Utente
Salve, ho avuto prima una gastroenterite e dopo una settimana colica renale.
Dopo tre gg circa da colica ho avuto e ho ancora da tre gg una febbre bassa sui 37 poco più poco meno.
Col fatto del coronavirus ho pensato prima a quello ma ora comincio a collegarlo alla colica.
È possibile?
Che devo fare?
Grazie mille, Naomi

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
E' assolutamente più probabile una causa legata ai reni ed alle vie urinarie che al remotissimo virus Corona di cui tanto baccano si sta facendo. La situazione dovrebbe essere valutata in modo sollecito con l'esecuzione di una ecografia dell'addome, esame delle urine ed urocoltura. A giudizio del suo Curante, sarà poi eventualmente avviata ad una consulenza specialistica urologica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore, il medico ha detto di cominciare a prendere antibiotico e lunedì cerchiamo di fare se possibile ecografia e urine

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
In genere si dice che se la febbre è inferiore a 38 C ed i disturbi non sono così violenti sia opportuno attendere l'urocoltura prima di iniziare la terapia antibiotica. L'utilizzo troppo esteso degli antibiotici rischia di essere inutile e pprtare a pericolose resistenze battericeh.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente
Acc ormai ho iniziato. Grazie delle sue esaustive risposte

[#5] dopo  
Utente
Dottore, esame urine fatto prima antibiotico dà er. Leucocitaria ++. Purtroppo fin dopo anib non potrò fare urocultura. Intanto prendo ciprofloxacina da tre gg. Per ora febbricola tra 37,1 e 36,8.

[#6]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Ovviamente, tranne in casi eccezionali, eseguire l'urocoltura sotto terapia antibiotica non ha alcuna utilità, bisogna attendere almeno 7-10 giorni dalla fine della cura.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente
Grazie, un ultima domanda. Quanto tempo dopo l antibiotico si dovrebbe abbassare la febbre? Io sto prendendo da tre giorni la ciprofloxacina ma resto sempre sui 37.

[#8]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Sono poche linee di febbre, diremmo di per loro quasi insignificanti, comunque da correlare agli altri disturbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente
Dottor Piana, sono al sesto g di ciprofloxacina, e ho sempre febbrina, oggi 37,3 e pizzichi fianchi e un po' dolore ureteri . Il medico mi ha prescritto ecografia apparato urinarie. Per urocultura ormai devo aspettare altra settimana di stop antib. È un problema se l ecografia sarà fatta tra due o tre settimane? ( io ho un po' di preoccupazione a passare Nell ospedale adesso)

[#10]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
È opportuno eseguire l’ecografia appena possibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente
Salve, l ecografia lho fatta una decina di giorni fa. Esito un calvoko a destra di 4 cm in posizione che non da ' fastidio ma a sinistra un po' di dilatazione della pelvi renale. Ha detto idronefrosi primo livello. Ora che sarei da rivalutare, vediamo se trovo dove sia possibile senza rischi in questa fase qui a Bergamo. Ma si può essere peggiorati solo in dieci giorni o ci vuole di più? Grazie

[#12]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Immaginiamo che il calcolo rilevato sia 4 millimetri (e non centimetri). Da che lato sono i suoi disturbi?
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#13] dopo  
Utente
Si ho sbagliato4mm, ma è dall altra parte che l ecografia ha rilevato una leggera dilatazione, ha detto che potrebbe esserci qualcosa Nell uretere, però non si vedevano calcoli, diceva che c'erano tracce urina nel bacinetto ma poco poco e che forse in 15 giorni sarebbe uscito qualcosa, per ora ancora nulla dopo una decina di giorni

[#14]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Se in occasione di una colica renale l’ecografia rivela una dilatazione del rene dal lato colpito ma non riesce a rilevare calcoli in progressione verso la vescica, si presume in genere che un calcolo esista davvero e si prendono provvedimenti adatti s facilitarne l’espulsione. Se però persistono dolori importanti è necessario avere delle certezze e non solo dei sospetti, pertanto la situazione deve essere chiarita con l’esecuzione di una TAC dell’addome senza mezzo di contrasto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing