Utente 407XXX
Buonasera, ho 39 anni e da più di due mesi e mezzo sto soffrendo come fosse un domani di fastidi e dolori. Iniziamo dal principio: il 18/06/2018 dopo una corsa(come vado regolarmente) ho iniziato in maniera asintomatica aa urinare sangue. per tre Giorni sempre dopo una corsa, e poi tutto tornava normale. alchè spaventato mi sono recato in ospedale e dopo una breve ecografia mi hanno rimandato a casa dicendomi che dovevo fare un esame citologico dal quale poi non risultava nulla eccetto flogosi. chiesi se dovessi fare un esame TC ma mi dissero di no.
dal giorno dopo la prima visita in ospedale inizio il dolore calvario.

Mi recai dal mio medico di base che mi disse " ma possibile che tutte queste visite nessuno ti ha almeno provato a dare un antibiotico?" e mi diede CIPROXIN con CIST mirtillo rosso e devo dire che il dolore si era attenuato;
INsomma Per farla breve Alla fine c'era un calcolo nell'uretere DX riscontrato da una( TAC CON CONTRASTO CHE HO PAGATO IO E DI MIA INIZIATIVA VISTO CHE 4 ECOGRAFIE E UNA RX NN AVEVA VISTO NULLA.) di 6 mm. mi hanno dato OMNIC e DELTACORTENE PIù POLASE piu ORUDIS per il dolore,( anche se per un bel po avevo preso buscopan e voltaren ma erano aria fresca....) per un mese ma nulla non esce.
il bello arriva adesso: da 20 giorni dopo aver preso due bicchieri di vino in una cena, oltre al fastidio di urinare in maniera spropositata durante la giornata ho un fastidio dentro l'ano (come solletico) PERO' A SX NON A DX che mi si presenta dopo l'aver urinato o defecato e uno stimoLO stesso a defecare e/o urinare allo stesso tempo..
ConsiderAndo che ho sempre alternato diarrea a feci normali adesso invece di rilassarmi dopo essere andato di corpo o aver urinato ho solo fastidio e tensione!! ma che sta succedendo?? io sto impazzendo!!
Ma se ne va o no sto fastidio??
senno faccio di testa mia e mi prendo pure un'antibiotico visto che nessuno ci ha capito nulla!PS:: HO PROVATO PER 10 GG ANCHE PS:PREPARAZIONE H MA NIULLA....
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Che un antibiotico le possa giovare in modo significativo abbiamo molti dubbi. L'imposrtante ora è cerrcare di capire se il casloco sia ancora lì oppure sia uscito inavvertitamente (cosa non impossibile) per chè solo così si può capire che cosa possa davvero essere utile per lei. In pratica diremmo che si possa tentare di ripetere un'ecografia, se l'operatore tine be presente i risultati della TAC e va a cercare il calcolo al posto giusto, Certo è che se il calcolo è ancora nell'uretere, considerato il tempo trascorso, l'unica possibilità è quella di andarlo a rimuovere con un intervento endoscopico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 407XXX

Salve, dottor Piana e la ringrazio per la risposta!
La Tac fatta il 28 luglio 2018 identificava il calcolo ad un centimetro e mezzo dall'uscita in vescica , ma le posso assicurare che non e uscito, anche perche sono tutti i giorni a tutte le ore con il retino per urinare e di questo calcolo proprio nulla. l'urinocoltura eseguita due volte con esame PSA e' tutto negativo.
L'unica cosa presente erano le Emazie e Flogosi inizialmente, mentre una settimana fa erano presenti globuli bianchi....
Quello che pero non riesco a capire è il PERCHE HO LO STIMOLO DI URINARE E DEFECARE CONTINUAMENTE MA SOPRATUTTO UN FASTIDIO ALL'INTERNO DELL'ANO NELLA PARTE SX (QUANDO TRA PARENTESI IL CALCOLO E' A DX) ED è COME SE QUALCUNO MI STIMOLASSE ALL'INTERNO.
Di corpo vado regolarmente ma appena finito di defecare oppure libero la vescica si ripresenta il fastidio/stimolo nell'ano.
RAGADI E EMORROIDI SONO STATE GIA' ESCLUSE!
Avevo pensato ad una prostatite in seguito a tutti questi eventi anche perche a volte ho anche dolori ad i testicoli!

non ho mai e dico mai sofferto di queste cose anche perche sono tre anni , ogni estate che faccio visite urologiche per controllo.
POssibile che un Calcolo sia collegato anche alla parte di dietro??
Sta' cosa veramente mi sta facendo uscire di testa.....

