Utente 342XXX
buonasera dottore : da circa una settimana continua ad avere dolori molto forti al rene destro fianco fitte al basso ventre e si estende in tutta la gamba e stimolo a urinare spesso.. mi sono recata al ps martedi dicendomi che avevo una lombosciatalgia di stare a riposo dandomi il tachifluid in questi giorni il dolore e aumentato giovedi mi sono recata dal mio dottore guardando i risultati dell'urina mi a detto che era una colica renale e mi a dato per 5 giorni punture di voltaren 75 più toradol in gocce ieri sera ho iniziato a stare di nuovo malissimo anche avendo fatto la puntura dolori fortissimi al rene non riuscivo nemmeno a mettere giù la gamba e nemmeno a urinare mi sono recata al ps mi hanno fatto una flebo di toradol e mi hanno rimandato a casa dicendomi che non potevano farmi nulla perchè non c'era nessuno la dottoressa mi a fatto la carta per fare l'ecografia all'addome con l'urgenza con scritto colica renale col punto di domanda ..ma possibile che non riescano a capire che cosa possa essere ?e una settimana che sto con dei dolori pazzeschi non ne posso più .. grazie mille...

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
in effetti talora è veramente molto difficile differenziare i due problemi. Se il dolore irradiato alla gamba è senz'atro più tipico della sciatalgia, i disturbi ad urinare sarebbero di certo più facilmente collegabili ad un problema legato appunto alle vie urinarie. In genere, già una attenta visita diretta da parte di uno specialista in urologia è in grado di fare chiarezza, ovviamente l'ecografia è comunque da eseguire, perché se la causa fosse renale, considerata l'intensità dei disturbi, certamente si dovrebbe trovare qualcosa di alterato. C'è da dire che un dolore tipo colica renale dovrebbe rispondere bene agli antidolorifici che si stanno usando, che sono i farmaci più indicati in questi casi. Invece si sa che il dolore sciatalgico da irritazione neurologica risponde meno bene a questi farmaci, mentre devono essere utilizzati altri tipi di antidolorifici "puri". In conclusione, auspichiamo che l'ecografia venga eseguita al più presto, certo è che se nel frattempo lei potesse essere valutata anche da un buon ortopedico, ci si potrebbe avvicinare più velocemente ad una conclusione.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 342XXX

la ringrazio della risposta ..stamattina sono tornata in ospedale e mi hanno rifatto l'esame dell'urina e mi hanno trovato tracce di sangue ed eco addome negativo conclusione infezione alle vie urinarie con cistite acuta per 5 giorni tavanic 500 mg più tachipirina 1000 se non mi passa l'urologo a detto che mi fa eseguire una tac all'addome per vedere se c'e qualche calcolo che non hanno visto con l'eco ..ma non mi e chiara bene una cosa perchè mi hanno trovato il sangue nell'urina?perchè loro hanno fatto ipotesi che c'era un calcolino ..la ringrazio ancora buona serata...

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
ci spiace dire che nel suo caso si sia costretti ad andare un poco a tentoni, le assicuriamo peraltro che purtroppo non è possibile muoversi con la sicurezza che sia lei che noi desidereremmo. Una ecografia completamente negativa a fronti dei tali e tanti disturbi che lei riferisce,,parrebbe allontanarci da una possibile causa addominale. La presenza di tracce di sangue nell'urina in una donna in età fertile non sono mai di univoca interpretazione. È pur vero che la presenza di un (piccolo) calcolo lungo l'uretere nel suo ultimo tratto prima della vescica potrebbe essere causa di queste tracce di sangue e dei disturbi irritativi vescicali. Questi piccoli calcoli posso sfuggire all'ecografia, ma dovrebbero causare almeno una lieve dilatazione dell'alta via urinaria, cosa che non risulta. Più discutibile l'ipotesi di cistite, per la quale i disturbi parrebbero senz'altro sproporzionati. In conclusione, si continua con gli antidolorifici e si valuta l'evoluzione nel corso dei prossimi giorni. Non è raro che ad un certo punto i disturbi possano inopinatamente scomparire o quantomeno caratterizzarsi in modo più preciso e per noi inequivocabile.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 342XXX

Gentile Dottore
la vescica con l'eco non sono riusciti a guardarmela ero su al Ps e mi hanno portato subito a fare l'eco, ho bevuto ma era ancora vuota ...infatti mi sono stranita ma ha risposto male anche in Ps che aveva fretta perchè c'erano troppe persone, quindi e meglio se ripeto l'ecografia completa?
la ringrazio veramente gentile

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
in una situazione come la sua è più importante la,valutazione dei reni, per coglierne una eventuale dilatazione, che a quanto pare non è stata rilevata. D'ogni modo per completezza di indagine sarebbe meglio valutare anche la,vescica, pertanto se possibile sarebbe opportuno ripetere, magari armandosi di un po' di pazienza in più.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 342XXX

Gentile Dottore
da parte mia la pazienza c'è starei anche tutto il giorno in ospedale, era il dottore che aveva fretta...cosa potevo dire?comunque ieri i dolori si erano calmati oggi invece ho questo dolore al fianco l' inguine e gamba accompagnato da nausea che non ne posso più...domani vado dal mio medico curante a farmi prescrivere un eco addome completo...
la ringrazio davvero molto
buona serata

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
parlando di pazienza, non ci riferivamo certo alla sua! In effetti è sempre il dolore alla gamba che ci lascia interdetti, d'altronde la sua corporatura non proprio esile la esporrebbe facilmente a questi dolori a partenza dalla colonna vertebrale lombare.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing