Utente 183XXX
Salve,
vi scrivo questo consulto in merito ad un fastidio che mi capita da due giorni a questa parte.
Premetto che sto attraversando un fortissimo periodo di stress psicologico a causa di problemi familiari e con il lavoro, e soffrendo di ansia ed attacchi di panico, ultimamente tendo ad avere più attacchi di ansia e panico sperimentando maggiormente tutti i tipici malesseri che accusano le persone fortemente ansiose, ma non sapendo se questo sia un problema dovuto allo stress vi scrivo per chiedervi un parere e se sia il caso di fare una visita specialistica.
Sin da piccolo bevo tanto, fino a 2 litri e più di acqua al giorno, urinando anche tanto, e fortunatamente le analisi del sangue hanno sempre evidenziato uno stato di ottima salute fisica. In condizione di freddo (e di più quando oltre al freddo si unisce l'ansia), vado al bagno spesso durante il giorno per urinare e subito dopo per bere.
Due giorni fa mi è capitato di dover necessariamente affrontare un problema familiare e prima di affrontarlo ho vissuto ore di ansia e stress terrificanti in uno stato di stress di suo non indifferente. E prima di affrontarlo ho avvertito un impellente bisogno di andare in bagno urinando tantissimo, in maniera trasparente. Trascorrono 15-30 minuti e nuovamente sento l'esigenza di tornare in bagno per urinare tantissimo, sempre urina trasparente.
Affronto il problema, torno a casa e il tutto si riverifica. Da quel giorno fino ad oggi, accuso uno stimolo persisente ad andare in bagno, come se avessi sempre la vescica piena. Mai successo. Non ho dolori, né fastidi né ritardi nella minzione. Tutto regolare. Solo che urino poco rispetto alla norma, termino, e lo stimolo rimane. E si incrementa dopo 15 minuti per tornare nuovamente in bagno ad urinare poco. La cosa strana è che da quando è successo bevo molto meno, non ho sete e bevo un litro massimo al giorno. La notte tutto tranquillo, dormo regolarmente senza mai alzarmi per andare in bagno. Sento la vescica dura, come se tirasse, come contratti sono i muscoli del corpo. Se mi distraggo pensando bene ad altro, distraendomi dalla mia notevole ipocondria mi passa per poi tornare.
Sinceramente questo fenomeno mi sta preoccupando perché anche dopo aver finito di urinare, lo stimolo rimane lì. Non so se questo sia dovuto alle mie fissazioni (ultimamente mi son preoccupato molto leggendo di casi di diabete), allo stress o ad un problema reale. Perché non ho dolori, né bruciori, né fastidi, né ritardi nella minzione. Solo la sensazione di vescica piena e lo stimolo ad urinare, persistente.

E' il caso di fare una visita urologica o potrebbe trattarsi di forte stress?

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
ALTAMURA (BA)
BRINDISI (BR)
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile lettore, lo stress e l'ansia possono essere la causa di una serie di disturbi psicosomati che coinvolgono anche la vescica , esegua comunque un esame urine ed una urocoltura e consulti il suo medico di famiglia , successivamente, se i disturbi continuano, esegua una visita urologica.

Distinti saluti
Dott. Mario De Siati Urologo-Andrologo esercita a Foggia,Taranto,Altamura (Bari),Brindisi

[#2] dopo  
Utente 183XXX

Gentilissimo dottore,
la ringrazio per la celere risposta.

Ieri sera prima di andare a dormire ho assunto una compressa di Vagostabil, integratori prescritti dal medico di base successivamente alla mia richiesta di calmanti naturali onde evitare di diventare dipendente agli ansiolitici che mi sono stati prescritti dal neurologo ma che mi hanno veramente aiutato in tutto: dall'ansia ai disturbi psicosomatici. E dopo aver assunto la compressa mi son sdraiato rilassandomi per cinque minuti, ed oltre al corpo, anche la vescica s'è rilassata, non accusando per cinque minuti lo stimolo. La notte l'ho trascorsa regolarmente come sempre.

Stamattina va un po' meglio: lo stimolo permane, ma meno rispetto a ieri, è più sopportabile, ma sono in uno stato di tensione eccessivo tanto da accusare fastidi ai lati del pube.

Vorrei chiederle un'altra informazione: dato che da quando è successa questa cosa bevo molto meno perché non ho la sete di sempre e solo quando riesco a rilassarmi mi viene un po' più di sete, tentare di bere tanto nuovamente potrebbe aiutarmi a risolvere il problema nel caso si trattasse di un disturbo psicosomatico?

Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Mario De Siati

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
ALTAMURA (BA)
BRINDISI (BR)
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Bere poco non fa bene alla salute, beva una sufficente quantità di acqua tale che le sue urine non appiano mai cariche (gialle) ma chiare .
distinti saluti
Dott. Mario De Siati Urologo-Andrologo esercita a Foggia,Taranto,Altamura (Bari),Brindisi

[#4] dopo  
Utente 183XXX

Gentile dottore,
rispondo per comunicarle che il problema è stato risolto, naturalmente. Si trattava di un forte stato di stress ed ansia che mi ha colpito in quei giorni. Dopo un paio di giorni di relax è tutto tornato alla normalità: lo stimolo è scomparso ricomparendo solo a vescica piena e ho ripreso a bere come prima.

Una altra domanda, se mi è possibile: so che in commercio vengono offerti vari tipi di acqua: minerale, naturale, oligominerale, etc.
Bisogna bere acqua confezionata (talvolta anche per tanto tempo) e di quale tipologia o sarebbe meglio bere acqua corrente come quella che scorre dalle fontane pubbliche? Sento molti pareri a riguardo e non ho mai ricevuto una risposta definitiva.