Utente 186XXX
Buongiorno a tutto lo staff. Ho 38 anni e ho due bambini che ho allattato al seno. Ultimo allattamento febbraio 2009.
A gennaio di quest'anno ho avuto una prima mastite (non allattavo) curata con antibiotici. Di nuovo a aprile una mastite curata con antinfiammatori. Ecografia e mammografia negative. Avevano riscontrato alcune microcalcificazioni a carattere sparso di tipo displasico. A novembre al controllo mensile di auto palpazione ho avuto una piccola perdita scura dal seno sinistro. Ogni mesi ho perdite non spontanee di liquido giallo da entrambi i seni.
Ecografia negativa. Lieve ectasia dei dotto retroareolari. Visita senologica negativa. Mi è stato fatto fatto l'esame citologico del segreto e il risultato è il seguente: "materiale sieroso e detritico di fondo. Alcune emazie. Numerosi macrofagi talora con emosiderina intracitoplasmatica. Linfociti. Alcuni granulociti neutrofili. Un unico cluster di cellule duttali con focale ipertrofia nucleare. Quadro citologico compatibile con iperplasia papillare intraduttale".
Mi consigliano una risonanza bilaterale tra un mese e di nuovo l'analisi del secreto tra 4 mesi. Vorrei per cortesia avere una vostra opinione. Il seno è dolente soprattutto nei giorni successivi all'ovulazione. È necessario fare altre indagini? L'iperplasia duttale aumenta il rischio di carcinoma? Visto il quadro dovrei intensificare i controlli annuali? Non ho familiarità al k almeno per il momento. Ringrazio anticipatamente ed auguro una buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Stia tranquilla . Quello che ci allega è solo il referto di un esame citologico, che comunque non descrive alterazioni maligne.

Penso che la Risonanza Magnetica Mammaria, senz'altro indicata, la tranquillizzerà del tutto.

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/quando_perche_fare_RMM.htm
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 186XXX

Gent.mo dott Catania intanto grazie per la Sua tempestiva risposta. Tuttavia volevo chiedere secondo Lei come mai il mio seno subisce queste modificazioni? Potrebbero essere squilibri ormonali? Queste continue "infiammazioni" potrebbero aumentare il rischio di ca al seno? Come sempre La ringrazio.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non riesco a comprendere da quanto scrive perchè parla di mastiti e poi di secrezioni sierose

Dovrebbe chiarire meglio

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/77-secrezioni-seno.html

e comunque la Risonanza chiarirà meglio
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 186XXX

Dopo aver partorito nel 2008 ho sempre avuto secrezioni lattescenti dal seno ma non spontanee riscontrate alla visita ginecologica. La prolattina ha sempre valori nella norma. Poi quest'anno a gennaio e aprile ho avuto due episodi di mastite con seno sinistro molto gonfio febbre alta e secrezione sempre lattescente. La prolattina era un poco fuori dal limite massimo. E poi a novembre da una auto palpazione riscontro una piccola perdita ematica di cui ho allegato esame citologico. Tutti questi problemi al seno sinistro secondo lei perché?

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Senza una visita è impossibile azzardare ipotesi. La Risonanza, Le ripeto, senz'altro ci darà maggiori informazioni.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 186XXX

Buonasera dott. Catania, come da precedente post le riporto quanto risultato dalla risonanza.
"In entrambe le mammelle è presente un diffuso enhancement di aspetto parenchimale sui piani profondi, centrali ed esterni, con curve relative di tipo I, in assenza di enhancement focali sospetti.
Non evidenti patologiche tumefazioni linfonodali nelle regioni ascellari dove si rilevano piccoli linfonodi reattivi."

Lei cosa ne pensa? Non mi è chiaro il discorso dei linfonodi reattivi sotto ascella.

Per i quanto riguarda la iperplasia papillare intraduttale lei come procederebbe?
La ringrazio infinitamente.

[#7] dopo  
Utente 186XXX

Buonasera dott. Catania, come da precedente post le riporto quanto risultato dalla risonanza.
"In entrambe le mammelle è presente un diffuso enhancement di aspetto parenchimale sui piani profondi, centrali ed esterni, con curve relative di tipo I, in assenza di enhancement focali sospetti.
Non evidenti patologiche tumefazioni linfonodali nelle regioni ascellari dove si rilevano piccoli linfonodi reattivi."

Lei cosa ne pensa? Non mi è chiaro il discorso dei linfonodi reattivi sotto ascella.

Per i quanto riguarda la iperplasia papillare intraduttale lei come procederebbe?
La ringrazio infinitamente.

[#8] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
[#9] dopo  
Utente 186XXX

Grazie ancora per la sua tempestività e la sua competenza.
Le auguro una buona giornata.

[#10] dopo  
Utente 186XXX

Gent.mo dott. Catania, torno a riscriverle per avere un Suo preziosissimo parere perché nuovamente nei giorni scorsi ho avuto una piccola secrezione ematica dal seno destro (monorifiziale) e una secrezione verdastra dal seno sinistro.
Hanno fatto lo striscio e dall'analisi citologica risulta negativa.
Mi hanno detto che non evidenzia nemmeno la presenza di papilloma come inizialmente ipotizzato.
A fine gennaio avevo eseguito mammografia ed era risultata negativa.
A questo punto mi chiedo come mai queste secrezioni, se la risonanza (fatta a gennaio 2013 quando esisteva già il problema), la mammografia e l'esame citologico sono tutti negativi?
La dott.ssa che mi ha seguita ritiene plausibile un consulto con un chirurgo per vedere di togliere il dotto.
Lei cosa ne pensa?
Certa di una Sua risposta, La saluto cordialmente.



[#11] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Adistanza non saprei cosa risponderle, ma sarei perplesso a "togliere il dotto" ....senza una diagnosi ?
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com