Utente 156XXX
Salve!ringrazio in anticipo x la cortesia!vengo al problema:da qualche giorno accusavo dei dolori al sede al retto e ai testicoli,mi sono rivolto ad un urologo che tramite tel mi consiglia d prendere ciproxin 1000 x 7 gg,nn passandomi i disturbi mi rivlgo ad un altro urologo che tramite una eco tranrett mi diagnostica una prostatite.Oltre a consigliarmi d effettuare una spermiocoltura ed un tampone uretrale mi prescrive topster supposte x 7 gg uticran cmp x 15 gg e prostaplus x 30 gg,ora la mia domanda e questa puo' essere che dopo quasi 6 giorni nn avverto nessun miglioramento?grazie

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

fatte le valutazioni urologiche del caso bisogna sempre sentire o risentire in diretta il suo urologo di fiducia.

Poi, oltre alle indicazioni già ricevute, si ricordi che, quando sono presenti queste "problematiche urologiche”, possono essere utili alcune indicazioni anche di tipo dietetico-comportamentale come:

1)vita sessuale regolare, non lunghi periodi di astinenza;

2)limitare l'assunzione di alcuni alimenti tipo cioccolato, uova, frutta secca, formaggi stagionati, ecc;

3)lo stesso vale per le bevande come il caffé, il tè,le bibite gassate od alcoliche;

4)altra cosa importante è bere con intelligenza ad esempio durante tutto l'arco della giornata sono consigliati almeno 2–3 litri di liquidi, soprattutto acqua (se non esistono altre controindicazioni di ordine generale), smettendo però di bere almeno tre-quattro ore prima di andare a letto;

5)combattere la stitichezza quindi fare una dieta ricca di fibre e praticare una regolare attività fisica;

6)se si fuma, spegnere la sigaretta perchè la nicotina ha un'azione irritante sulla vescica;

7)tenere d'occhio la bilancia, infatti, se obesi, spesso perdere peso migliora il quadro clinico, infatti il grasso accumulato sul giro vita può aumentare la "pressione" sulle vie urinarie e peggiorare i sintomi;

8)infine ultimo consiglio, ma non meno importante, quello di ascoltare sempre attentamente il proprio medico di famiglia e lo specialista urologo che la stanno seguendo.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 156XXX

Grazie tanto x la cortesia!dopo aver letto i suoi consigli le dico che oltre al mio peso nn del tutto preciso(1.75x87kg)il resto credo che sia quasi perfetto.nn fumo nn bevo alcol e d tutto quello che lei mi ha elencato rispecchia col mio stile d vita anzi sn convinto che a causa d un po'd movimento con la bici mi ritrovo in questo stato.Dottore puo' consigliarmi qualcosa d piu' x guarire da questa fastidiosa malattia?(faccio l'autista e mi sto astenendo dal lavoro x qualche gg.)

[#3] dopo  
Utente 156XXX

Poi secondo lei e' necessari fare questo tampone uretrale?se' serve solo x identificare alcuni batteri sessualmente trasmissibili ed io sono sposato e nn ho rapporti con nessun altra donna come posso aver preso questi batteri?e poi come mai mia moglie non ha niente?nn dovrebbe accusare anche lei qualcosa?

[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

spesso possiamo avere la presenza di microrganismi e batteri, non solo quelli sessualmente trasmissibili, che però non danno sintomi o disturbi e quindi è sempre utile, in questi casi, una precisa ed attenta valutazione colturale, anche per la partner.

Risenta ora il suo urologo.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html,

https://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#5] dopo  
Utente 156XXX

Salve dottore! Ringrazie sempre x la sua cortesia!allora ho fatto la spermiocoltura con positivita' solo enterococco con carica 100000e con sensibilita' verso diversi antibioticj tra i quali la ciprofloxacina. Ora mi chiedo se' ho gia' assunto il ciproxin x 12 giorni come mai nn e' servito a nulla? Ora il medico mi ha prescritto il levoxacin ma puo' succeder che nn fa niente d nuovo?

[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

potrebbe essere presente un problema di penetrazione del farmaco nei territori che ci interessa trattare e quindi il medico ha giustamente cambiato l'antibiotico.

Detto questo poi si ricordi sempre che, per risolvere il suo problema, bisogna anche mettere in atto tutte le indicazioni di tipo dietetico-comportamentale come già consigliatole.

Ancora cordiali saluti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com