Utente 280XXX
Salve, da un po di anni ho avuto dolori al basso ventre abbastanza leggeri il più delle volte (ricordo pochi casi di dolori acuti). I dolori sono in concomitanza con le frequentazioni di ragazze(premetto di aver avuto sempre rapporti sessuali protetti).
Anche se non ho alcun tipo di rapporto, provo un forte dolore all'addome basso.
Nonostante questo negli ultimi tempi pareva scomparso o almeno drasticamente diminuito.
Dopo l'ultimo rapporto ho avuto un forte dolore all'addome basso e allo scroto, ad esempio non riesco a piegarmi sullo stomaco e a fare movimenti bruschi.
Inoltre non sono riuscito a mantenere l'erezione a lungo anche se in generale credo sia dovuto all'ansia provocata dalla presenza di questo "fastidio", di solito non ho mai avuto problemi di erezione.
La cosa che mi preoccupa è che nonostante non abbia nessun tipo di rapporto iniziano quei fastidiosissimi dolori all'addome e non riesco assolutamente a spiegarmi il motivo, perchè durante le pratiche di autoerotismo non ne ho.
Cosa mi consigliate di fare?

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent,le utente,
è indispensabile una visita urologica nel sospetto di una prostatite.
Concordo con Lei sull'episodio riferito di mancanza di tenuta dell'erezione su base psicologica.
Cordialmente
Dott.Roberto Mallus

[#2] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
dalla sommaria e non chiarissima descrizione dei suoi disturbi, ci pare proprio che si tratti di dolori che gli specialisti definiscono genericamente "coliche spermatiche" o più colloquialmente "coliche del seminarista". La causa del dolore è l'ingorgo delle vie seminali senza possibilità di ejaculazione, cui si somma lo spasmo della componente muscolare del funicolo spermatico, con tendenza alla retrazione dei testicoli. In soggetti particolarmente sensibili, questo "fastidio" può essere percepito come un dolore, anche intenso. Ovviamente non si tratta di nulla di grave, la soluzione è ovvia ... D'ogni modo, un giudizio certamente più appropriato le può essere fornito da un nostro Collega specialsita in urologia, alla sua età forse sarebbe il caso di fare comunque una visita di controllo.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#3] dopo  
Utente 280XXX

Il più delle volte, anche stare in modo un po più intimo con una ragazza mi provoca dolori in quella zona dell'addome basso, anche se si tratta solo di baci o leggero toccare.
Quindi secondo il vostro giudizio non si tratta di un problema grave?
Cosa sono le coliche spermatiche? Quali sono le cure che si usano di solito in questi casi?
La cosa mi ha colpito particolarmente, vorrei sapere come risolvere questo, a volte molto doloroso, problema.
In ogni caso vi ringrazio di cuore per le vostre risposte e per esservi messi a disposizione.

EDIT;
Mi sono informato meglio circa le coliche spermatiche e ho letto che bisogna completare l'atto arrivando all'eiaculazione. Però questa cosa mi sta mettendo ansia e l'ansia mi da un blocco mentale che non mi fa riuscire a completare l'atto, creando anche notevole disagio alla partner giustamente.
Detto questo, cosa consigliate? Cercare di superare il blocco mentale che ormai ahimè ho instaurato? Se si, come?
Altrimenti avete altri consigli?

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
le ribadiamo che la nostra è solo un'ipotesi, anche se abbastanza verosimile, ma necessita ovviamente di essere confermata da una valutazione specialistica diretta. La "colica spermatica" come già le abbiamo detto è il dolore tipico dell'astinenza e dell'ejaculazione repressa, è un fenomeno fisiologico, ovvero non una "malattia" e soprattutto niente di veramente serio. Ovviamente solo il libero sfogo ejaculatorio è in grado di risolvere questa tensione, come riuscire nell'intento dipende solo da lei!

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 280XXX

E per quanto riguarda invece l'eiaculazione ritardata o assente?
Cosa mi può consigliare? La donna si sa, quando l'uomo non viene si sente insoddisfatta e diciamo inutile. Vorrei evitare questa incresciosa situazione.
Grazie tante ancora.

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
questi ed altri temi dovranno essere oggetto di discussione con lo specialista urologo od andrologo che le consigliamo di contattare, per il suo bene, con una certa sollecitudine. Dalle sue parole traspare peraltro un evidente e diffuso disagio nel rapportarsi fisicamente con l'altro sesso, cosa che oltre al supporto specialistico potrebbe rendere utile anche una valutazione psico-sessuologica.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing