Utente 268XXX
Buongiorno dottori, espongo il mio problema che mi sta recando ansia a non finire, tanta da non farmi riuscire a vivere come si deve.
Tutto inizia tre mesi fa, con un dolore all'ascella sinistra, e un linfonodo gonfio, dopo aver portato per tutta la giornata una borsa pesante.
Passato il dolore, non ho fatto nessuna visita medica. Un mese fa mi si gonfia un linfonodo occipitale destro, dopo due settimane corro dal medico di base che lo palpa e non trova nulla di preoccupante, tanto che non ha ritenuto fare esami aggiuntivi, ad oggi il linfonodo è molto rimpicciolito però c'è ancora. Aggiungo che ad ottobre ho fatto le analisi del sangue e non c'era nessun valore anomalo.
Tre giorni fa torna il dolore all'ascella e un linfonodo gonfio, questo dopo tre mesi, ho pensato di nuovo alla borsa pesante che purtroppo essendo studentessa porto sulla spalla ogni giorno. Da tre giorni vivo nel panico, tocco continuamente il linfonodo perché sento una leggera tensione al braccio, ho sospettato un cancro al seno, ho palpato il seno (piccolissimo) e non ho sentito nulla, ho paura di un linfoma, però non ho nessun sintomo, mi sento bene, cammino molto ogni giorno, ho molto appetito e ho anche messo qualche kilo su, ho solo delle manifestazioni allergiche ultimamente, sempre starnuti e naso che cola, non capisco se sia un raffreddore che non cenna a passare o allergia al cipresso, la quale mi è stata diagnosticata un anno fa. L'ansia però mi sta distruggendo perché non posso fare nessuna visita ora dato che sono fuori. Se per favore voi potreste darmi un parere, sono molto giovane, non ho più voglia di uscire di casa, di vedere gli amici, sono diventata ipocondriaca da un annetto, dopo una serie di lutti in famiglia.
Vi sarei grata se potreste aiutarmi

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005