Utente 934XXX
Salve mia madre ha 56 anni a marzo è stato riscontrato un nodulo al seno è stata sottoposta a biopsia escissionale, dopo questo intervento è stata sottoposta ad allargamento quadrantectomia MSInt mammella sx + biopsia sentinella ascella omolaterale per k

Descrizione macroscopica: Frammento di parenchima mammario di cm 3,8 x3,2 x1,2 recante 3 fili di repere posti cone segue: 1 filo margine areolare 2 fili margine mediale (sternale) 3 fili superfice anteriore. Al taglio si osserva nodulo di cm 0,9 x 0,4 di consistenza dura, a contorni stellati perifericamente lambito da tramite emorragico. Nel parenchima restante, a cm 1,5 circa del reparto descritto, si osserva un nodulo come il precedente di cm 0,6 x 0,4 (materiale incluso tolto)

Diagnosi
Carciroma duttale infiltrante multicentrico ( G 3 SEC.ELSTON-ELLIS) della mammella caratterizzato da frequenti calcificazioni di tipo granuloso da sclerojalinosi stromale e da minima, zonale flogosi cronica (G-H) coesistono mastopatia fibro-cistica ed immagini di adenosi di tipo microghiandolare( A,B,C,D,E,F,G,H).
Indenni da neoplasia risultano i margini di exeresi chirurgica: A,B,C,D,E,F

pT 1b

Prelievi 15 blocchetti 15 vetrini colorati con E:E: 23 I.I.C :

Questo che scrivo ora è il referto con terapia consigliata

Paziente con neoplasia della mammella operata T 1b.N0,Mx, Ki 67% 15% HER2 3+ con recettori per estrogeni e progesterone positivi.
Consigliata terapia adiuvante con CT,RT immunoterapia e OT

La mia domanda è la terapia consigliata è giusta? perché all'inizio ci avevano parlato solo di radioterapia e pastiglia di ormoni per 5 anni se la ghiandola sentinella era pulita, ora ci hanno detto che la ghiandola sentinella è pulita ma consigliano la chemio per prevenzione, e sta alla paziente decidere se la vuole fare, Cosa ci consiglia lei? in attesa di risposte cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Pellegrini

24% attività
4% attualità
12% socialità
OCCHIOBELLO (RO)
FERRARA (FE)
PORTO VIRO (RO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Le informazioni che si ricevono dopo un intervento chirurgico sono maggiori di quelle ottenibili con sola biopsia mammaria in cui il materiale è più scarso.
Il caso della mamma è stato rivalutato dopo l'operazione con tutta una serie di sigle e numeri. Prima dell'intervento forse non si conosceva il grading che è risultato G3, non si conosceva l'HER2 che è risultato 3+. Questi sono solo due esempi per spiegarle che spesso non è tutto pianificabile prima dell'intervento perché le informazioni a disposizione sono parziali. Condivido le scelte fatte dal suo oncologo.
Tanti saluti.
Dr. Francesco Pellegrini
chirurgo senologo

[#2] dopo  
Utente 934XXX

Grazie mille dottore per la sua risposta. Siamo rimasti un po' cosi perché ci hanno chiesto che era una decisione nostra di fare la chemio una prevenzione in più, visto che la ghiandola sentinella era pulita, volevo chiederle le terapie sono 4 potrebbe sapere quale chemio dovrebbe fare? in attesa di risposte cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Pellegrini

24% attività
4% attualità
12% socialità
OCCHIOBELLO (RO)
FERRARA (FE)
PORTO VIRO (RO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Su questo sito non è consentito esprimere preferenze o consigliare una terapia rispetto un'altra, mi dispiace non posso rispondere alla sua domanda. Una cosa però è doveroso dirla: sua madre è una donna ancora giovane e mi pare indicato utilizzare tutte le soluzioni terapeutiche che un caso del genere suggerisce e richiede.
Cordialmente
Dr. Francesco Pellegrini
chirurgo senologo

[#4] dopo  
Utente 934XXX

Grazie per la sua gentilezza e delle sue risposte,mi scusi se ho chiesto un consulto in base alla terapia. Avrei da porle alcune domande!!

