Utente 441XXX
salve dottori, sono un ragazzo di 20 anni e ad ottobre notai una anomalia, un getto urinario bifido, non per questo l'urina usciva dal wc ma comunque era visibile questo getto doppio, ciò nonostante lo controllavo bene ed urinavo dritto, ad allora non erano presenti altri disturbi, cosi ho chiesto consulto su questo sito con un altro profilo e un dottore molto gentile mi consigliò degli esami da fare..
valutazione urologica, uroflussometria con residuo post minzione, ecografia vescicale-prostatica sovrapubica.
cmq faccio tutti gli esami: la prostata è ok, vescica idem, uroflussometria con valori ottimati:
qmax 38 ml/s
qmed 27 ml/s
tempo al flusso massimo 5 sec
volume espulso 620 ml
tempo svuotamento 21 sec
si evidenzia un residuo vescicale calcolato in 80 ml tramite ecografia
flussometria non patologica (nell'esame c'è anche un grafico a "campana")

tutto apposto, però 1 mese fa inizio ad avere una minzione frequente, sensazione di non svuotare la vescica, un flusso debole che a volte esce pianissimo e finisce per scorrere sul glande, dolore al pene. il flusso debole cell'ho quando urino con il "finto" stimolo per cui escono neanche 100 cc ed escono senza forza, mentre quando c'è il vero stimolo il getto è come sempre abbastanza forte.
e sempre questo finto stimolo, quando sto in bagno devo rimanere in attesa per iniziare a fare quelle poche gocce..
inoltre ho spesso la sensazione di avere dell'urina ferm nella parte dell'uretra circondata dal glande, ma anche se spremo il glande non esce niente ed aproposito di spremitura, dopo la minzione devo spremere bene perchè mi rimangono delle gocce sotto al meato. mi da un nervoso..
questi sintomi sono aumentati molto causandomi una vera e propia cistite, curata, ma poi i sintomi si sono ristabilizzati.
sinceramente sono terrorizzato dalla stenosi uretrale, ci penso ogni giorni, focalizzo il mio pensiero sulle sensazioni che avverto dalla vescica, sono spesso assente psicologicamente, mi chiedono che hai? niente..
psicologicamente sono distrutto, voi penserete: per cosi poco? certo pensare che ci sono cose ben peggiori mi fa rinquadrare il mio problema, ma comunque ci sto male.
più leggo i sintomi della stenosi e più e me li sento.
vi voglio chiedere un parere e se la stenosi c'è sempre oppure solo ogni tanto? voglio dire chi ha la stenosi uretrale quando ha la vescica discretamente piena, ha comunque un flusso lento e sottile? perché nel mio caso quando c'è il vero stimolo minzionale il flusso spinge molto ed è ampio.
mentre invece quando urino poco sotto i 100 ml la spinta non c'è, è minima direi.
potrebbe quello di ottobre essere un sintomi della stenosi? ad allor solo getto doppio ma che adesso sta progredendo chiudendomi l'uretra sempre di più.
spero mi rispondiate, ho ripreso contatti con l'urologo, in attesa di visita per martedì mi ha detto di andare a vescica piena cosi da rifarei vari esami
grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se vi fosse una stenosi, il flusso sarebbe sempre lento e non solo occasionalmente. Quindi diremmo che potrebbe levarsi questi pensieri dalla testa. Il suo problema è invece questo stimolo "fittizio" e sproporzionato che quindi da esito ad un basso volume di urina. Questo è un sintomo irritativo, generalmente correlabile alla prostata. Alla sua età si tratta perlopiú di congestione della ghiandola, più rara l'infezione. La situazione merita ovviamente di essere giudicata attentamente dal suo urologo di riferimento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 441XXX

salve dr piana, grazie della risposta, è lei che mi rispose nel consulto di settembre, ora mi ricordo :)
mi conferma quindi che chi è affetto da stenosi uretrale anche quando ha la vescica moderatamente piena il getto è comunque lento e sottile? cosi per togliermi il pensiero.

secondo lei questa fastidiosa sensazione di avere gocce di urina ferme poco sotto al meato uretrale, sensazione che si amplifica quando pratico la masturbazione in pratica come se la stimolazione manuale facesse muovere delle fantomatiche gocce, che però di fatto non escono, a cosa può essere dovuto?

ha presente il liquido pre eiculatorio? a me non esce durante la masturbazione ma comunque nell'uretra ci arriva e proprio prima di eiaculare vedo che il meato è leggermente bagnato di questo fluido, il problema è che concluso l'orgasmo il fluido continua ad uscire e mi "sporca" il glande.
cosa pensa?

