Utente
Buonasera, avrei bisogno di un consiglio sull'alimentazione da far seguire a mio figlio di 11 anni che si ritrova con trigliceridi alti e un po' di anemia. Tende a gonfiarsi con pasta e pane o carboidrati in genere. Nell'ultimo anno è ingrassato proprio sull'addome ed è in piena fase puberale. A differenza di me non ha (perfortuna) problemi di tiroide.Posso dirvi che è alto e di ossatura robusta. Mi sto preoccupando per il risultato di queste analisi , 5 anni fa' circa è risultato un picco di colesterolo. Come posso tenere sotto controllo questi grassi e l'anemia? Vi ringrazio sino ad ora per le linee guida che vorrete darmi.

[#1]  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
MANFREDONIA (FG)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. signora,

in assenza di valori relativi all'assetto lipidico ed il mancato riferimento ad una eventuale iperlipemia familiare, è indicativo di un'alimentazione sregolata e priva di apporto di fibra per Suo figlio.

Per quelli che sono i limiti di un consulto on-line, posso solo consigliare di ridurre l'apporto di cibi ad alto contenuto di carboidrati (in particolare zuccheri semplici come dolci, creme, merendine, bevande zucherine, ecc.) e di grassi animali (in particolare insaccati, affettati, formaggi grassi) e far consumare carni magre, pesce, legumi, tanta verdura e frutta.

Per un utile approfondimento:

https://www.medicitalia.it/blog/scienza-dell-alimentazione/2051-obesita-infantile.html

Cordiali saluti.
Dott. Serafino Pietro Marcolongo
Dietologia - Medicina Estetica

IL CONSULTO ONLINE NON SOSTITUISCE LA VISITA DIRETTA!

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio della sua risposta e le chiedo un 'ultima cosa , faccio bene a sostituire la pasta "normale" con quella integrale o di mais e limitare il consumo di pane (anche quello integrale)?

Le dico che da quando ha avuto 5 anni fa il problema del colesterolo sto molto attenta a non dargli troppi insaccati e per i problemi di digestione dei carboidrati complessi sto attenta anche a quelli.
Ma ogni tanto ammetto di mollare la presa proprio per non farla diventare una ossessione .
Mi lasciano perplessa sia i suoi risultati che i miei . Risulto con il colesterolo alto e sono vegetariana (Tra le altre cose non ho mai avuto problemi di colesterolo).
Vorrei eseguire un altro controllo tra un mese , dovrei fare qualche altro esame oltre a quelli di base , potrebbe consigliarmi?
Seguirò le sue linee guida e starò ulteriormente attenta.

Cordialmente.




[#3]  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
MANFREDONIA (FG)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gent. signora,

sull'utilizzo di prodotti integrali sono d'accordo...a metà, nel senso che seguendo un regime alimentare ipolipidico (come consigliato nel mio precedente post) è possibile consumare pasta e pane non necessariamente integrali.

Gli esami da ripetere per stabilire l’assetto lipidico sono principalmente il Colesterolo totale, il colesterolo HDL e i Triglicerdi, a cui può essere associato il dosaggio della frazione LDL del colesterolo.

Un utile approfondimento per la corretta classificazione di alcune forme di iperlipidemie familiari su base genetica, si basa sul Lipidogramma elettroforetico.

Se vuole, mi aggiorni pure.

Cordialmente.



Dott. Serafino Pietro Marcolongo
Dietologia - Medicina Estetica

IL CONSULTO ONLINE NON SOSTITUISCE LA VISITA DIRETTA!