Utente 343XXX
Buongiorno,
Ho 41 anni e sono reduce da tre Fivet (e dunque tre stimolazioni ormonali)
fatte tra agosto 2012 e Agosto 2012.
A dicembre del 2013 togliendo il reggiseno noto come una piccola "briciolina"
che cade dal capezzolo (per spiegare meglio la consistenza e il colore sembrava una secrezione come quella che si trova sugli occhi la mattina).
Ho eseguito subito ecografia nulla e visita senologica. La senologa opta per una secrezione densa e mi dice che non è preoccupante. Il fenomeno però continua. Dopo ancora alcune visite (il capezzolo è integro, non ci sono ferite nè escoriazioni) la senologa fa un prelievo cutaneo con un piccolo "spazzolino" e facciamo esame citologico. Referto: cellule epiteliali squamose da contaminazione. La senologa dice che non si può fare biopsia perché nn ci sono ferite o altro.
A settembre mammografia negativa. A ottobre 2013 ecografia negativa. A Marzo 2014 ecografia di consulto con un altro medico il quale sostiene che il seno è sano e potrebbe essere un problema dermatologico visto che in un piccolo punto il capezzolo sembra più rosa. Intanto sono passati 14 mesi e il fenomeno continua a verificarsi circa 1 volta al mese in concomitanza con l'ovulazione.
Tutte le sere metto una crema (proxera) che in realtà mi fa molto bene perché migliora il prurito ma se dopo la doccia dimentico di usarla il mattino dopo il capezzolo appare secco e con qualche pellicina.
Tutta questa premessa perché a questo punto non so cosa fare: visita dermatologica o risonanza magnetica al seno? (Dalla visita di marzo la senologa e l'ecografo mi hanno detto che a loro parere non c'è un sospetto che induca a fare la risonanza). Tuttavia com'è possibile che da oltre un anno questo capezzolo continui ad avere problemi? Secondo la senologia sono secrezioni dense. Per l'ecografo un problema cutaneo esterno... Io vorrei solo essere sicura che non sia una patologia grave... Come mi comporto?
Grazie e buona giornata!

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ho parole !!

Ha fatto visite, ecografie, mammografie ed ancora non riusciamo a sapere se si tratta di una lesione dermatologica del capezzolo o di una secrezione ????

Battute a parte, da quanto scrive e quindi con i limiti del consulto a distanza mi sento autorizzato a tranquillizzarla :

1) Supponiamo per prima come più probabile che si tratti di una lesione dermatologica. In questo caso occorrerebbe una visita dermatologica. Prima di questa NESSUNA (soprattutto cortisonici) terapia per non alterare il quadro clinico . Visita dermatologica e non oncologica perché l'unica patologia di competenza oncologica sarebbe la Malattia di Paget che io escluderei perché è molto lenta ma progressivamente evolutiva. Mentre Lei scrive >>Intanto sono passati 14 mesi e il fenomeno continua a verificarsi circa 1 volta al mese in concomitanza con l'ovulazione. >>
Cioè una cosa completamente diversa rispetto alla malattia di Paget, cronica apparentemente stabile, insidiosamente evolutiva. E suppongo che questa ipotesi non sia stata minimamente sospettata, perché in tal caso non serve fare un citologico normale con spazzolino come è stato fatto , ma un più vivace SCRAPING del capezzolo, cioè un "grattamento" del rivestimento del capezzolo.

2) Secrezioni dense ? Ma sono veramente secrezioni ? Quelle dense si possono verificare con chiarezza nel corso della visita con la spremitura del capezzolo ed anche Lei se ne sarebbe accorta .Ne dubito fortemente quindi ma anche se lo fossero non rientrano nella definizione di secrezioni significative perché queste invece sono MONORIFIZIALI, ABBONDANTI, CONTINUE (lei ce l'ha una volta al mese..), sierose o ematiche.

Legga
https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/77-secrezioni-seno.html


CONCLUSIONI : faccia una visita dermatologica e non ci pensi più (^______^)

Tanti saluti

P.S.
però per mia curiosità prima di richiederla tenga sotto il reggiseno in corrispondenza dei complessi areola-capezzolo due dischetti bianchi. Vanno benissimo anche i dischetti che troverà facilmente al supermercato per struccarsi.
Li tenga per una settimana notte e giorno dopodiché se lo desidera mi aggiorni
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 343XXX

Buongiorno Dottore e prima di tutto grazie per la risposta!
Farò dunque una visita dermatologica. La mia unica difficoltà è che devo trovare il giusto "momento" perché nn capita sempre. E dunque temo che il dermatologo non veda nulla (in parole povere il fenomeno è questo: sporadicamente -circa ogni 20 gg o di meno se non uso crema idratante specie dopo la doccia- sento la cima del capezzolo come se avesse una pellicola dura attaccata. Ci passo olio o crema e si stacca come una "pellicina" dura gialla tipo quella degli occhi. Dal punto in cui si stacca il capezzolo sembra "vuoto" come se mancasse un po' di pelle poi a forza di crema torna normale e non si vede assolutamente nulla). In effetti anche il dottore che ha eseguito un mese fa l'eco ha detto che assolutamente non si tratta di secrezioni perché troverei anche il reggiseno o la canottiera bagnate e se "spremo" nn accade nulla.
La mia ginecologa che è appunto senologa mi avrebbe anche fatto fare una biopsia ma appunto non ho ferite nè lesioni. In effetti ha detto che in tanti anni non le è mai capitato di osservare un quadro simile. Lei è riuscita ad osservare il capezzolo nella fase, diciamo così, attiva e le sono sembrate minuscole secrezioni dense. Dopo il consulto con il Professore che ha eseguito nuovamente l'eco (era il 10/03/2014) si è pensato ad un problema dermatologico (tra l'altro io avevo usato l'acido borico, l'olio, ecc per cui il capezzolo in alcuni punti appariva molto "rosa"). Così mi ha prescritto una pomata Proxera che ricostruisce il film idrolipidico cutaneo ed è andato tt bene fino a ieri quando ho dimenticato di mettere la crema prima di dormire e mi sono svegliata notando non in cima ma lateralmente il capezzolo un po' screpolato e rosa...subito dopo la crema(che nn contiene cortisone) oggi il capezzolo è perfetto ma rimane una sensazione di maggior sensibilità anche perché questa situazione mi sta togliendo la serenità... Farò di certo la prova con il dischetto di cotone e anche una visita dermatologica e con piacere la terrò informata.
Grazie infinite e buona domenica.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sì ha compreso perfettamente.

Ma già da quanto descrive se ne evince che si tratti di lesione dermatologica non preoccupante dal punto di vista oncologico
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com