Il DHEA (prasterone) può essere un trattamento efficace in menopausa per migliorare la lubrificazione vaginale, agevolare i rapporti sessuali ed eliminare il dolore che la secchezza vaginale può determinare durante la penetrazione (dispareunia)

Uno studio scientifico recente, pubblicato sulla rivista Maturitas: https://www.maturitas.org/article/S0378-5122(18)30181-6/fulltext, ha esaminato attraverso una ricerca OVID Medline 48 pubblicazioni scientifiche di cui 14 relative all’uso del DHEA intravaginale e il suo effetto sulla funzione sessuale.

Tutti gli studi randomizzati controllati hanno valutato l’efficacia del DHEA intravaginale nelle donne in menopausa con atrofia vulvovaginale e hanno dimostrato che la disfunzione sessuale migliorava con questo trattamento indipendentemente dal livello di dispareunia o dolore sessuale.

 

 

Il trattamento con DHEA è risultato superiore al placebo e almeno altrettanto efficace dell’estrogeno vaginale nel migliorare i sintomi nella maggior parte delle donne.

Sono necessari ulteriori studi prima che possa essere raccomandato per le donne che hanno una storia di trombosi, malattie cardiovascolari o tumori sensibili agli ormoni.

Molte pazienti mi chiedono informazioni e notizie riguardo al DHEA o Prasterone per curare i disturbi legati all’atrofia vulvovaginale della menopausa che determina secchezza, bruciore vaginale, difficoltà e dolore ai rapporti.

Ebbene il Prasterone non è ancora disponibile in Italia, ma è stato approvato nel 2016 dall’FDA negli Stati Uniti

https://www.fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/ucm529641.htm e anche in Europa dal CHMP (Agenzia europea per i medicinali) per il trattamento delle donne in menopausa con atrofia vulvare e vaginale con sintomi di intensità moderata e grave.

 Conosciuto anche come deidroepiandrosterone (DHEA), il prasterone attraverso un meccanismo mediato dagli estrogeni, interviene nei processi di generazione delle cellule superficiali e intermedie della mucosa vaginale e riduce il numero di cellule parabasali.

Inoltre favorisce la crescita della flora batterica vaginale “buona” che protegge la salute della vagina, abbassando il pH vaginale, che aumenta in menopausa a causa della carenza di estrogeni e lo riporta verso valori più bassi, riducendo la suscettibilità verso vaginiti e cistiti.

Argomenti correlati:

 

  • VALUTAZIONE DEL Ph VAGINALE IN MENOPAUSA: In menopausa la valutazione del ph vaginale è utile per valutare lo stato di salute della vagina e può essere utilizzato per monitorare gli effetti delle terapie assunte per problemi di secchezza o atrofia vulvovaginale.Uno studio recente pubblicato sulla rivista scientifica Menopause, conferma la validità della valutazione del ph vaginale in menopausa. Lo scopo dello studio era quello di determinare l’utilità del ph vaginale come marker della atrofia vulvovaginale in menopausa prima e dopo il trattamento con estrogeni locali…

Leggi tutto…: https://www.medicitalia.it/news/ginecologia-e-ostetricia/7719-valutazione-ph-vaginale-menopausa.html

 

  • SECCHEZZA VAGINALE IN MENOPAUSA: ovuli o creme vaginali, per una migliore aderenza alla terapia? Uno dei problemi più frequentemente lamentati dalle donne in menopausa è quello della secchezza vaginale, determinata dall’atrofia vulvovaginale da carenza di estrogeni che comporta sintomi come bruciore vaginale, maggiore suscettibilità ad avere vaginiti e cistiti, dolore ai rapporti e impossibilità di avere una vita sessuale appagante. Le terapie per via vaginale a base di estrogeni in forma di creme, ovuli o gel, sono tra le più efficaci per risolvere questo problema. Ma spesso le donne dopo aver iniziato un ciclo di cure a un certo punto, quando cominciano a stare meglio e non hanno più disturbi, non hanno più una aderenza ottimale (compliance) alla cura che stanno facendo, cioè abbandonano la terapia o non la assumono più in modo costante…

Leggi tutto…: https://www.medicitalia.it/news/ginecologia-e-ostetricia/5749-secchezza-vaginale-menopausa-ovuli-creme-vaginali-migliore.html

 

  • NUOVA TERAPIA PER SECCHEZZA VAGINALE, menopausa e cancro al seno con piastrine e acido ialuronico: Per le donne in menopausa che hanno avuto un cancro al seno, la secchezza vaginale dovuta alla carenza di estrogeni determinata dalla menopausa può essere un problema difficile da risolvere, specialmente laddove ci sono controindicazioni alla terapia ormonale. Una nuova opportunità riguardo la terapia di questo disturbo è emersa da uno studio recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Menopause: iniezioni di plasma ricco di piastrine autologhe combinate con acido ialuronico, sembrano migliorare i sintomi da secchezza vaginale legati all’atrofia vulvovaginale della menopausa…

Leggi tutto…:https://www.medicitalia.it/news/ginecologia-e-ostetricia/7676-nuova-terapia-secchezza-vaginale-menopausa-cancro-seno.html