Utente 458XXX
Buon giorno cari dottori volevo chiedervi un consulto il mese scorso ho effettuato un eco ai reni per controllo l'esito e il seguente:
reni in sede,regolari per forma,dimensioni e struttura;non ectasichele vie urinare;non visibili calculi renali in atto,con presenza di qualche formazione microlitiasica,bilaterale, la maggiore di 4mm di diametro al gruppo caliceale inferior del rene destro.
ed arrivo al dunque ieri stavo in ospedale da mia mamma ricoverata quando un dolore forte e improvisso mi assale al lato destro ( in passato ho avuto una colica e calcolo al rene sx 2 anni fa per essere preciso) il dolore mi accompagna per vari minuti fino a calmarsi ma non scomparire dopo di che incomincio ad avere la sensazione continua di urinare vado e prima poco poi nulla.
a questo punto mi reco al pronto soccorso dove senza visitarmi mi dicono che e una colica mi fanno una siringa e via torno a casa mi faccio un bagno caldo e vado a dormire, nottata tranquilla dove riesco a dormire
stamattina ancora dolore ma sopportabile però e sopragiunto uno strano bruciore al pene specialmente quando urino e questa cosa mi ha spaventato secondo voi può dipendere sempre dalla colica o potrebbe essere qualche altra cosa?
vi ringrazio per la vostra sicura risposta

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
L'evoluzione dei sintomi è abbastansza tipica per il transito e la fase espulsiva di un piccolo calcolo, con la fase di colica acuta con il dolore lombare, seguita dalla comparsa di disturbi irritativi "bassi" dovuti al passaggio del calcolo nel tratto terminale dell'uretere., presso lo sbocco in vescica. L'ecografia non riesce abitualmente a vedere i piccoli calcoli nel tratto intermedio dell'uretere e la dilatazione a monte può non essere significativa. In genere in questi casi si prescrive una terapia adatta a facilitare la progressione del calcolo (alfa-litici, cortisone) ed antidolorificoi, valutando l'evoluzione a breve e medio termine. Il tutto deve ovviamente essere gestito da un nostro Collega specialsita in urologia. In caso di dubbi ulteriori, la TAC può chiarire definitivamente la situazione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 458XXX

egreggio dott. piana quindi secondo lei è la fase conclusiva di una colica?non vorrei sbagliarmi ma stamattina mentre urinavo ho visto una piccola pietra cmq come antidolorifico il tachidol va bene ? come devo comportarmi?oggi e giovedì e visto che mia mamma e ricoverata non posso muovermi mi dia un consiglio

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ovviamente noi non possiamo prescrivere terapie a distanza, d'ogni modo è l'evoluzione delle prossime ore che potrà confermare o meno la nostra ipotesi. Le consigliamo comunque di farsi visitare da un medico appena possibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 458XXX

dottore cosa vuol dire con l'evoluzione delle prossime ore potrebbe peggiorare edaumentare il dolore sono veramente in ansia e crisi non so come comportarmi sto andando in panico più totale

[#5] dopo  
Utente 458XXX

dottore un ultima cosa ho chiamato il mio medico di base dicendo di prendere un antibiotico cimixin o una cosa del genere perché potrebbe anche essere un infezione non lo vorrei prendere perché se fosse una colica renale potrebbe peggiorare il dolore o va bene anche per una colica?

[#6]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
I disturbi irritativi da passaggio di calcolo in vescica vengono spesso confusi con una banale cistite. Ovviamnte gli antibiotici non hanno in questo caso alcuna efficacia, peraltro neanche possono causare un peggioramento, come lei presuppone. Per il resto non simdeve spaventare perchè verosimilmente la,situazione si potrebbe già anche essere risolta. Se persisteranno sintomi, bisognerà ripetere l'ecografia e magari affidarsi a cure non solo telefoniche ...
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 458XXX

la ringrazio mille dottor volevo sapere veramente un ultima cosa poi non le rubo più tempo prezioso ad oggi mi sento ancora con un Po di dolore e normale?quanta giorni possono passare per una ripresa totale e poi se è normale anche che quando sto stesso dolore non c'è invece quando sto in piedi anche se molto leggero il fastidio e presente

[#8]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Tenga ben presente che ci stiamo basando solo su supposizioni e non su certezze, comunque la medicina non è una scienza esatta, si sa ... È abbastanza comune che nei giorni successivi il passaggio di un calcolo si manifesti ancora qualche disturbo, in graduale e costante riduzione. In ogni caso, sarebbe opportuno ripetere una ecografia entro 10-15 giorni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente 458XXX

egreggio dottor piana come da lei suggerito ho fatto un ecografia riporto il referto:reni in sede,regolari per forma dimensioni e struttura;Non ectasiche le vie urinarie;Non visibili calcoli renali in atto,compresenza di qualche rara formazione microlitiasica,di 3 mm di diametro massimo,in particolare al gruppo caliceale inferiore del rene dx.
cosa pensa lei grazie per la sua sicura risposta

[#10]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La situazione ê quindi come prevedibile risolta, i granelli di sabbia nei reni non hanno ora particolare importanza, ma certamente stanno a significare che lei è predisposto alla formazione di calcoli.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing