Utente 331XXX
Buongiorno, nel 2009 mi sono fatta fare purtroppo una mastopessi al seno, dopo due anni ho cominciato ad avere dei pruriti insopportabili al seno, ma internamente, dopo tante ricerche mi hanno detto di curarlo con Lyrica perché poteva essere un problema di nervi causato dall'operazione, poi una neurologa mi ha detto che potevano essersi formati dei cheloidi che potevano essere curati con delle iniezioni (anche perché a parte che il Lyrica non mi toglie completamente il prurito, ma non posso andare avanti tutta la vita con quello). Ma non sono riuscita a trovare un modo per risolverlo anche perché sembra che i cheloidi diano fastidi alla cicatrice esternamente, ma a me prude all'interno e non sempre nello stesso punto e non sulla cicatrice esterna. Ho il dubbio che poiché i punti nel seno sinistro avevano fatto rigetto e non si scioglievano e si sgretolavano all'interno ci possano essere rimasti dei pezzettini che mi provocano tutto questo. In attesa di una vostra risposta, vi ringrazio e porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi dispiace, ma purtroppo a distanza non si può apportare alcun contributo senza una visita.

Ci sono alcune cose che non mi sono chiare.

"dopo tante ricerche le hanno consigliato di curare i nervi" e da quanto scrive non è stata la neurologa a prescrivere il Lyrica e che invece sostiene che dipenda dai cheloidi ? C'è qualcosa che mi sfugge !

Forse serve rimettere un po' di ordine nelle sue ricerche dando una logica priorità a

1) Visita chirurgo plastico
2) Visita dermatologica.

E quando si ha una diagnosi plausibile si trova subito il rimedio

Non Le pare ?

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 331XXX

Grazie Dottore per la sua veloce risposta,
mi scusi se non sono stata chiara, io sono andata sia dal chirurgo che mi ha operata che mi ha parlato di parestesie, ma mi ha detto che potrebbero restarmi tutta la vita e mi ha detto solo di massaggiare, un altro chirurgo mi ha detto che probabilmente sono stati intaccati i nervi interni vicino alle cicatrici, dopo di che un senologo mi ha consigliato il lyrica e mi ha consigliato visita neurologica. Il neurologo mi ha prescritto il lyrica che come le ho già detto non mi ha comunque risolto completamente il prurito e poi un altro neurologo mi ha detto che non potevo andare avanti con il farmaco tutta la vita e mi ha detto che non era suo settore, ma mi ha comunque detto che era possibile che si fossero formati dei cheloidi all'interno ma nessuno fino ad ora ha saputo dirmi cosa fare.
In attesa di sue notizie Le porgo cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005

Non ci vedo alcun avvicinamento tra il sintomo prurito e le parestesie.

Ho già consigliato

1) Visita chirurgo plastico
2) Visita dermatologica.

avendo fatto la prima farei la visita dermatologica per fare il punto della situazione
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com