Utente 498XXX
Salve dott.
Da novembre ho il problema di urinare spesso.Le spiego meglio.
Sono una ragazza di 25 anni, mai avuti problemi di cistite.C'è stato un periodo di novembre in cui urinavo spesso, cosa che poi è passata con l'arrivo del ciclo.Fino a qua tutto apposto. Dopo un po' sentivo ancora piccoli fastidi, nel periodo fertile e che precedeva l'ovulazione, ma cose minime, il giorno dell'ovulazione ho avuto dolori(Cosa che mi capita spesso ma passano quasi subito)Stavolta però oltre ai dolori mi è tornata la cosa di urinare spesso ma stavolta in maniera significativa, nel senso che andavo proprio ogni minuto con dolori, come se qualcuno spingesse nella mia vescica(Non ho avuto sangue e ne bruciore) Allora il dottore mi ha prescritto due bustine da prendere una il giorno stesso e l'altra dopo tre giorni.(Non ricordo il nome, questo è comunque il periodo di dicembre) E devo dire che ha fatto effetto, perchè comunque mi è passato.Mi è venuto il ciclo, tutto apposto, si avvicina il periodo fertile, inizio ad accusare fastidi e sempre sensazioni alla vescica, cosa poi passata dopo un tot di giorni.Dopo essere stata in viaggio, avuto un contatto fisico con il mio ragazzo ma non rapporto, ho iniziato ad accusare nuovamente dolori al basso ventre e addominali, fianchi e reni.Torno a casa domenica e tutt'ora sono messa cosi. Dolori e urinare frequentemente, e mi capita dopo magari che vado al bagno ad urinare di sentire dolori forti e da quando sono tornata che sto messa cosi e inizio seriamente ad agitarmi e preoccuparmi.Sono soprattutto i dolori che mi fanno ansia.Ho dolori al basso ventre appunto, fianchi, reni, addome.Non so che fare. Premetto che soffro di colite, reflusso e gastrite.Diciamo che con lo stomaco non sono messa bene.Infatti sto di nuovo rifacendo la cura per la colite, pensando fosse quello ma non credo possa essere solo quello e non so che fare.Ho anche la bocca amara.Non so onestamente cosa fare, ho questo stimolo di urinare con questi dolori.E sto andando nel panico.Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
I suoi disturbi intestinali sono certamente alla base di queste manifestazioni alle basse vie urinarie, pertanto a lungo termine è sui primi che si dovrà agire in modo energico e continuativo. Per il momento, il quadro porta a pensare ad una forma di cistite a decorso prolungato, ma prima di agire in modo empirico sarà il,caso di eseguire prima di tutto un esame delle urine con urodoltura. In base a questi si potrà decidere se opportuna la prescrizione di antibiotici. Inoltre, sarà eventualmente necessario eseguire una ecografia dell’addome e con tutto gli emaiti disponibili sottoporsi alla visita diretta di un nostri Collega specialista in urologia. Nelle fasi più fastidiose, anche qualsiasi antidolorifico/anti-infiammatorio potrà portare un transitorio giovamento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 498XXX

La ringrazio dottore per la sua tempestiva risposta, inoltre aggiungo, che tra qualche settimana dovrebbe venirmi il ciclo,lei pensa che magari questo accentua i dolori?I dolori non li esattamente proprio sempre ma in un determinato momento, o se mi trattengo dall'urinare o dopo che urino. Ci sono fasi in cui comunque non risento nulla. Secondo lei è una cosa preoccupante?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Preoccupante no, ma certamente da valutare in sede specialistica. Il ciclo mestruale può talora condizionare la suscettibilità della vescica ad infiammazioni e/o infezioni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 498XXX

La ringrazio dottore per la sua disponibilità.