Utente 354XXX
Salve,
scrivo a causa di un problema alla zona genitale riscontrato da qualche giorno dopo un paio di uscite in bicicletta.
Premesso di non essere un ciclista professionista, Martedì sera, dopo un uscita in bicicletta per la città di meno di due ore (con un paio di pause nel mezzo) con una nuova bici da corsa (non settata per la mie misure) ho riscontrato una insensibilità ai genitali. L'insensibilità, leggermente migliorata da Martedì sera ad oggi, sembra coinvolgere la parte destra del pene, specialmente il glande. Oggi ho notate anche qualche formicolio nella zona pelvica e al testicolo destro. Aggiungo che non ho problemi nella minzione e nell'avere un erezione (anche se ho riscontrato essere molto meno vigorosa e duratura in questi due giorni - motivo della mia preoccupazione); ma è proprio durante l'erezione che avverto maggiormente un formicolio e insensibilità alla parte destra del glande.
Scrivo questo messaggio perché è appunto da martedì che sono in panico per questa situazione; leggendo su forum dedicati al mondo della bicicletta ho riscontrato persone con casi simili ma la maggior parte di questi si risolvevano nell'arco di poche ore dopo l'uscita. Nel mio caso, a 48h dell'uscita riscontro ancora questa insensibilità e formicolio.
Ringrazio anticipatamente per il riscontro.

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Quanto ci riferisce è un'evenienza molto comune in chi pratica il ciclismo. La causa è meccanica ed assolutamente benigna, ovvero la compressione del nervo pudendo e sue diramazioni contro il piano osseo del bacino. A questo fenomeno vi sono uomini più predisposti, altri meno. Il disturbo può permanere anche per molti giorni, ma è certamente destinato a risolversi. La soluzione è empirica e sta nell'ottimizzare la posizione e scegliere una sella idonea. Di questi particolari ovviamente noi non abbiamo alcuna competenza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 354XXX

Gentile Dottore,

la ringrazio prima di tutto per il veloce riscontro.
Purtroppo ad una settimana dalla prima uscita in bici nulla è cambiato.
Ho avvertito per tutta la giornata odierna un senso di formicolio/bruciore nella zona tra i testicoli e l'ano e un leggere dolore fastidio ai testicoli stessi e zona del basso ventre.
Negli ultimi giorni ho anche notato una maggiore sensazione nel dover urinare e una leggere insensibilità nella zona anale durante la defecazione.
Riguardo alla sfera sessuale stessa situazione, sensazione di formicolio nella parte destra del glande ed erezione meno vigorosa e duratura del solito.
Le ammetto che tutta questa situazione mi sta generando un ansia non da poco poiché non riesco a spiegarmi come possa avere tutti questi sintomi solo dopo due giorni di utilizzo di una nuova bici da corsa; essendo poi abituato ad utilizzare una city bike su base giornaliera.

La ringrazio ancora.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come praticamente quasi sempre accade in medicina, le manifestazioni acute ed a rapida insorgenza sono quelle che tendono a risolversi completamente e senza laciare reliquati.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing