Utente 109XXX
Gentili medici, stasera ho avuto un episodio dubbio che mi spinge a chiedere un consiglio. All'improvviso, mentre ero seduta al pc ho sentito scendere dall'alto al basso, un brivido gelido al seno sinistro, come scorresse un liquido. Ho subito voluto controllare e sulla maglietta era presente una goccia incolore di un liquido. Ho schiacciato leggermente il seno e dal capezzolo compariva un liquido lattiginoso, tra il bianco ed il giallo. Non grandi quantità, solo qualche goccia e solo premendo il seno, ma la cosa mi ha preoccupato. Innanzitutto sono una ragazza di 29 anni, ad ottobre dello scorso anno ho avuto una bambina allattata al seno per 15 giorni, è subentrata in seguito un'infezione post parto che mi ha diminuito il latte in modo considerevole e ho deciso di non allattare più per la poca quantità di latte che potevo dare a pasto alla bambina. Sia durante l'allattamento che subito dopo ho visto la comparsa di alcuni noduli al seno, rivelati dopo un'ecografia mammaria essere delle ghiandole e dotti mammari ingrossati. Ho il seno piccolo, nemmeno una seconda, e questo mi ha permesso di accorgermi immediatamente, a maggio, di una grossa bozza dura poco sotto il capezzolo proprio del seno in questione, il sinistro, che ho immediatamente fatto controllare con un'ecografia. Il medico ha asserito essere un fibrolipoma, il mio medico di base mi ha consigliato di non operarlo se non proprio fastidioso (è a livello del ferretto del reggiseno). Non so se può essere pertinente ma avuto febbre molto alta (38,5)e sintomi simili all'influenza un paio di giorni, fino a ieri, oggi non ho superato 37,2. Non ho contattato il medico credendo fosse una semplice alterazione dovuta al brusco cambio di temperature. Durante questi giorni non ho mai usato il reggiseno. Ho terminato il ciclo mestruale 2 giorni fa. Ho cercato di fare un'autopalpazione ma non capisco se sono presenti noduli, non sembra. Il seno destro non perde alcun liquido nemmeno premendo. Confido in una risposta. Mille grazie in anticipo

[#1] dopo  
Prof. Simone Ferrero

28% attività
0% attualità
12% socialità
CAIRO MONTENOTTE (SV)
GENOVA (GE)
ALBISOLA SUPERIORE (SV)
CHIAVARI (GE)
LOANO (SV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Penso che non si debba preoccupare. Secrezioni lattiginose o siero-lattiginose sono spesso legate a problematiche ormonali. Può essere comunque utile dosare la prolattina su sangue e verificare con il dosaggio del progesterone se ha una normale ovulazione. Non credo sia indispensabile ripetere l'ecografia mammaria (che se ho capito bene ha eseguito da poco tempo). Le consiglio comunque di parlarne con il suo medico curante.
Prof. Simone Ferrero
www.simoneferrero.it
www.piazzadellavittoria14.it

[#2] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Anche io sono convinto che non si debba preoccupare
ma ci sono alcuni dettagli che non ho ben compreso.

Mi risponda dopo avere letto

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=36893

1)<<ho sentito scendere dall'alto al basso, un brivido gelido al seno sinistro, come scorresse un liquido. Ho subito voluto controllare e sulla maglietta era presente una goccia incolore di un liquido>>>
Quindi devo supporre che abbia avuto una secrezione monoporica sierosa o acqua di fonte abbondante.

Il fatto che poi schiacciando il capezzolo fuoriescano tracce di secrezione lattigginosa è secondario ,stante la recente gravidanza.

Può confermarmi quanto ho esposto ?

2)Esistono fattori di rischio nella sua storia (*) (es. familiarità) ?

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=83424
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=50919

(*) La stessa gravidanza, che va considerata un fattore di protezione definitivo, nei primi tre anni va considerata un fattore di rischio per le intuibili implicazioni ormonali . E quindi in tale periodo vanno
amplificati di criteri di sorveglianza.

3)<< Il seno destro non perde alcun liquido nemmeno premendo.>>

Conferma che si tratti quindi di una secrezione monolaterale e vista l'abbondanza della secrezione acquosa probabilmente monoporica ?

Ovviamente non c'entra nulla la prolattina perchè in tal caso la secrezione sarebbe bilaterale soprattutto se provocata.

