Utente 521XXX
Buongiorno ho 44 anni e da circa 30 soffro periodicamente di coliche renali, ho espulso spontaneamente diverse volte i calcoli che sono di ossalato di calcio.Bevo più' di 2 litri di acqua al giorno, cerco di rispettare una dieta sana ed equilirata suggerita da un dietologo che l'ha formulata tenendo presente il mio problema ai reni, prendo il lithos ma purtroppo la formazione di calcoli è continua, A capodanno si manifesta una cistite emorragica che cerco di curare con ciproxin e cominciano ripetute coliche renali, dopo l'ennesima visita la pronto soccorso e una tac scoprono che ho 3 calcoli sul rene sinistro. Uno di questi è di 12 mm e per questo motivo mi consigliano la ESWL che faccio la scorsa settimana. Come mi ha avvisato l'urologo dell'ospedale, i primi giorni urine rosse, piene di sabbiolina, qualche colica facilmente controllabile anche solo con una borsa calda, niente febbre ma ricomincia la cistite,il bruciore e fastidio dopo ogni minzione con urine qualche volta trasparenti altre lievemente rosate,niente più' sabbia ma presenza di materiale "gelatinoso" consulto il medico che mi prescrive altro ciclo di ciproxin 250, il fastidio pero' non scompare completamente anzi si aggiunge una fastidiosa infezione vaginale. Avro' il primo controllo ecografia la prossima settimana. Vorrei pero' sapere se è normale una cistite a seguito di eswl considerando che il rene si deve liberare dopo il bombardamento e quindi il passaggio obbligato avviene attraverso le urine. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
E' difficile che si tratti di una vera cistite da infezione batterica, quanto piuttosto una irritazione vescicale dovuta al passaggio della sabbia e dei residui di calcolo. Ovviamente, in questa situazione gli antibiotici non hanno alcuna efficacia e se ne patiscono solo gli effetti collaterali (vedi i disturbi vaginali). La terapia è pertanto solo antidolorifica, eventualmente associata a farmaci che facilitino l'espulsione dei residui (alfa-litici, cortisone).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 521XXX

La ringrazio per la veloce risposta. martedì' avrò la prima ecografia post eswl e poi la visita dall'urologo, mi premeva più che altro capire se era normale durante il decorso post bombardamento, la mancanza di effetto positivo dopo l'assunzione dell'antibiotico mi aveva piuttosto scoraggiata