Utente 519XXX
Buonasera. Quattro giorni fa, il mio compagno, ha accusato dei forti dolori e dopo un'ecografia è stata riscontrata della "sabbiolina" (il dottore ha parlato di incrostazione). Ha dato da prendere il farmaco "SPASMEX" in compresse per mantenere l'uretra aperta, TACHIPIRINA all'occorrenza per dolori di lieve/media intensità e TORADOL se il dolore è davvero forte.
Il toradol non l'ha mai preso ma ci sono stati frequenti episodi di dolore, questo pomeriggio ha notato dei grumi di sangue nelle urine e bruciore alla fine della minzione.
Questo è dovuto al fatto che la "sabbiolina" sta finalmente migrando verso la completa espulsione?
Può esser considerata una buona notizia?
Sono veramente molto preoccupata.
Vi ringrazio in anticipo per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Quella che viene comunemente definita renella, si riferisce in realtà a minime incrostaziioni presenti sulla superficie interna del rene (come descritto dall'ecografista). Queste minime formazioni non sono in grado di giustificare alcun disturbo, in quanto non sono (ancora) libe re nell'urina, sono in effetti i progenitori dei calcoli e sono presenti infatti in soggetti in qualche modo predisposti alla formazione degli stessi. quanto ci riferisce (dolore, sanguinamento, ci fa invece pensare alla migrazone in corso tra rene e vescica di un piccolo calcolo vero e proprio. Si tenga conto che l'ecografia non è in grado di individuare i calcoli in questo tratto se non immediatamente sotto il rene od immediatamente sopra la vescica. In caso di persistenza di sintomi fastidiosi la situazione deve essere necessariamente chiarita con l'esecuzione di una TAC dell'addome senza mezzo di contrasto. Nel frattempo, si consiglia di non esagerare con l'acqua (cosa che purtroppo talora viene consigliata) ed assumere degli antidolorifici al bisogno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 519XXX

Dottore, la ringrazio per la risposta. Mi scuso per la domanda, probabilmente stupida, ma una volta che il calcolo riesce ad arrivare nella vescica questo viene facilmente espulso (e quindi si attenua il dolore)?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'uretra è assai più compiacente dell'uretere, pertanto in condizioni normali, un calcolo fino a 5-6 mm che arriva in vescica viene rapidamente espulso urinando senza particolari fastidi o problemi. Tanto che alemno nella metà dei casi questo avviene in modo inavvertito.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 519XXX

Ho capito. La ringrazio ancora

[#5] dopo  
Utente 519XXX

Dottore, vorrei farle un'ultima domanda.
Ipotizzando che il calcolo sia di dimensioni superiori a quelle che mi ha precedentemente indicato, si dovrebbe avere difficoltà ad urinare?

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ovviamente, più il calcolo è grande e più intevengono variabili che possono favorire la comparsa di complicazioni. Più propriamente però, la difficoltà ad urinare non è un sintomo comune, poiché (come forse abbiamo detto) quando un calcolo arriva in vescica, in un soggetto normale, l'ulteriore passaggio attraverso l'uretra verso l'esterno avviene senza particolari difficoltà.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 519XXX

La ringrazio ancora per la risposta.
Comunque sembra che il peggio sia passato. Non sussiste più il continuo stimolo ad urinare e non sono più presenti bruciori e tracce di sangue. Ancora grazie, Dottore.