Utente 568XXX
Buongiorno, ho 57 anni, da dieci ho il psa alto, 6 nel 2009, in rialzo anno per anno fino a 9. 28 razio 16 nel 2019. Biopsia prostatica nel 2016 psa a 8. 80 razio 13, 14 prelievi tutti negativi par cap. 2019 RMmp con evidenza prads4 lobo sx tra ore 2 e ore 4, successiva biopsia fusion a 5 prelievi in area segnalata, tutti negativi per cap, no hpin o altro, segnalata iperplasia prostata lobo medio dimensioni complessive 58 cc. A seguito biopsia fusione meggio 2019 ricovero in giorno seguente per grave rettoragia da 1. 2 litri, 40 di febbre e batteriemia, cateterizzato per ritenzione urinarie acuta, applicate clips per via endoscopica per rettoragia. 10 gg di ricovero. A settembre 2019 ripeto psa e troviamo valore di 18 razio 10. Nuova risonanza che risulta negativa e pirads4 dimezzata e uniforme al restante tessuto prostatico. L'urologo vorrebbe effettuare resezione con scopo bioptico. Attendo un Vs parere.
Dott. Xx

[#1]  
Dr. Dario Pugliese

24% attività
16% attualità
4% socialità
ROMA (RM)
ISCHIA (NA)
TERMOLI (CB)
COLLEFERRO (RM)
ARDEA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2019
Salve, la situazione è piuttosto complessa e necessita di una valutazione diretta per poterle dare un consiglio accurato.
Le scrivo comunque qualche commento su quanto ha scritto:
- Se per resezione intende la TURP, in realtà non trova spazio in fase di diagnosi di un PSA elavato, ma di terapia per l'ostruzione cervico-uretrale secondaria ad ipertrofia prostatica. Sarebbe interessante sapere non solo i suo valori di PSA ma anche i suoi sintomi, le dimensioni e morfologia della sua prostata e i parametri della uroflussometria
- il PSA di 18 potrebbe essere legato a quella forte infezione che avuto con la biopsia e che l'ha portata a 40 di febbre e alla ritenzione urinaria acuta
- Quando il PSA totale è sopra 10, il valore della ratio non ha alcun significato clinico
- In caso di necessità futura di eseguire una nuova biopsia prostatica, sappia che può essere eseguita anche per via transperineale, con probabilità molto minori di rettorragia ed infezioni urinarie.
Cordiali saluti.
Dr. Dario Pugliese

[#2]  
Dr. Andrea Fandella

24% attività
16% attualità
0% socialità
TREVISO (TV)
VENEZIA (VE)
SAN DONA' DI PIAVE (VE)
PADOVA (PD)
UDINE (UD)
MARTELLAGO (VE)
GODEGA DI SANT'URBANO (TV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Dato il miglioramento della RM e la mancanza di attendibilità del valore del PSA, specie nel suo caso che ha avuto prostatite dopo biopsia, vedrei bene l'impiego dei test diagnostici non invasivi atti a ricercare nel sangue o nelle urine la diagnosi, Mi riferisco al PHI (prostate Health Index) che tramite un prelievo di sangue ci dà informazioni sul rischio di avere un tumore della prostata, o del SelectMDX che tramite la ricerca di RNA messaggero espresso solo dal tumore ad alto grado nelle urine ci dice se vale la pena di eseguire ulteriori biopsie.
Niente TURP è dal 1964 che ci sono dubbi sull'utilità di questa procedura come test diagnostico per il tumore della prostata.
Cordialmente
dr. Fandella Andrea
Dr. Andrea Fandella
Consultant Urologia Rizzola di San Donà di Piave Ve
Hesperia Modena

