Utente 217XXX
Gent. dott. vorrei un parere circa la situazione urologica di mio figlio data la Vs. disponibilità e competenza. In seguito ad una visita urologica in cui è stato riscontrato un ingrossamento della prostata, ha eseguito un'ecografia delle vie urinarie, uroflussometria e dosaggio p. s. a La diagnosi è la seguente:
Ecografia: Reni in sede, di volume e rapporto cortico midollare nella norma.
Vescica indenne da immagini endoluminali o compromissioni estrinseche significative.
Ghiandola prostatica (26mmx35x36mm) con esiti calcifici centrali e indenne da lesioni focali significative e rilevabili con la tecnica
utilizzata (sovrapubica).
Non versamento libero.
P: S: A 1, 18 Uroflussometria: 540 notevole riempimento, getto allungato, residuo 15 u. Conclusioni ADENOMITE. Terapia: Riflog supp. per 4 mesi per 15 giorni al mese idem Profluss cp320 mg. sino al prox contollo. Posso stare tranquilla? Vi ringrazio molto e cordialmente saluto
Lucetta.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La prostata non è particolarmente ingrossata, ma porta i segni di infiammazioni precedenti guarite (calcificazioni), cui probabilmente si sovrappone un quadro di prostatite cronica. Il flusso è accettabile anche se questa flussometria è stata effettuata con la vescica troppo piena. Il dosaggio del PSA prima dei 45-50 anni è assolutamente inutile. La terapia prosposta è in linea con le abitudini generali, posto che per queste situazioni non esistono farmaci sicuramente efficaci.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 217XXX

Grazie dottore, vorrei sapere quale deve essere il comportamento futuro in base anche suoi suggerimenti. Grazie . cordialmente Lucetta

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Controllo urologico annuale o più ravvicinato in caso di disturbi persistenti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 217XXX

Grazie mille dottore, mi è stato molto utile. . Questi problemi possono favorire l'insorgere del tumore della prostata? Mi scusi ma sono un'ansiosa. Cordialità .Lucetta

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Sostanzialmente no.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing