Utente 711XXX
Salve, volevo sapere se, visto che nella famiglia di mio padre (5 fratelli) 4 di questi hanno avuto infarto di cui 2 deceduti (a 43 anni uno, l'altro a 52). io figlio di uno di questi possa avere una "predisposizione" o a questo tipo di patologia o meno.
Ho 40 anni, non ho mai fumato, pratico sport a livelli amatoriale e finora non ho mai avuto alcun tipo di problema cardiaco. Unica cosa ogni tanto una extrasistole che avverto più quando sono a riposo (forse perchè non sono distratto da altro e quindi "sento" di più il mancato battito.
La pressione è nella norma (di solito 75-120), frequenza abbastanza bassa (50-55 battiti/minuto)glicemia nella norma, colesterolo totale 213 mg, HDL e LDL nella norma, trigligeridi 80-100 mg.
Da una visita cardiologica fatta 2 anni fà è risultato tutto nella norma.
Sà la preoccupazione aumenta con l'aumetare dell'età.
Anche mia madre si proccupa molto.
Chiedo se è il caso di eseguire dei controlli per un check-up e fare il punto della situazine e poi magari fissare dei controlli completi a lunga scadenza scadenze e semplici esami di routine anche invece annuali.
Ma la domanda più importante è vista la familiarità rientro in una categoria a rischio da questa età in avanti?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
il fatto che vi sia una spiccata familiarità da un solo ramo parentelare a patologie cardiovascolari non necessariamente aumenta il suo rischio cardiologico, che rimane basso se continua a mantenere tale stile di vita, magari riducendo ancora di più il tasso di colesterolo totale. In linea generale, una visita cardiologica con ECG ogni due anni e il sottoporsi ad analisi cliniche almeno una volta l'anno, rappresentano il giusto monitoraggio per le sue attuali condizioni fisiche.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 711XXX

Iscritto dal 2008
Come analisi cliniche lei intende i classici (tipo colesterolo, glicemia etc.) o ce ne sono di specifici per la monitorare la funzionalità cardiaca in generale?
Mentre con ECG si intende anche quello da sforzo (che peraltro io non ho mai fatto)?
Grazie.