Utente 252XXX
Buongiorno Dottori,
è da alcuni giorni che avverto fastidio all'ascella destra, a seconda dei movimenti ( ma a volte anche a riposo), avverto come una fitta o comunque un senso di dolore. Toccando la parte ho sentito una pallina all'interno, che mi sembra sia mobile anche se dura. Più di un anno fa mi riscontrarono un linfonodo reattivo , effettuati diverse ecografie per stare più tranquilla e tutte diedero lo stesso esito, consultai anche un ematologo ed un immunologo che mi visitarono e mi fecero fare anche tutti i controlli nell'analisi sangue da dove non emerse nulla e confermarono la diagnosi del linfonodo reattivo. Secondo loro e secondo il mio medico la causa potrebbe essere stata un tatuaggio colorato al braccio che effettuai poco tempo prima che si sviluppasse il disturbo, con la differenza che all'epoca era visibile guardandomi allo specchio una parte gonfia sotto l'ascella mentre questa volta dall'esterno non si nota nulla, se non palpando.
Ho fatto un nuovo tatuaggio al braccio e non so se possa essere stata nuovamente la causa scatenante. Lo scorso maggio effettuai visita ginecologica piu ecografia seno dalla quale risultò tutto nella norma.
Ma adesso sono preoccupata che possa trattarsi di qualcos'altro in quanto mia mamma è stata operata di tumore al seno una decina di anni fa .
Non so se possa essere utile dirvi anche che noto che l'ascella destra che duole ha una sudorazione maggiore rispetto all'altra, ho smesso di usare deodoranti da tempo per non irritare la zona e mi depilo più raramente per lo stesso motivo.
Adesso sono un pò in preda al panico e non so se sia meglio effettuare subito una nuova ecografia del cavo ascellare.
In attesa di sentire il mio medico curante, spero potrete darmi un vostro parere, nei limiti del consulto a distanza, grazie infinite

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
E' molto probabile da quanto scrive che si tratti ancora una volta di una reazione linfonodale da causa infiammatoria, ma per averne una conferma occorre una visita.

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-linfonodi-linfoghiandole-adenopatie-ed-sistema-linfatico.html

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>Ma adesso sono preoccupata che possa trattarsi di qualcos'altro in quanto mia mamma è stata operata di tumore al seno una decina di anni fa .>>

Quale era l'età della sua mamma quando ha scoperto il tumore al seno ?

Risponda ai dati contenuti su questa scheda

http://www.senosalvo.com/pdf/scheda_visita.pdf
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#3] dopo  
Utente 252XXX

Salve Dottore, mia mamma aveva 44 anni quando le hanno diagnosticato il tumore, il mio medico mi visiterà mercoledì mentre domani ho già prenotato ecografia del cavo ascellare sia destro che sinistro.ho visto il link in allegato, una volta compilato come faccio ad inviarglielo?

[#4] dopo  
Utente 252XXX

-Età: 33
-Familiarità: solo mia mamma all'età di 44 anni ha subito asportazione del seno destro per tumore, tutti i linfonodi analizzati erano negativi, ha effettuato prima cicli chemioterapici, poi intervento e infine radioterapia.
-età insorgenza prime mestruazioni: 12 anni
- gravidanze : no, solo un aborto nel 2007 ( purtroppo voluto di cui oggi sono davvero pentita )
- terapia ormonale sostitutiva: no
- uso di ormoni pillola ecc: no
-radioterapia: no
- dieta prevalente: sono vegetariana da più di due anni
- fumo: si
- precedenti interventi sulla mammella: solo asportazione di una cisti sebacea che suppurava, seno dx
- attività fisica: moderata.
Esito ultima ecografia seno giugno 2013: nel complesso reperto fibroadenosico modesto, relativamente coerente per età e status, senza connotazioni suggestive di aumentato rischio.
cute sottocute, profilo fasciale e legamentoso regolari.
non si evidenziano aspetti significativi di patologia duttale, cavo ascellare bilateralmente apparentemente libero da formazioni linfonodali sospette.

[#5] dopo  
Utente 252XXX

Buongiorno Dottore,
ho eseguito ecografia ascellare bilaterale con seguente esito:
" In sede ascellare DX sono presenti multiple linfoadenomegalie tutte con linfocentro conservato e il maggiore presenta DT di circa 14mm.
In sede ascellare SN è presente un linfonodo sempre con linfocentro conservato con DT di 13 mm. I reperti depongono per linfoadenomegalie di tipo reattivo".
A questo punto sono più tranquilla anche se non riesco a capire perchè la ricomparsa di questi linfonodi, non ho avuto febbre nè infezioni di cui io mi possa essere accorta,mi chiedo se l'aver fatto questo altro tatuaggio colorato possa aver scatenato una qualche reazione. Il mio medico dice che devo stare tranquilla , che già lo scorso anno avevamo fatto tantissime analisi di controllo e che nemmeno con la biopsia verrei a capo della causa, dice di vivere serena e di non pensarci ma la mia ipocondria non sempre me lo consente!!!
Lo so che i linfonodi possono restare reattvi per lunghi periodi, ma nella mia ignoranza non so se possono mutare in qualcosa di maligno,secondo Lei per tenerli sempre sotto controllo può essere sufficiente una ecografia periodica ogni 6 mesi o meglio un periodo più breve?
Come sempre grazie della Sua attenzione Le auguro una buona giornata

[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Tanta carne al fuoco. Andiamo in ordine

1) Si scordi dei suoi linfonodi e richieda un monitoraggio solo quando farà l'ecografia mammaria. Non sempre si riescono ad identificare le cause delle reazioni linfonodali.

2) Stacchi da Internet su questo tema per non accrescere l'ansia. Il tema in questo senso è veramente ansiogeno.

Legga perché

https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/273602-per_il_dott_catania.html

3) Tutto procede bene nei controlli, ma la Prevenzione non è quella dei controlli (infatti si chiama impropriamente Prevenzione Secondaria) clinici e strumentali.
La Prevenzione Primaria vera è altra cosa.
Lei ha un rischio medio, che si può ridurre significativamente .
Legga

PREVENZIONE PRIMARIA (= stile di vita)
(Alimentazione + attività fisica)
https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/2253/FERMI-TUTTI-La-dieta-a
http://www.senosalvo.com/terapia_metronomica.htm
http://www.senosalvo.com/tutti_abbiamo_un_tumore.htm
http://www.senosalvo.com/vero_falso_dieta.htm
https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/90/L-attivita-fisica-riduce

6) Va benissimo la dieta vegetariana, ma legga bene i miei link perché non tutti i vegetali possiedono le sostanze antitumorali ed alcuni di questi le perdono se si sbaglia ad esempio la cottura.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#7] dopo  
Utente 252XXX

Buongiorno Dottore, la ringrazio tantissimo di tutte le informazioni che mi ha allegato , grazie di tutto Le auguro un buon fine settimana.

[#8] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Grazie a Lei
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com