1) tutte le terapie per tumore a seno fanno perdere i capelli?
2) noi abitiamo in un paese di mare e l'unica cosa che si fa in estate è frequentare la spiaggia, con le dovute precauzioni e nelle ore più fresche si può andare anche perché mia madre li ha le sue amiche che la tengono su di morale.
3) finito la terapia e quando cominceranno a ricrescere i capelli poi si potrà tinteggiarli come faceva prima oppure dovrà usare tinte più delicate?

Mi scusi per le tante domande grazie ancora della sua disponibilità.

[#5] dopo  
Dr. Francesco Pellegrini

24% attività
4% attualità
12% socialità
OCCHIOBELLO (RO)
FERRARA (FE)
PORTO VIRO (RO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
L'alopecia, cioè la perdita dei capelli, di solito si presenta in seguito a trattamento con chemioterapici. Poter frequentare le amiche in un luogo fresco e confortevole sarà di grande aiuto per la mamma, non interrompa quelle abitudini se la mamma non lo richiedesse.
Terminata la chemio dovrà attendere qualche mese per poter avere di nuovo i suoi capelli; le consiglierei solamente di rivolgersi ad una estetista per un tatuaggio semipermanente delle sopracciglia prima di iniziare il ciclo di chemio. I capelli ricresciuti saranno forti e potranno essere sottoposti ai trattamenti soliti e graditi da tutte le donne.
Dr. Francesco Pellegrini
chirurgo senologo

[#6] dopo  
Utente 934XXX

Buon giorno venerdì 11 prima infusione di chemio ora sappiano che la scheda di terapia è la FAC dovevano essere 4 cicli invece ne faranno 6 ogni 21 giorni perché hanno deciso di dismezzarla e farla più leggera è una cosa vera oppure non cambia nulla!!! volevo sapere qualcosa sul' Aloe se veramente aiuta ad alleviare gli effetti collaterali della chemio e aiuta il sistema immunitario? in attesa di risposte cordiali saluti.

[#7] dopo  
Dr. Francesco Pellegrini

24% attività
4% attualità
12% socialità
OCCHIOBELLO (RO)
FERRARA (FE)
PORTO VIRO (RO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
La chemioterapia porta con se, quasi sempre, un corteo sintomatologico importante. La scelta dell'oncologo che cade sui sei cicli e non sui quattro è stata fatta dopo aver conosciuto in maniera approfondita il caso clinico e soprattutto dopo aver visitato e parlato con la Signora. Avere minori concentrazioni potrebbe significare minore disagio ma ogni organismo ha reazioni diverse, non possiamo generalizzare. Sull'aloe non mi esprimo, non è il medicamento miracoloso che si dice; certamente come integratore in una dieta equilibrata potrebbe portare qualche beneficio.
Dr. Francesco Pellegrini
chirurgo senologo

[#8] dopo  
Utente 934XXX

Salve la ringrazio della sua risposta, volevo farle delle domande l'oncologo ha detto che verrà dismezzata la terapia di 6 cicli invece di 4 io in internet però ho trovato che lo schema FAC sono 6 cicli come prescritti a mia madre quindi mi da il dubbio che l'oncologa non abbia detto il vero sul dismezzare la cura lei cosa ne pensa?

farmaci Giorni

Fluorouracile 1000 1
Adriamicina 100 1
Ciclofosfamide 1000 1


Mia madre ha fatto la terapia venerdì e fino ad oggi il sintomo principale e la stanchezza, e dice che quando si sente un po' ripresa fa qualche lavoretto molto leggero ma comincia avere palpitazioni al cuore è normale? ho letto che ci sono varie vitamine che possono aiutare il fisico come la vitamina C viamina D acido follico ecc. lei conosce qualche medicinale che contenga tutte queste vitamine per aiutare l'organismo? se dovessimo opzionare per l'aloe cosa ci consiglia? grazie ancora