buona domenica

non so se c'entra qualcosa con i sintomi che ho ma io nella masturbazione o nel sesso, siccome ho il frenulo corto però ho paura a fare la circoncisione, diciamo che dopo 3 minuti di spinte vaginali vengo inevitabilmente mentre nella masturbazione mi controllo e quando sto per venire mi fermo e riprendo dopo un po'.
grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
È frequentissimo che i fastidi originati dalla prostata abbiano una irradiazione anteriore e vengano percepiti come sensazioni, dolori, ecc. al glande, segnatamente il versante inferiore. Ovviamente non ci sono "gocce di urina" che vanno e vengono. Quando comunque si è portati a verificare direttamente la situazione, quasi invariabilmente nel punto in cui viene riferito il fastidio non si trova assolutamente nulla. I problemi irritativi prostatici del giovane sono molto difficili da curare, questo immaginiamo lo abbia già ben capito leggendo almeno qualcuno delle centinaia di consulti che ogni anno forniamo solo su questo tema. Essenziale è una buona predisposizione psicologica ed un soddisfacente rapporto di comunicazione e fiducia con l'urologo di riferimento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 441XXX

mio papà ha delle capsule di nome prostamol, se ne prendessi una solo per curiosità, crede che potrei subito averne beneficio o c'è bisogno di costanza?
dottore quando dice non ci sono gocce che vanno e vengono intende dire che l'urina non può fermarsi nell'uretra ma nel caso sia veramente presente andrebbe ad uscire irreparabilmente? la mia percezione che si amplifica se stimolata, ho notato che dopo stimolazione continua ed assidua con la manovra masturbatoria, la sensazione si è concretizzata in quanto mi è uscito un forte schizzo di urina..

Quando comunque si è portati a verificare direttamente la situazione, quasi invariabilmente nel punto in cui viene riferito il fastidio non si trova assolutamente nulla > crede che io stia esagerando ed alcune delle cose che "lamento" potrebbero poi essere annullate dall'urologo?

Essenziale è una buona predisposizione psicologica > ha ragione ma io sono troppo emotivo e debole caratterialmente, non reagisco ai problemi, mi arrendo subito e passo alla fase depressiva :|
spero che l'urologo ridimensioni i miei problemi in quanto li sto facendo diventare caso nazionale !!

Grazie

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il prodotto cui fa riferimento è un integratore alimentare che ha indicazioni nei disturbi prostatici dell'età matura, peraltro con efficacia molto variabile, imprevedibile ed a tempi medio lunghi (molti mesi).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 441XXX

dottore la aggiorno dopo la nuova visita, nel mentre ho svolto un esame del sangue mirato al funzionamento dei reni, potrebbe aiutarmi ad interpretarlo grazie.

ematologia
RBC 4.98
MVC 84.8
HCT 42.3
PLT 194
MPV 9.0
WBC 4.8
HGB 14.2
MHC 28.5
MCHC 33.6
LYMF 1.4
GRAN 3.0
MID 0.4
LPR 30.0
GPR 63.6
MPR 6.4
RDWR 13.7
chimica clinica
CRE 1.0
BUN 10

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gli esami "mirati" sono gli ultimi due (creatininemia ed azotemia) e sono ampiamente nella norma. Non ci si poteva d'altronde attendere nulla di diverso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 441XXX

salve l'urologo mi ha detto che ho una congestione alla prostata, l'esame anche se molto deciso, un "tocca e fuggi" , è stato come un dolore forte acuto che poi si è calmato ed è diventato lieve ma fisso.
comunque visto il mio grande interesse verso la stenosi uretrale, l'urologo me la escludeva a priori ma alla fine gli ho chiesto esplicitamente di voler fare un esame diagnostico e mi ha prescritto l'uretrocistografia minzionale.
perdoni tutte queste domande :)

lei ha mai eseguito direttamente l'esame? in base alla sua esperienza per il paziente è un esame semplici poco fastidioso o con non pochi dolori? durata?

qualche info generale volevo chiederle, debbo recarmi all'ospedale a vescica piena?
ho letto che sarà inserito il catetere per qualche cm e poi iniettata in vescica un "mezzo di contrasto" che dovrebbe far si che la vescica abbia una sorta di riempimento e poi si passa alla fase della minzione?
il catetere è ben lubrificato o c'è da soffrire?

l'esame per quanto mi sembra fastidioso l'ho voluto a tutti i costi io, come si dice carta canta.. se non ho la stenosi lo si vedrà o no? il fatto che io abbia un getto urinario comunque forte è buon segno?

grazie doc

edit: ha esami diagnostici da consigiarmi che potrei fare?
le varie ecografie pubiche-rettali-scroto le ho fatte, uroflussometria fatta, cistografia in attesa.
altri esami del sangue per cercare qualche valore scomposto

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
<<<l'esame per quanto mi sembra fastidioso l'ho voluto a tutti i costi io>>>

Questo è profondamente scorretto dal nostro punto di vista. Se lo specialista ritiene inopportuno un accertamento od una cura, non si deve sentire costretto a farne prescrizione solo per compiacere al paziente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 441XXX

si dottore, ma mi dice lei come esclude a priori una stenosi uretrale se io le dico che ho questo getto a volte leggermente deviato e i disturbi urinari che mi porto dietro di recente?
Ok che la flussometria è quasi perfetta
(max 28 ml/s medio 21 ml/s 550 ml vuotato 26 secondi svuotamento 30 residuo vescicale)
ma non vedo dove sia il problema nel fare un esame diagnostico mirato alla mia serenità.
il mio problema è che sono ipocondriaco e molto spesso mi trovo davanti medici che danno poca considerazione a quanto riferisco, soprattutto perché uso termini medici che giusto uno che si informa molto o che è studente in medicina potrebbe conoscere e mi sento dire che non ho niente, che sto bene, di stare tranquillo.
questo è profondamente scorretto, per quanto una persona possa essere ansiosa, se le riporta un disturbo, DEVE essere considerato come qualsiasi altro paziente, e non considerato a priori come quello che urla "al lupo" ma che poi non potrebbe avere niente.
Se vorrà rispondermi la ringrazio, altrimenti me ne farò una ragione :)