Quali sono le domande da rivolgere ad un paziente glaucomatoso?

LINEE GUIDA dell' EUROPEAN GLAUCOMA SOCIETY

Innanzitutto durante la prima valutazione medico specialistica oculistica bisogna effettuare una corretta ed approfondita anamesi generale, patologica remota e prossima, un' analisi approfondita dei fattori di rischio.

Indagare in modo specifico:

  • uso ed abuso di altri farmaci
  • anamnesi familiare , generale ed oftalmologica
  • terapia corticosteroidea , topica e sistemica
  • terapia con estroprogestinici o sostituti ormonali
  • traumi oculari pregressi (compreso le contusioni)
  • chirurgia refrattiva
  • malattie cardiovascolari
  • malattie respiratorie
  • malattie croniche o gravi
  • disordini vascolari
  • allergie o intolleranze a farmaci

 

Alle successive visite di controllo:

  • come sta? (notizie di carattere generale sulla salute)
  • i suoi occhi come vanno?
  • negli ultimi tempi le sembra di essere stabile, migliorato, peggiorato
  • le è chiaro il significato della sua diagnosi e malattia?
  • ha difficoltà a svolgere le sue attività quotidiane?
  • la terapia che sta facendo interferisce con le sue attività quotidiane
  • è preoccupato per la salute dei suoi occhi?
  • sta instillando i colliri così come Le sono stati prescritti?
  • instilla i colliri da solo o la aiuta un parente o assistente?
  • mi fa vedere come istilla le gocce di collirio?

 

Infine salutando stringere sempre la mano al paziente , oltre ad essere un atto di cortesia, consente di apprezzare la temperatura delle estremità.

 

Fonte: www.eugs.org