Utente 267XXX
Salve,vorrei chiedervi un parere riguardo a un referto mammografico monolaterale sx ed ecografia alla stessa mammella effettuato a mia madre che ha 53 anni.Cito le parole del referto:"distorsione ghiandolare retroareolare intermediana sinistra,nei particolari mirati si apprezza,nella stessa sede,focolaio di microcalcificazioni sul quale si consiglia biopsia stereotassica.Al controllo ecografico non si rilevano formazioni nodulari solide".Ci è stato spiegato che se dalla biopsia dovvesse risultare che le microcalcificazioni sono maligne,vanno asportate.Le conseguenze quali sono?mastectomia totale?Chemioterapia?Rischia la vita?Grazie per l'attenzione,spero di ricevre una risposta perchè come potete immaginare sono preoccupata.Saluti

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Microcalcificazioni non vuol dire sempre tumore maligno. Siamo ancora nella fase di approfondimento diagnostico.

In generale in una mammografia "trasparente" le calcificazioni essendo sostenute da deposito di sali di calcio (fosfati, carbonati, ossalati ecc) sono di facile rilievo soprattutto con la strumentazione moderna.

Esse tuttavia sono talvolta difficili da interpretare (il cosiddetto valore predittivo positivo in alcune casistiche è di appena il 10 %) e la difficoltà di interpretazione aumenta in rapporto alla evoluzione tecnologica che permette di vederne sempre di più e sempre più piccole.

Sembra quindi più opportuno parlare di calcificazioni, definendole di volta in volta "benigne", "dubbie" e di "tipo maligno" .

Le calcificazioni benigne non richiedono neanche controlli e quelle maligne devono essere sottoposte a intervento chirurgico.

Quelle dubbio-sospette vanno meglio definite tramite un approfondimento diagnostico cioè con un esame istologico, che può essere ottenuto con un intervento bioptico a cielo aperto o con uno strumento chiamato Mammotome, che si basa sull'aspirazione meccanica eseguita da un apposito strumento connesso con una agocannula.
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=43463


Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 267XXX

La ringrazio per la risposta tempestiva e per le delucidazioni circa gli approfondimenti da effettuare,ma se dovessero risultare maligne quali sono i rischi?E' ad uno stadio iniziale o è preoccupante?

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Dipende dalla
1) estensione della malattia
2) dalle sue caratteristiche biologico (aggressivo o poco aggressivo ? per semplificare)
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 267XXX

E' proprio questo che non mi e' chiaro,perche' c'e' scritto apertamente che non ci sono noduli,la zona in cui si concentrano le microcalcificazioni e' di pochi cm,se ci fossero state altre masse anomale sarebbero state segnalate giusto?quindi l'estensione ipotetica di questo tumore sarebbe nella zona delle microcalcificazioni?mi aiuti a capire per favore

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Si confermo e questo suggerisce un cauto ottimismo.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 267XXX

La ringrazio moltissimo. Buon lavoro

[#7] dopo  
Utente 267XXX

Buongiorno Dottore,le avevo scritto circa un mese fa per un consulto su delle microcalcificazioni sospette diagnosticate a mia madre su cui e' stata poi effettuata una biopsia stereotassica. Cito la diagnosi del medico patologo:"parenchima mammario sede di fibrosi,dilatazione cistica duttale,adenosi ed iperplasia micropapillare". Il medico radiologo che ha effettuato la biopsia ha asportato durante la stessa l'intero frustolo di tessuto,ma nonostante la benignita' dell'esame istologico ha proposto a mia madre un ciclo di radioterapia spiegando che si tratta comunque di un tumore seppur benigno che potrebbe riformarsi. Il senologo invece ha proposto un nuovo controllo fra sei mesi e nessuna terapia. Visto che i due pareri sono discordanti le chiedo per favore di esprimere anche il suo e le dico che io sarei piu' propensa alla terapia ora piuttosto che ad un controllo tra sei mesi sia per stare piu' tranquilli e poi perche' da quando e' stata effettuata la prima diagnosi sono gia' state eseguite due mammografie piu' una terza durante la biopsia,nel giro di tre mesi. Farne un'altra tra sei mesi non sarebbe dannoso? Ricordo che io stessa prima della biopsia chiesi al medico radiologo se invece di intervenire non si poteva tenere sotto controllo e mi rispose negativamente sia per la necessita' di effettuare la diagnosi precocemente in caso di malignita' e poi perche' gia' era al secondo controllo mammografico e una successiva mammografia dopo pochi mesi non sarebbe stata salutare. La ringrazio per l'attenzione, cordial saluti.

