Utente 364XXX
Buon giorno!
Da circa un mese mi si sono presentati degli strani sintomi, che vado ad illustrare:
Comincia tutto con una sensazione di compressione al testicolo DX che poi sembra mutare in dolore differente migrando all'attaccatura della gamba partendo dall'addome fino allo scroto (a volte sembra partire dai reni, ma non sempre) ed urino più spesso del solito. Assieme a questi sintomi se ne è presentato un altro parallelo, da quando ho avuto questo fastidio, non riesco più ad avere un erezione vigorosa, e durante i rapporti la perdo completamente.
Sto con la mia compagna da 8 anni e non abbiamo mai registrato questi problemi, si sono presentati assieme ai dolori.
A volte riesco a mantenere l'erezione ma dopo 4/5 penetrazioni è più sensibile ed eiaculo praticamente subito. Se cerco di controllare l'eiaculazione, ci riesco ma l'erezione se ne va e anche stimolandomi oralmente non la riacquisto più.
Un giorno mi reco al pronto soccorso perchè il dolore è aumentato e di seguito scrivo ciò che mi hanno detto:
Temperatura timpale: 38
Analisi del sangue tutto ok tranne un valore (S-aspartato amminotransferasi (AST) = 52 ed il valore dovrebbe essere tra 7 e 46)
RX Addome = non aria libera sottodiaframmatica - normale distribuzione delle anse intestinali che non appaiono sovradistese - Non livelli idroaerei - Fisiologica presenza di feci e aria in ampolla rettale
Ecografia = Didimi in sede di normali dimensioni con ecostruttura omogenea e vascolarizzazione ben evidente. Si eccettua la presenza a destra di 3 formazioni cistiche a livello della testa la maggiore di 1cm. Sempre a destra è presente modico idrocele corpuscolato e qualche scrotolita. Non adenopatie inguinali.
Esami urine nella norma
Diagnosi: Cisti all'epididimo DX
Mi dimettono prendendomi un appuntamento urologico che si terrà dopo 2 giorni.
Torno in PS dall'urologo e mi dice che prima di operare le cisti sarebbe meglio provare una cura, mi prescrive: Spidifen 600 1x2 al giorno per 5 giorni - Diflaselin 1x2 al giorno per 14 giorni
Per il problema parallelo consiglia profilo ormonale, testosteronemia, prolattinemia, FSH, LH, TSH, FT3, FT4, Glicemia

La prima cura è stata eseguita ma non ho risolto nulla, la terapia ormonale mi è stata sconsigliata dal mio medico curante almeno per il momento dicendo che poteva essere un problema psicologico più che fisico e biologico.

Vorrei un consiglio da un urologo o andrologo, non saprei quale sia lo specialista in questo caso
Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Ci sfugge quale sia codesta "terapia ormonale" di cui ci scrive. Tutto sommato, ci pare che il quadro dei suoi sintomi non possa essere sorretto dalle cisti dell'epididimo, che perlopiù non causano alcun problema ed hanno rarissime indicazioni chirurgiche. Piuttosto, vista l'irradiazione atipica del fastidio, saremmo più propensi a pensare ad una irritazione di tipo neurologico da causa a partenza dalla colonna vertebrale. Se vi fosse stato qualche altro probelma specifico, questo sarebbe stato rilevato o quantomeno sospettato alla visita del nostro Collega. L'aspetto sessuale, considerata la sua giovane età e l'assenza di altri problemi di salute, ci pare molto più facilmente correlato a condizioni emotive. Le consigliamo di farsi seguire direttamente da un nostro Collega specialista in urologia che abbia specifiche competenze andrologiche.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing