Utente 266XXX
Buon giorno, compi 41 anni ad aprile, da qualche settimana precisamente dal 02/01/18 ho notato del sangue nello sperma post eiaculazione. La prima volta era un sangue rosso vivo, poi rosastro tendente al marrone,infine tipo a piccoli grumi sempre tendenti al marrone.Ho effettuato eco addome inferiore con esito ok, urinocultura con esito ok, PSA con esito ok(0,94 su 4.00) e ad agosto già avevo effettuato una eco testicolare anch'essa con esito ok.
Sono andato dall'urologo, giorno 16/01/18 il quale mi ha diagnosticato una emospermia probabilmente associata ad una prostatite, mi ha chiesto se avessi figli(risposta si)e mi ha prescritto Ciproxin 500mg per 6gg, e Topster supposte per 10gg. Interrompere poi per 15gg e riprendere con le stesse modalità per altri 6+10gg.
Non vi nascondo una buona preoccupazione essendo la prima volta che mi capita un epiosodio simile. Le domande che vorrei porvi sono:

1 Normale che questo sangue continui a fuori-uscire?
2 mediamente quali sono i tempi di guarigione(anche se immagino soggettivi)
3 Trovate riscontro nella cura che sto facendo?
4 devo seguire in questa fase una dieta particolare?


So che potreste rispondermi perché nn le abbia rivolte al medico tt queste domande, ma la verità è che talmente l'apprensione e l'ansia per sta cosa, che me ne sono completamente dimenticato!

ringraziandovi anticipatamente attendo vs risposta in merito

grz

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2003
Emospermia alla sua età vuol dire prostatovescicolite cioe' una infiammazione prostatica complicata da infiammazione delle vescicole seminali.
La cura delle prostatiti e' molto empirica e cmq nel suo caso e' utile una eco prostatica transrettale per " mirare" forse meglio la cura.
Per quanto riguarda la domanda sull'eventuale "riscontro della cura prescrittoLe . e' imperativo e regola di qs sito di non discutere su cure di colleghi che hanno avuto la possibilità di visitarLa.
Ne parli con il suo urologo.
Dott.Roberto Mallus