Utente 472XXX
Buonasera, Questa mattina ho ritirato le analisi del sangue di mia madre 62 anni, gli esami hanno evidenziato una glicemia pari a 240, nonchè i valori delle transaminasi alterati ovvero ast/got a 34 e alt/gpt a 59, inoltre l'esame delle urine ha rilevato glicemia a 150.00. Da un paio di mesi inoltre ha una tosse secca e persistente, l'esame rx torace non ha evidenziato nulla tuttavia il medico di famiglia dopo una cura con antibiotici ha prescritto fluibron e prontinal con areosol, invece un secondo medico ritendo tale tosse da ricondurre ad una esofagite da reflusso prescrivendo uno sciroppo gaviscon due volte al di e delle compresse da prendere la mattina a stomaco vuoto, senza tuttavia ottenere grnadi moglioramenti. Sapreste dirmi qualcosa in più sinceramente sono rimasto un pò merivagliato da questa situazione, potete aiutarmi grazie di vero cuore.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora, il valore di glicemia a digiuno di 240 mg/dl è indicativo di Diabete Mellito, l'altro valore 150.00 ritengo che non si tratti di glicemia (glucosio nel sangue) ma di glicosuria (glucosio nelle urine). Questo è dovuto al fatto che quando il tasso glicemico ematico supera un certo livello definito come "soglia renale del glucosio" (generalmente intorno a 180 mg/dl) si ha un passaggio di zucchero dal sangue alle urine.
Questa condizione va assolutamente trattata, e se già fosse in corso una terapia, è sicuro che va reimpostata. L'elevazione delle transaminasi potrebbe essere dovuta alla presenza di steatosi epatica (fegato grasso), condizione frequntemente presente nel diabete, soprattutto se scompensato.
Per quanto riguarda il perdurare della tosse secca, essendo negativa la radiografia del torace e l'obiettività toracica, essendo stati inutili i cicli di aerosol terapia e antibiotico terapia; bisogna escludere che non sia causata da farmaci. Sua madre assume ACE-inibitori per il controllo della pressione arteriosa?
In caso di risposta affermativa potrebbe trattarsi di una tosse jatrogena, altrimenti l'ipotesi della MRGE (malattia da reflusso gastro-esofageo) potrebbe essere supportata. In quel caso basterà incrementare le somministrazioni di Gaviscon e cambiare il gastroprotettore.
In attesa di sue ulteriori notizie, le invio i miei più Cordiali Saluti.
[#2] dopo  
Utente 472XXX

Iscritto dal 2007
Gentilissimo Dottore,
preliminarmente voglio ringranziarLa per il tempo che ha voluto dedicarmi. Mia madre dagli esami del sangue ha riportato i valori glicemici alti nonchè come Le riferivo anche i valori delle transaminasi, mentre sono nella norma gli altri valori. Il nostro medico di famiglia in ragione di ciò ha prescritto una dieta e mercoledi p.v. abbiamo appuntamento con il dietista per una dieta specifica, anche se ha sottolineato che se tra 30 gg i valori non scendono sarà necessario l'assunzione dei una compressa, di cui ignoro il principio. Non assume farmaci per il controllo della p.a., ma in ragione dei valori alterati sicuramente faremo un controllo anche per accertare tali livelli. Per quanto attiene alla tosse secca, paradossalmente l'assunzione di gaviscon unitamente ad un altro farmaco che assumeva in compresse, avevano come effetto quello di far aumentare la tosse, ha ripreso l'aerosol e si è calmata anche se non è scomparsa, non saprei cosa pensare. La ringrazio ancora di cuora per la disponibilità che mi ha dato e che vorrà eventualmete darmi.
Con Gratitudine e profonda stima.
Mario
[#3] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Signore, la dieta a contenuto controllato di idrati di carbonio è sicuramente un buon punto di partenza, tuttavia la sola dieta difficilmente potrà aiutare sua madre a mantenere un controllo adeguato dei valori glicemici. L'algoritmo di trattamento previsto dalle Linee Guida prevede infatti come primo approccio, la variazione dello stile di vita (dieta e attività fisica) e metformina (se non controindicata).
Pertanto la scelta da operare è più su un diabetologo che non su un dietologo.
Molto Cordialmente