Utente 286XXX

Salve, ormai si legge dappertutto di rimedi miracolosi per combattere la prostatite.

Penso che sono solamente trovate pubblicitarie che nella sostanza poco incidono nella cura di questa patologia.

Vorrei un parere in merito e se è vero che la serenoa repens è la giusta cura.

L'ultima volta che sono andato dall'urologo mi ha curato la prostatite con il taladafil, anche perchè mi causa problemi con l'erezione.

Grazie per l'opportunità.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Lei ha ben presente quale è la situazione ed il suo punto di vista è sostanzialmente realistico. L'estratto vegetale di palma nana (serenoa repens) viene ampiamente utilizzato come integratore alimentare da decenni, se la sua efficacia fosse veramente così decisiva non saremmo qui a rispondere a migliaia di consulti inerenti la prostatite. Più recentemente è stato dimostrato che, in presenza di deficit anche della sfera sessuale (abbastanza frequente) vi possa essere un vantaggio dalla somministrazione continua di tadalafil a basso dosaggio. Anche qui niente di miracoloso, si intenda, inoltre questo approccio terapeutico risulta abbastanza costoso, trattandosi di un farmaco non prescrivibile in regime di sanità pubblica. Vale comunque la pena di provare.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 286XXX

Grazie per la risposta, scusi se riprendo l'argomento serenoa repens:
alla luce delle vs. competenze ed esperienza, chiedo se un uso continuato (magari mi dite per quanto tempo) di questo integratore sia di aiuto a combattere/prevenire l'infiammazione della prostata, integrandolo anche con il mannosio.
A tal proposito, leggo di frequente anche di esperienze personali che il promase contiene tutti e due e da buoni risultati oppure permixon o altri che consigliate voi, se potete.
In definitiva, a me interessa sapere, dato che convivo con la prostatite da circa 25 anni e non mi sembra che ci sia una cura risolutiva, se almeno con la somministrazione di questi integratori posso ridurre e prevenire i disagi che mi provoca la patologia.
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il d-mannosio ha altri scopi, non direttamente legati ai problemi prostatici. Sulla serenoa repens abbiamo già evidenziato la nostra opinione. Cure risolutive per la prostatite a tutt'oggi non ve ne sono, e immaginiamo che lei se ne sia reso ben conto, leggendo almeno alcuni delle migliaia di consulti che forniamo su questo argomento. La sostanza è che, assai più dei farmaci, può risultare utile riservare attenzione allo stile di vita, con particiolare riguardo ad alimentazione, idratazione, funzione intestinale, attività fisica ed attività sessuale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 286XXX

Chiaro, grazie.