Utente 540XXX
Buongiorno, il mio compagno da circa 4 mesi, soffre di candida recidiva; ha provato tutti i medicinali possibili: diflucan, fermenti lattici quali enterelle, femelle, ramnoselle, utilizza il saugella antimicotico quale detergente intimo, una crema contro i disturbi vaginali, di cui purtroppo non ricordo il nome, ma nulla, quando sembra stare meglio (e per meglio intendo soltanto un lieve bruciore o qualche piccolo episodio di prurito), si scatena nuovamente il problema, soliti puntini rossi sul glande, secchezza, bruciore e prurito... cosa può fare per guarire definitivamente? E soprattutto, è corretto, con i sintomi indicati, parlare di candida o può esserci qualche altro problema? Io ho lievi episodi di prurito e perdite cremose (tipo ricotta), che però passano in 1/2 giorni con l'utilizzo di Saugella attiva, salviette sempre saugella attiva e fermenti lattici di cui sopra e soltanto in concomitanza con ovulazione e pre-ciclo.
Chiediamo un consiglio su come poter risolvere definitivamente la problematica che si protrae già da quasi 5 mesi.
Grazie per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Inanzi tutto vorremmo una conferma che la diagnosi di candidosi sia stata posta in base ad una coltura su tampone e non solo in modo empirico. Abbiamo comunque il sospetto che vi possa essere uno scambio di infezione mediato dai rapporti sessuali, i suoi disturbi sono magari modesti, ma compatibili con una candidosi vaginale, per la quale non pare lei abbia seguito terapie specifiche. Il primo ed ovvio provvedimento è quello di utilizzare sempore il preservativo fino a quando la situazione si sia chiarita o stabilizzata. Sarebbe comunque opportuno che anche lei eseguisse un tampone vaginale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 540XXX

Salve, io non soffrivo di candida prima, e con la comparsa dei sintomi ho iniziato ad eseguire le stesse cure del mio compagno (consigliata dalla farmacista) gyno canesten, diflucan, fermenti lattici ed il mio problema pare essere risolto... in ogni caso posso acquistare anche quei prodotti per autodiagnosi (gyno-canesterst?)
Grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prodotti per autodiagnosi?
In ogni caso, fino a risoluzione definitiva, è decisamente opportuno proteggere i rapporti con il preservativo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing