore specie nel periodo premestuale ..infatti in quel periodo combino solo guai a parole, divento aggressiva e litigiosa con tutti. mi scusi dottore per essere stata cosi lunga ma credo che questo possa servire a capire di cosa soffro dall'aprile 1994. con simpatia. anna.

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Cara Anna la ringrazio per la simpatia che ricambio cordialmnte. Non esistono esami in grado di confermare la diagnosi delle malattie in oggetto. La diagnosi è clinica e viene posta dopo aver escluso le altre patologie che possono manifestarsi con gli stessi sintomi. Sia serena e continui il trattamento prescritto. Il rapporto con lo specialista è fondamentale e mi sembra che lei abbia avuto la fortuna di conoscere un collega che con scrupolosa competenza ha posto la diagnosi corretta e, da quanto lei riferisce, la giusta terapia. Su con la vita! MG
Mauro Granata

[#4] dopo  
Utente 703XXX

GENTILISSIMO DOTT.MAURO GRANATA NON SO SE HA RICEVUTO LA MIA PRIMA RISPOSTA AL SUO CONSULTO. IO LA RINGRAZIO DI NUOVO E RISCRIVO DAL MOMENTO CHE HO VISTO CHE LEI E' ANCHE MEDICO INTERNISTA E QUINDI LE POSSO ANCHE PARLARE DELLE MIE RECENTISSIME ANALISI FATTE PROPRIO IN FUNZIONE DELLA VISITA REUMATOLOGICA. LE VOLEVO SOLO DIRE CHE ADESSO DORMO BENE SONO PIU CALMA MA NON ACCUSO STANCHEZZA ANCHE DOPO TANTA FATICA, E LA FACCIO, MA RISENTO DI ALTERAZIONI DELL'UMORE MOLTO SPESSO. LE MIE ANALISI SONO:

glicemia 87
colesterolo totale 162
trigliceridi 53
creatinina 0,90
bilirubina 0,32;0,12; 0,20
got 15
gpt 15 fosfatasi alcalina 55
gamma g.t. 15
sideremia 14
potassio 4,0
calcio totale 9,6
ves 1°ora 16
proteina c reattiva 0,02
reuma test 8,0
globuli rossi 4.230.000
emoglobina 8,4
ematocrito29,8
MCV 70,4
MCH 19,9
MCHC 28,2
RDW-SD 41,4
RDW-CW 19,6
GLOBULI BIANCHI 4.510
granulociti neutrofili 49,8
granulociti eosinofili 11,8
granulociti basofili 0,7
linfociti 31,5
monociti 6,2
alterazioni morfologiche: discreta anisopoichilocitosi, marcata ipocromia
piasrine 160.000
PDW 16,2
MPV 10,9
P-LCR 33,9
TSH 1,60
TRIODOTIRONINA LIBERA FT3 3,3
TIROXINA LIBERA 11.4; TIREOGLOBULINA 34;AbANTI TIREOGLOBULINA>500
FERRITINA 1,0
ALBUMINA 60,1;ALFA1 2,6;ALFA 2 5,7;BETA 11,2; GAMMA 20,4 PROTEINE TOTALI 7,90.
LO SO CHE SONO MOLTO GIU CON IL FERRO STO ASSUMENDO IL FERROGRAD, PUO BASTARE.
SE LA MIA PATOLOGIA E REUMATISMO MIO FASCIALE, E' CONFERMATO DALLE ANALISI? E COSA MI PUO DIRE SULLE TERAPIE INFILTRATIVE DI CUI LEI HA PARLATO E DI TECNICHE RIABILITATIVE? MI SCUSI SE SONO STATA COSI LUNGA MA ANCHE SE STO UN PO MEGLIO HO TANTA PAURA CHE IL DOLORE POSSA RITORNARE E ALLORA IO LO VOGLIO AFFRONTARE MA CON LA CONSAPEVOLEZZA CHE DOPO 14 ANNI SO, CONOSCO E POSSO RISOLVERE QUEL DOLORE CHE MI HA FATTO STARE TANTO MALE . GRAZIE INFINITE. ANNA.

[#5] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Il suo problema è stato correttamente inquadrato dal collega della Columbus. E' stata impostata una efficace terapia che sta sortendo i risultati sperati. Non mi sembra perciò deontologicamente corretto entrare nel vostro rapporto medico paziente, peraltro con i limiti di valutazione di questo contesto virtuale. MG
Mauro Granata

[#6] dopo  
Utente 703XXX

Gentile dott Granata, comprendo la sua stima e rispetto per la categoria, specie per i reumatologi e la apprezzo tanto. non volevo creare situazioni competitive. io ho tanto cercato e alla fine ho trovato la soluzione. mi accontento di questo e' davvero tanto !perchè non ci ho pensato prima?.
La ringrazio e la saluto con simpatia, le sue parole mi hanno rasserenato. Spero che in futuro mi possa rivolgere a lei anche per la sua specializzazione di medico internista .anna.