Conclusioni :
1)osserverei il fenomeno mantenendo un dischetto o garza sotto il reggiseno.
In caso di persistenza di secrezione monoporica monolaterale sierosa abbondante (trascuri quella lattiginosa) farei una visita
2) Ripeterei comunque l'ecografia

SENZA PREOCCUPARSENE

Cordiali saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#3] dopo  
Utente 109XXX

Gentilissimi medici, innanzitutto grazie per queste risposte. Vorrei confermare al dottor Salvo Catania quanto segue: confermo il primo punto, la perdita è avvenuta solo dal seno sinistro e dapprima spontaneamente, proprio come una goccia di liquido. Secondariamente, avendo visto questa goccia (incolore sul tessuto nero della maglietta) ho premuto il seno per essere certa che fosse una fuoriuscita di liquido dal seno e ho visto prima una secrezione trasparente e poi lattiginosa. Non è stata una secrezione abbondante comunque, anche se avvertita.
2) Mia nonna ha avuto due carcinomi ad entrambi i seni, all'età di 50 e 70 anni, entrambi operati. Una zia materna è stata da poco operata per lo stesso motivo ed una zia paterna è attualmente sottoposta a chemio.
3)confermo che il seno destro non ha perso alcun liquido nemmeno sotto pressione.
Preciso inoltre che dopo questo episodio a qualche ora di distanza ho provato schiacciando, a verificare ulteriori perdite ma non ho più avuto fuoriuscite.

Vi ringrazio ancora e saluto cordialmente

[#4] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Pur convinto che si tratti di un episodio occasionale Le riconfermo l'invito ad un approfondimento precauzionale
in considerazione di (riassumo) :

-familiarità elevata (tra cui un caso di carcinoma bilaterale)
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=50919

-monolateralità e monorifizialità della secrezione
(non tenga conto delle altre secrezioni provocate)
-caratteristiche della secrezione
-recente gravidanza come ulteriore fattore di rischio

OCCUPARSENE senza PREOCCUPARSENE.

E ci aggiorni se lo desidera (anche se, come probabile, tutto dovesse risolversi in nulla)

Cordiali saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#5] dopo  
Utente 109XXX

Gentili medici, sono costretta a scriverVi nuovamente per il medesimo problema. Il pimo episodio è accaduto appunto a fine settembre, quando Vi ho scitto. I primi giorni di ottobre sono stata dal mio medico di base per comunicare il problema, che in dieci giorni si è presentato in tutto un paio di volte. La mia dottoressa mi ha rassicurato tanto da non inviarmi nemmeno a fare accertamenti, mi ha solo detto di tenere sotto controllo il fenomeno e farle sapere se si ripresentava. L'accaduto è successo altre due volte, sempre preannunciato da una sensazione di turgore del seno, come quando mi veniva il latte durante l'allattamento. Subito dopo controllando, il capezzolo era bagnato, la biancheria anche e premendo il seno fuoriusciva ulteriore liquido, prima trasparente poi bianco latte, sempre in modestissime quantità. Qualche giorno fa ho ricontattato la mia dottoressa e rassicurandomi mi consiglia di continuare a tenere sotto controllo la situazione anche in base al ciclo mestruale. L'ultima mestruazione è stata il giorno 10 ottobre. Stasera un altro episodio del genere si è verificato però più abbondante, di maggior durata e da entrambi i capezzoli. Prima seso di turgore al seno, poi capezzoli bagnati e macchiolina sulla biancheria e a pressione abbondante fuoriuscita dal lato sinistro e leggera dal destro. Devo iniziare a preoccuparmi? Il mio medio non ritiene necessaria un'ecografia mammaria perchè dice che avendo fatto la precedente ad aprile non è necessaria, oltre poi al lungo tempo di attesa al quale andrei incontro. Che devo fare?

[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non è possibile tramite Internet inquadrare correttamente il suo caso.

Le ragioni che impongono un approfondimento gliele ho
suesposte.

Se la secrezione ha caratteristiche simili bilateralmente segua il consiglio del suo curante e non si preoccupi.

Se UNA e UNA SOLA di un SOLO PORO di UN SOLO LATO ha caratteristiche diverse (sierosa, abbondante, spontanea)
allora insista con il suo curante a costo di stampargli quanto ho replicato io.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com