Utente 481XXX
Salve, sono una donna di 41 anni. E' dal 2009 che ho delle perdite di urina. Uso da allora i salvaslip. Spesso ho cistite, senza bruciore, solo avverto la sensazione di una minzione più frequente. Essendo ancora illibata, di recente ho fatto solo eco pelvica e renale ,ma non ho niente. Dall' esame dell'urinocultura invece è uscito l'enterobacter .Ora non so se è questo il responsabile delle perdite di urina che ho dal 2009 ma non so più che fare.....devo lavarmi di continuo poichè lo slip si bagna dopo 2 minzioni ed ho paura di visite invadenti data la mia condizione. Potrei avere una grave patologia? Grazie mille in anticipo per la risposta

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La situazione deve essere ovviamente valutata in modo ragionevolmente approfondito. A parte la visita indispensabile, che lo specialista saprà condurre con la dovuta cautela, in queste situazioni è indispensabile eseguireuna indagine urodinamica per comprendere correttamente il tipo della sua incontinenza. Per ora possiamo unicamente escludere che la causa possa essere unicamente la presenza di batteri. Tra l'altro si tratta di batteri intestinali (gram positivi) che non provengono dalla vescica, ma contaminano l'urina al passaggio sulla pelle dell'area genitale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 481XXX

Grazie dottore per la risposta; le dico francamente che per l'indagine urodinamica non sono propensa: ho paura di eseguirla poichè invasiva.La dottoressa di base , mi ha detto che potrei avere un prolasso della vescica e che dovrei operararmi , ma visto il mio stile di vita penso che sia improbabile! Lei che ne pensa?
Le mie perdite non sono da sforzo, io emetto piccole gocce involontarie durante l'arco della giornata e come le ho detto soffro di cistite e polliachiuria....

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'indagine urodinamica non è assolutamente invasiva, soprattutto nella donna si tratta di un breve e modestissimo fastidio che peraltro porta a dei risultati in base ai quali si può indirizzare la terapia in modo serio e mirato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 481XXX

In cosa consiste di preciso? Io so che bisogna usare un catetere ed un'ampolla rettale-----
grazie

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Semplice inserimento di sottilissime sonde (2 mm) in vescica e, talora, nel retto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 481XXX

grazie