Utente 288XXX
Buongiorno,ho già scritto alcuni mesi fa riguardo al mio problema, riassumo brevemente:
dopo i controlli che faccio ogni anno (mammografia ed eco) mi sono state riscontrate delle lesioni non palpabili che dopo aver fatto un ago biopsia ecoguidata una è risultata essere adenosi sclerosante, il senologo dopo aver visto il referto ed aver ripetuto l'eco e un altra mammografia (dopo 20 giorni da quella che avevo fatto, perché secondo lui non chiara) ha deciso di intervenire chirurgicamente per fare una biopsia su tutte 2 le lesioni tramite escissione su doppio repere di metallo, perchè l'immagine ecografica era dubbia, con margini irregolari, anche se poi la mammografia dava risultato negativo e l?ago aspirato la classificava come c3.
Ho eseguito l'intervento in anestesia locale con ricovero ospedaliero, il risultato é:
adenosi microghiandolare con focolai di iperplasia duttale micropapillare ed a cellule colonnari con note di atipia e microcalcificazioni (discontinuità della 34b e 12)
focolai a iperplasia lobulare sul margine areolare - Aspetti di iperplasia duttale.
In parole povere mi ha detto che è una lesione benigna, quello che già sapevo dall'ago aspirato, contenta ovviamente che non ho nulla di grave, ma perplessa e sconfortata per aver eseguito (secondo un altro medico) un intervento non necessario e non giustificato, preoccupata per aver eseguito 4 mammografia in 4 mesi (le due per fare diagnosi 1 per posizionare il repere, una in sala operatoria?)
Concludendo mi interessava avere un suo gentile parere a riguardo di tutto cio', e in futuro quale sono i controlli più appropriati nel mio caso.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Vuole che sia franco ?

1) Concordo con quanto è stato fatto dal collega, anche se forse poteva darle qualche informazione in più sulla natura, pur se benigna della lesione,
che incrementa, anche se di poco, il suo rischio. globale

Farei una mammografia all'anno (PREVENZIONE SECONDARIA) ed una maggiore attenzione sulla

Alimentazione + attività fisica)
https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/2253/FERMI-TUTTI-La-dieta-a
http://www.senosalvo.com/terapia_metronomica.htm
http://www.senosalvo.com/tutti_abbiamo_un_tumore.htm
http://www.senosalvo.com/vero_falso_dieta.htm
https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/90/L-attivita-fisica-riduce

2) Sono invece senza parole per l'altro gentilissimo (sic !) collega >>perplessa e sconfortata per aver eseguito (secondo un altro medico) un intervento non necessario e non giustificato>>, non solo perché ha seminato confusione ed ansia ma perché la "lezione postuma" Le poteva essere senz'altro risparmiata.

Lui non avrebbe operato ? Con un C3 ??

Verissimo che un C3 indichi una lesione "probabilmente benigna" ( e il probabilmente lo si elimina con l'istologico definitivo o con una microbiopsia ), ma include anche una quota non trascurabilissima di tumori maligni.

Si rallegri che tutto sia andato per il meglio.

Tanti saluti.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 288XXX

Salve, intanto la ringrazio per la sua franchezza, sono felice che sia andato tutto bene, come dice lei l'opinione del secondo medico ha generato in me un forte stato di confusione ed ansia anche per le 4 mammografie fatte in poco tempo ( eccessive per il 2 medico, "tutti questi raggi sono un suicidio").

La sua risposta mi ha tranquillizzato, sicuramente cercherò di fare più attenzione alla mia alimentazione e fare più attività fisica.

Ultima cosa, volevo sapere quale erano le informazioni in più che mi poteva dare il medico sulla natura della lesione, se è possibile, il suo collega oltre che era benigna mi ha detto che andava tolta comunque anche se benigna perchè poteva darmi qualche problema in futuro e che io devo stare sotto controllo più di altre donne per questo.

Poi volevo sapere se secondo lei, è sufficiente fare una mammografia l'anno, oppure serve fare anche l'ecografia e se sì, insieme o distanziata dalla mammo.

Grazie per la sua gentile disponibilità
Saluti

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
[#4] dopo  
Utente 288XXX

Scusi, avevo letto solo la parte riguardo la prevenzione primaria, sono andata a leggere biopsie e rischio come mi ha consigliato, da quanto ho compreso, scusi se le sembro insistente, mi corregga se sbaglio, la mia lesione rientrava tra quelle che aumenterebbero il fattore rischio anche se di poco, quello che non mi è chiaro è che pensavo che togliendola avessi eliminato il rischio possibile che evolvesse in qualcosa di brutto in futuro, e se è il fatto di aver eseguito una biopsia chirurgica su quel tipo di lesione a far aumentare il rischio di una nuova formazione.
La ringrazio se vorrà chiarire questo mio ultimo dubbio dettato dalla mia necessità di capire e non dalla pretesa di sapere se mi ammalerò in futuro questo nessuno può saperlo sono già ultrafelice che ora sia andato tutto bene.
ultima cosa serve fare l'ecografia?

Saluti

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Per quella che tolto il rischio si è azzarato ovviamente.

Ma la lesione è spia di un rischio leggermente aumentato.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 288XXX

Grazie.

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com