[#8] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sono perplesso anche io e a distanza non si può aggiungere ulteriore contributo.

Chiederei un incontro non con >> Il medico radiologo che ha effettuato la biopsia ha asportato>>, ma con un radioterapista.

Intanto passo il consulto ad un nostro bravo radioterapista.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#9] dopo  
Utente 267XXX

In attesa della risposta del radioterapista lei puo' confermare la benignita'?perche' sta passando del tempo tra i vari esami,risultati e pareri e sono preoccupata,mi sembra di non fare niente di perdere del tempo prezioso.

[#10] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ma è una lesione benigna proliferativa : è stata scatenata una tempesta in un bicchiere d'acqua. State assolutamente tranquilli.

Addirittura >>mi sembra di non fare niente di perdere del tempo prezioso>>> ??
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#11] dopo  
Utente 267XXX

Mi scusi se sono sembrata melodrammatica,ma sinceramente con questi pareri così discordanti non so cosa fare e temo che ascoltare l'uno piuttosto che l'altro possa poi farmene pentire in futuro visto che il medico radiologo nel sottolineare la sua idea pro radioterapia ha detto che per lui bisognava farla per evitare che si riformi e che i tumori seppur benigni se non curati possono evolvere in negativo.

[#12] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Lasciamo perdere....e senta il parere del radioterapista e vedrà che avrà le risposte tranquillizzanti soprattutto se rifiuterà di fare la radioterapia.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#13] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Scusate il ritardo...
In base all'esame istologico, se riportato correttamente, non sussiste nessun motivo per procedere ad una radioterapia di completamento. Il trattamento radiante e' infatti indicato esclusivamente per completare l'intento del chirurgo i radicalizzare la malattia tumorale, una volta accettata con sicurezza. Nel suo caso non essendoci tumore alla valutazione istologica, non c'è indicazione a radioterapia.
Spero di essere stato chiaro.
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#14] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ringrazio il collega, perchè detto da me >>Sono perplesso anche io >>
aveva minor valore, ma detto da un radioterapista credo che ora la situazione possa per Lei essere più chiara.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#15] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>per lui bisognava farla per evitare che si riformi e che i tumori seppur benigni se non curati possono evolvere in negativo. >>

Altra informazione SCORRETTA .

Le lesioni benigne , solo nel 30% dei casi, incrementano il rischio totale.

Quindi non evolvono in "nulla" ma possono aumentare il rischio di tumore

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/44/Come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno

Legga

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/64-fattori-indicatori-rischio-carcinoma-mammario.html

>>> Solo il 30 % delle donne sottoposte a biopsia chirurgica per lesioni benigne hanno un rischio aumentato e riguarda solo le lesioni cosiddette proliferative.
- Se l’iperplasia è moderata il rischio aggiuntivo è del 2%, se si osservano atipie è del 4,5 %. Tuttavia esistono condizioni di sinergismo, nel senso che se la proliferazione si associa alla familiarità il rischio relativo è raddoppiato (RR=3-4), se contiene atipie associate a familiarità il rischio è triplicato (RR=9).
Importante è il fattore tempo: se entro dieci anni dalla biopsia che rivela una iperplasia con atipie non si manifesta un cancro il rischio relativo si dimezza.
- Fibroadenomi “complessi”: i cosiddetti fibroadenomi complessi ( http://www.senosalvo.com/approfondimenti/fibroadenoma.htm ), contenenti cisti, adenosi sclerosante, calcificazioni epiteliali o alterazioni di tipo apocrifo e papillare, presentano un rischio superiore (RR=3) rispetto ai comuni fibroadenomi.
- La “radial scar” aumenta il rischio relativo di 2 volte e di 3 volte se si associa ad iperplasia. >>
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#16] dopo  
Utente 267XXX

Vi ringrazio entrambi per le delucidazioni perchè mi sono state utili, ora ho capito realmente le cose. Sono stata fraintesa dal dott. Catania perchè lui giustamente ha subito capito che non si trattava di nulla di grave, io no. Chiedo ancora scusa ma era dovuto semplicemente a delle parole, che tra l'altro ho riportato, di un medico che mi parlava della necessità di fare una terapia sottolinendone l'importanza e di un altro che invece diceva il contrario. Spero che possiate capirmi... Buon lavoro

[#17] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Altrochè ! Ci siamo capiti in tutto.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com