Che il  miele avesse proprietà dieteiche  e nutrizionali importanti è cosa nota a tutti così come proprietà antibatteriche e difensive del nostro sistema immunitario. Ma oggi grazie ad uno studio di un gruppo italiano facente capo all'Università "La Sapienza" di Roma abbiamo conferma di salutari  e importanti attività antimicrobiche di questo preziosissimo alimento naturale.

Lo studio ha accertato che alcune varietà di miele relative a due specie botaniche: eucalipto e timo presentano una spiccata attività battericida. Non sono certo gli unici perchè se pur in modo ridotto presentano queste stesse proprietà anche quello proveniente da fiori di arancio e limone.

Tale attività non solo sarebbe squisitamente e direttamente battericida ma interferirebbe anche in un particolare sistema di comunicazione batterico conosciuto come "quorum sensing" un meccanismo di regolazione trascrizionale attraverso il quale popolazioni di batteri della stessa specie comunicano tra loro riconoscendo molecole-segnale proprie grazie alle quali possono colonizzare siti del nostro organismo.

L'aspetto interessante è stato poi quello di evidenziare come una miscelazione di mieli con queste proprietà sia poi in grado di amplficarne l'attività proprio come accade quando si somministrano sinergicamente antibiotici di vario tipo per potenziare l'azione antibatterica in corso di infezione.

L'individuazione di mieli con spiccata attività battericida sembra aver trovato riscontri positivi anche nei confronti di colonie batteriche notoriamente antibiotico-resistenti, una vera piaga soprattutto nei paesi industrializzati e occidentali dove la selezione di ceppi sempre più difficili da debellare sta creando grossi problemi in campo medico e farmacologico come conseguenza di un disinvolto e spregiudicato abuso di antibiotici fatto in un recente passato.