Il tumore della prostata è uno dei tumori più comuni non solo negli Stati Uniti e colpisce circa il 10 per cento di tutti gli uomini.

 La prostata si trova vicino a diversi, importanti e vitali strutture addominali inferiori come l'uretra, nervi e vasi sanguigni e il trattamento del cancro diventa difficile senza danneggiare queste strutture adiacenti.

Ricercatori americani hanno ideato l’uso di nanoparticelle di oro-silice progettate per assorbire la "luce vicino all’infrarosso a lunghezze d'onda di elevata penetranza nei tessuti".

Queste nanoparticelle sono state quindi utilizzate per fornire un trattamento localizzato al carcinoma della prostata.

Gli studiosi spiegano che questa terapia mirata ha contribuito a salvare gli organi adiacenti e ha anche ridotto gli effetti collaterali correlati al trattamento.

 

 Gli autori dello studio spiegano che le nanoparticelle d'oro assorbono intensamente la luce, dando origine alla vivida colorazione ottica delle vetrate rese popolari durante il Medioevo, una proprietà ora nota come eccitazione elettronica collettiva o risonanza plasmonica".

 

La nanomedicina nel vicino infrarosso potrebbe essere usata anche come sonda per il rilascio di farmaci o geni attivabili in remoto.

 

Le "nanoparticelle d'oro biocompatibili" hanno una capacità speciale di assorbire la luce alla lunghezza d'onda del vicino infrarosso e trasformarla in calore. Questa generazione localizzata di calore aiuta a uccidere le cellule tumorali bersaglio e alla fine riduce il tumore senza influenzare le cellule sane.

Lo studio ha dimostrato che l'uso di queste nanoparticelle ha contribuito a prolungare la remissione del tumore nei malati di cancro quando utilizzato insieme a "risonanza magnetica a fusione con ultrasuoni" utilizzata per bruciare localmente "tumori di basso livello intermedio all'interno della prostata".

Si tratta quindi di una ablazione focale che si basa sull'eccitazione laser per colpire e trattare selettivamente le lesioni focali all'interno della prostata.

 La tecnologia basata sulla terapia è ideata dalla Rice University dall'ingegnere e chimico Naomi Halas, PhD, e dal bioingegnere della Duke University Jennifer West, PhD. L'autore principale Ardeshir Rastinehad, DO, professore associato di urologia e radiologia, presso la scuola di medicina di Icahn sul Monte Sinai.

Per questo studio il team ha incluso 16 uomini (di età compresa tra 58 e 79 anni) con diagnosi di "carcinoma prostatico localizzato a rischio basso o intermedio". Sono stati tutti sottoposti a infusioni endovenose di nanoparticelle di silice d'oro e "ablazione laser ad alta precisione", insieme a "risonanza magnetica multiparametrica della prostata da 48 a 72 ore". Per questi pazienti sono state prelevate biopsie ecografiche dai tumori a 3 e 12 mesi dopo la terapia. Insieme a queste biopsie mirate alla fusione, i pazienti hanno anche subito 12 biopsie sistematiche di base a 12 mesi dopo la terapia.

 

I risultati hanno rivelato che i pazienti con nanoparticelle di silice d'oro hanno mostrato una migliore ablazione locale del tumore (nel 94% dei casi o in 15 dei 16 pazienti). Tra tutti gli uomini trattati, sono stati raccolti i punteggi "International Prostate Symptom Score o Sexual Health Inventory for Men" e i risultati hanno mostrato che i punteggi erano simili in tutti gli uomini che ricevevano il trattamento. Nel complesso, il protocollo di trattamento è risultato sicuro e fattibile per gli uomini che presentano carcinoma localizzato a basso o medio rischio della prostata o tumore che non si è diffuso ad altri organi. Questo trattamento non ha influenzato il sistema genito-urinario dei pazienti e non ci sono state complicazioni gravi.

 

Gli autori hanno scritto in conclusione: "Questo studio del dispositivo pilota dimostra che l'eccitazione e l'ablazione laser dirette sono una procedura sicura e tecnicamente fattibile per la distruzione mirata dei tumori della prostata". Dr. Ash Tewari, Presidente del Dipartimento di Urologia del Monte Sinai Health System e Kyung Hyun Kim, MD Professore di Urologia presso la Icahn School of Medicine di Mount Sinai, in una nota affermano: “Il programma di urologia interventistica del Mount Sinai è guidato dalla ricerca e offre ai pazienti terapie di trattamento minimamente invasive che migliorano la qualità della vita. La ricerca sulla nanoparticella d'oro del Dr. Rastinehad mostra che i pazienti non stanno solo beneficiando di questo trattamento, ma stanno anche sperimentando effetti collaterali minimi. "

 

Fonte:

 

https://www.medicalnewstoday.com/articles/323875.php

 

Logo medicitalia.it