[#3] dopo  
Utente 568XXX

Buonasera,
Dimensioni prostata 54 44 piano assiale 61 cranio caudale.
Prima della biopsia a maggio spermio coltura positiva per e. Fecalis, a giorni ripeterò spermio coltura.
Sintomi: senza ione di peso perianale, mitto leggermente ridotto il mattino. No nicturia. Residuo minzionale valutato ecograficamente inferiore ai 30 cc.
Terapia: due cp due di proposta mono.
Dre ripetuta 10 gg orsono negativa, prostata *2/ 2.5 al tatto.
Se spermio coltura positiva trattamento con antibiotico mirato. Nuovo psa tra due mesi.
Sto valutando phi. Mdx la ritengo poco affidabile.
Attendo se possibile cortese parere.
Dr. Xx

[#4]  
Dr. Dario Pugliese

24% attività
16% attualità
4% socialità
ROMA (RM)
ISCHIA (NA)
TERMOLI (CB)
COLLEFERRO (RM)
ARDEA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2019
Salve, con queste informazioni il quadro è senz'altro meglio delineato. Manca ancora il dato oggettivo della uroflussometria. Se è compatibile con un quadro di ostruzione, lei potrebbe beneficiare di una terapia con alfa-litico, in aggiunta al fitoterapico che sta assumendo e all'eventuale antibiotico in caso di positività della coltura. In caso di scarso successo della terapia medica potrebbe essere utile la TURP, ma a scopo terapeutico e non bioptico/diagnostico.
Riguardo ai marcatori citati, l'affidabilità è comunque relativa e spesso non sono indispensabili per decidere se effettuare o meno un'altra biopsia.
Cordiali saluti.
Dr. Dario Pugliese

[#5] dopo  
Utente 568XXX

Buonasera, concordo pienamente con le sue considerazioni di ottenere modeste informazioni aggiuntive da phi o mdx. Eseguiro spermio coltura e uroflussometria. Psa tra due mesi. Se ulteriore salita difficilmente potrò evitare nuova biopsia probabilmente a saturazione. Purtroppo la maledizione del quadro descritto è che se presente cap, questo non è nella zona periferica, la risonanza è la palpazione le biopsie lo accettano con elevata Affidabilità, così come la risonanza mp lo nega anche in zona di transizione, affidabilità oltre il 90%.Tuttavia se per la periferica Dre + risonanza mp ci è biopsie negative ci danno un quadro ad elevata certezza, in zona di transizione invece dobbiamo accontentarci del responso della rmmp che riferisce ipb, detta zona non è palpabile.
Vedremo il susseguirsi degli eventi. È dal 2008 che seguiamo questo quadro senza riuscire a fare diagnosi certa. Ha spaventato l'urologo il dato del psa a 18 ma sono convinto che se l'avessi eseguito, e qui ho fatto un errore grave ai fini diagnostici, a 1 mese 2 mesi 3 mesi dalla ospedalizzazione in racconto, probabilmente avrei trovato valori molto più alti a 30 gg e in decrescita a 60 e 90. La ringrazio per la cortesia e se le interessa il caso, qualora mi fornisse una e mail, la terrò informato.
Dr xx.

[#6]  
Dr. Dario Pugliese

24% attività
16% attualità
4% socialità
ROMA (RM)
ISCHIA (NA)
TERMOLI (CB)
COLLEFERRO (RM)
ARDEA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2019
Salve, condivido il ragionamento. Tenga presente che anche ripetendo il PSA tra due mesi lo potreste vedere in calo e potreste concludere che questo valore di 18 in questo contesto ha una spiegazione non necessariamente tumorale. Insomma, anche se non avete già fatto dei controlli seriati del PSA dopo la biopsia, non c'è da fasciarsi la testa.
Onestamente dopo due biopsie negative, anche con prelievi mirati, non sarei così sicuro che debba farne un'altra. Qualora effettivamente le venga indicata, le suggerirei comunque di effettuarla con tecnica transperineale, che raggiunge meglio le zone anteriori della prostata cui aveva fatto cenno, oltre che per gli altri vantaggi citati nella mia prima risposta.
Ci può tenere aggiornati su questo post quando lo ritiene.
Cordiali saluti.
Dr. Dario Pugliese