Utente 282XXX
Buongiorno,
Ieri sono stato tutto il giorno al lago con amici, e purtroppo avendo problemi ad urinare in pubblico, ho bevuto davvero tanti liquidi, sicuramente più di due litri a causa del caldo, e purtroppo ho trattenuto l'urina fino a quando sono arrivato a casa, cioè per quasi 6-7 ore. Purtroppo oggi, ho avuto pochi stimoli ad urinare, quasi nulli, diciamo che mi sono quasi sforzato ad andare, però fino a sera non ho bevuto molto, e la pancia risultava piatta, questa sera dopo una camminata di un ora, ho bevuto molto, penso più di un litro e mezzo di acqua, però lo stimolo non ce l'ho e accuso un lieve dolore al rene sinistro.. cosa mi consigliate di fare?

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile giovanotto,
in questi giorni di caldo eccezionalmente intenso, le perdite di liquidi con la sudorazione possono essere imponenti, anche se avvertite solo in parte. Pertanto, la produzione di urina (diuresi) può risultare anche molto contratta. Ovviamente questo non è un bene quindi, avendone la possibilità, è altamente raccomandabile assumere liquidi in proporzione alle perdite lungo tutta la giornata - certamente più di due litri - di cui la quota maggiore costituita da acqua semplice. Se non vi sono particolari disturbi associati, la contrazione della diuresi è un fenomeno fisiologico e deve preoccupare solo nella misura in cui segnala la necessità di provvedere a compensare la disidratazione. Ovviamente, in queste situazioni tutti i possibili problemi pre-esistenti alle vie urinarie vengono invariabilmente accentuati. Pertanto, se compaiono disturbi fastidiosi e persistenti, è il caso di rivolgeri senza indugio al medico curante.
Concludendo, le ricordo che trattenee troppo a lungo lo stimolo ad urinare, vieppiù se per futili motivi, è veramente una pessima cosa, in particolare quando diventa un'abitudine.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 282XXX

Grazie per la risposta, molto completa ed esaustiva.
Ad oggi, diciamo che lo stimolo bevendo molto ritorna, mentre il dolore al rene sinistro è una costante, sono le 4.45 e le scrivo perchè sono stato svegliato dal dolore, che quando diventa di questa intensità si accompagna ad un leggero senso di nausea..è infiammazione?

Come posso curare questo disturbo? ci sono dei consigli pratici come farmaci da assumere, o anche abitudini alimentari, accorgimenti di qualsiasi genere per superare questa cosa?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile giovanotto,
in base ai disturbi che ci riferisce, che parrebbero simili ad una lieve colica renale, vi è certamente l'indicazione ad eseguire senza indugio accertamenti per valutare la possibile presenza di un calcolo delle vie urinarie. È molto comune che i calcoli diano segno di sè proprio in questi periodi di caldo e relativa disidratazione. Le consiglio quindi di recarsi in pronto soccorso, dove potranno essere eseguite le indagini di primo livello che potranno chiarire la situazione.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza

40% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

il non urinare per molte ore, in un giovane d'estate, non rappresenta sintomo di malattia.
avere dolori al fianco, tali da interrompere il sonno, rappresenta un "segnale di allarme" che l'organismo invia per indurre a capirne il motivo.
Come detto dal dottor Piana, medico di famiglia per esame urine ed ecografia renale o, più velocemente, Pronto Soccorso dell'ospedale più vicino dove, nel sospetto di una colica renale, dovrebbero effettuare tali esami in maniera più rapida.
cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org