Valori psa

Partecipa al sondaggio
Premessa.

Sono affetto da vescica neurologica da una 15 di anni e sono costretto all’auto cateterismo intermittente per urinare.

Credo di avere molto spesso infezioni urinarie, ma che curo solo quando la sintomatologia è importante (tipo febbre, bruciori ecc)
Succede un paio di volte all’anno, in quelle occasioni ricorro all’antibiotico, altrimenti nulla.

Così mi dissero diversi medici.

Ora erano circa due anni che non facevo analisi specifiche.

Dagli esiti di quelle dl sangue (non mi hanno prescritto quelle delle urine) non ho parametri fuori dal normale, tranne colesterolo e glicemia poco inferiori al limite.

Purtroppo è però saltato fuori il valore del PSA.

TOTALE: 4, 30 mcg/L (intervallo 0, 00 - 4, 00)
LIBERO: 0, 25 mcg/L
Rapporto LIBERO/TOTALE: 0, 06 (intervallo 0, 20 -0, 40)
Credo di correre parecchi rischi di avere qualche forma tumorale, sono molto preoccupato.

L’unica speranza è che il valore potrebbe rivelarsi sballato a causa della mia patologia indicata in premessa, ossia una infezione in corso.

Potrebbe essere così?

Tutto in attesa di rivolgermi l’urologo appena possibile.

Vi ringrazio.
[#1]
Dr. Alessandro Sciarra Urologo 576 35 7
Buongiorno,
l'aumento del PSA totale non necessariamente e' correlato alla presenza di una neoplasia prostatica ma anche l'iperplasia prostatica benigna, infiammazioni od infezioni possono determinare questa elevazione.
E' un errore arrivare ad una conclusione di esclusione di neoplasia prostatica senza aver eseguito almeno una risonanza magnetica multiparametrica della prostata.
Nel suo caso e' possibile che le infezioni causate dall'autocateterismo abbiano determinato l'aumento del PSA ma e' anche possibile che tale aumento sia indipendente da questi eventi.
Presupporre la causa dell'elevazione senza una risonanza magnetica multiparametrica della prostata e' un errore.
Questo esame radiologico ha sostituito la vecchia ecografia transrettale e ha una elevata accuratezza nell'identificare aree sospette per neoplasia.
La risonanza multiparametrica unisce tre esami in una sola procedura e fornisce uno score di rischio per neoplasia definito PIRADS. Un valore del PIRADS 1-2 indica un basso rischio, un valore di 3 un rischio intermedio ed un valore di 4-5 un rischio elevato.
In caso di un PIRADS 3-5, la risonanza indicherà' la sede delle aree sospette permettendo una verifica definitiva con biopsia mirata nelle zone indicate attraverso un moderno metodo di fusione d'immagine .

Un cordiale saluto

Prof Alessandro Sciarra
Professore Ordinario in Urologia
Chirurgia Robotica Urologica
Gruppo Multidisciplinare Prostata
Universita' Sapienza ROMA

Prof. Alessandro Sciarra
Prof I fascia Universita' Sapienza di Roma
Specialista in Urologia-Chirurgia Robotica
alessandro.sciarra@uniroma1.it

[#2]
Utente
Utente
Grazie dottore per la risposta.
Forse già oggi riuscirò a contattare il mio urologo.
Riporterò anche il suo parere, per gli accertamenti del caso.
A mio favore, anche se non danno la fotografia della situazione attuale, ci sono degli esami pregressi, fatti nel 2013 (è un evento che mi ero scordato), dove in una occasione il mio PSA era a più di 8, come valore, ma ripetendolo un mese dopo era rientrato a 2.
Speriamo che anche stavolta il valore sia determinato da un trauma (cateterismo) od una infezione cronica latente (visto che ad ogni urinocoltura qualcosa saltava quasi sempre fuori).
La ringrazio ancora.
Tumore alla prostata

Il tumore alla prostata è il cancro più diffuso negli uomini, rappresenta il 20% delle diagnosi di carcinoma nel sesso maschile: cause, diagnosi e prevenzione.

Leggi tutto