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In effetti la presenza di un calcolo nell'ultima parte dell'uretere è talora in grado di dare disturbi molto atipici. In ogni caso, se il calcolo è ancora presente esso va rimosso con un intervento endoscopico, poiché attendere oltre ormai non è più opportuno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 407XXX

Salve dottore, giovedì ho effettuato una visita ecografia Che ha confermato a distanza di tre mesi la presenza del calcolo prevescicale...
Ieri ho effettuato una litotrissia ma secondo loro la riuscita e
Pari al 30/40 % in quanto da quel che dicono in quel tratto le onde d’urto incontrano tessuto adiposo, colon e bacino che fanno da scudo...
quindi mi hanno detto che sono orientati per la endoscopia!
Io però nonostante topster e xatral ora (in precedenza omnic e deltacortene) i dolori anali nn stimolo a defecare nn passano!!
Ieri in esplorazione rettale ho visto le stelle, il muscolo rimane teso e lo stimolo ad urinare è rimasto per ore!
Lei pensa che devo fare una visita proctologica oppure una volta tolto il calcolo i sintomi muoiono li??
Grazie.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
È molto probabile che la rimozione del calcolo risolva anche questi disturbi. D’ogni modo la necessità di un intervento endoscopico era stata prevista senza alcun dubbio già tempo addietro.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 407XXX

Salve dottor piana! Giovedì scorso sono stato alla visita di controllo, post litotrissia però nel momento in cui è stata effettuata l’ecografia non sono riusciti più a vedere questo calcolo. io ho fatto presente che i sintomi sono sempre presenti e sono anche peggiorati ; loro mi hanno detto che mi dovranno rifare una tac perché non potrebbero prenotare una operazione se non capiscono dove è andato a finire questo calcolo! io ho aumentato i bruciori anali e perineali sensazione di defecare e urinare continuamente e mi sono accorto che durante e anche dopo l’eiaculazione il dolore rettale aumenta notevolmente!! Ora vorrei sapere ma non è che questi non ci stanno capendo nulla e il dolore oramai da quattro mesi mi si sta cronicizzando?? A proposito parentesi sabato o effettuato anche una visita proctologia nella quale mi è stato consigliato di fare una colon scopia ma che a livello anale non hanno riscontrato nulla eccetto un qualcosa a sinistra dove io ho un piccolo fastidio l’unica cosa è che nel momento in cui mi è stato inserito il dito Nel sedere molto probabilmente toccando la prostata io sono letteralmente saltato! cosa può essere accaduto?? Veramente mi si sta cronicizzando il tutto??Possibile che da un piccolo calcolo, dal 15 giugno, siamo giunti a questi dolori paradossali??
Grazie

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non può stupire che l'ecografia non riesca a definire la presenza di un calcolo nell'uretere. In questi casi, i sintomi sono la guida più affidabile e, se presenti, rendono molto probabile la presenza del calcolo. E' pur vero che per dalle delle indicazioni corrette questo piccolo "fantasma" deve essere comunque individuato, questo solo la TAC lo può fare. Sull'efficacia delle onde d'urto a questo livello avevamo già espresso le nostre riserve. Ora non resta che valutare gli esiti della TAc ed eventualmente confermare la necessità di un intervento endoscopico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 407XXX

Si , dottore ma io la tac già l’avevo effettuata e con il contrasto il 28 luglio e il calcolo era stato già individuato in posizione prevescicale , ora loro dicono che dopo la litotrissia qualcosa nn torna e non lo trovano più! Io gli ho spiegato che i fastidi sono gli stessi e loro vogliono rifare una Tac senza contrasto....
Considerando il fatto che coliche renali nn ne ho più da tempo
La cosa che mi preme sapere e’ se questi spasmi di minzione e defecazione (senza produrre nulla)protratti oramai da 3 mesi e mezzo se possono cronicizzarsi oppure vanno via?e se nn trovano nulla sarei sperso! Perché nn giustificherebbero più questi fastidi..
lei che pensa?

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La rimandiamo al nostro contriburo #5
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 407XXX

Gentilissimo dottore, sono disperato e depresso, disturbo ancora una volta per aggiornarla sulla mia situazione è per chiederle delucidazioni in merito:Come le avevo anticipato l’ Ultima volta il calcolo dopo litotrissia, nn si trovava più ;L’aggiornamento è questo: praticamente io martedì ho effettuato la tac senza contrasto, ed il risultato è stato il seguente:Reni in sede di dimensioni morfologica e contorni nei limiti in corrispondenza del’uretere distale iuxta vescicale , a dx si apprezza Formazione Litiasica di 3 mm ( inizialmente era di 6mm) con minima ectasia dell’uretere a tale livello. Nn dilatazioni delle vie escretrici.
Ieri notte sono stato in PS perché ho avuto la colica.
Secondo i medici il mio tenesmo rettale nn è riferito al calcolo...
Io sto impazzendo mi hanno messo il dito nel sedere e avevo stimolo a far pipi; ieri sera quando ho avuto coliche avevo continue contrazioni vescicali a urinare e defecare tanto che sono andato anche 4 volte di corpo. Ed in più i soliti dolori; e loro dicono che il sedere nn c’entra?? Io sto impazzendo! Anche quando allargo le natiche mi corrisponde avanti! Oppure dopo un’eiaculazione!! Che devo fare??
La ureteriscopia dovrebbero programmarla a giorni!! A chi devo credere dottore? Spariranno questi fastidì o permarranno? Grazie anticipatamente.

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Solo liberando definitivamente e completamnte la via urinaria si potrà essere in grado di giudicare anche gli altri disturbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente 407XXX

Salve dottore, in settimana ho effettuato una spermi ho cultura dalla quale è uscita una discreta numero di batterio stafilococco a questo punto potrebbe essere una prostatite perché questi dolori ma soprattutto questi bruciori mi stanno davvero logorando anche deprimendo ..... il calcolo e sempre lì a dx ( 3 mm non più 6)mentre il continuo stimolo a urinare e defecare con bruciore interni anali a sx! Lo stafilococco può scindere e creare una conclusione al tutto?? GRAzie