Utente 395XXX
buongiorno, sono una donna di 37 anni, 3 mesi fa mi hanno tolto l'utero dopo quasi 2 anni di menopausa indotta farmacologicamente, a causa di forti dolori col ciclo, per sospetta endometriosi.. da allora faccio sogni angoscianti, premetto che ero preparata all'idea di non aver + bambini anche perchè 3 anni fa mi hanno chiuso le tube x probelmi cardiaci..la psicologa consiglia di prendere un antidepressivo vista la mia situazione, ma sia lei che il mio medico non sanno quale farmaco consigliarmi visto l'ablazione rf transatetere(all'ostio della vena polmonare settale superiore) che ho subito nel 2002 x tachicardia atriale sinistra (avevo blocci di conduzione 2:1 e 1:1 con frequenza media 125 incessante).
ad oggi prendo 1 quarto + 1 quardo di corgard (perchè altre aritmie sporadiche) e cardioaspirina (per aneurisma del setto interatriale e per prevenzione emicranie con auree).
Inoltre uso pantorc (per esofagite/gastrite) e fluspiral spry per asma.
sperando di essere stata chiara attendo risposta.
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Può prendere con assoluta serenità alcuni farmaci della classe degli IRSS, come la Sertralina e la Paroxetina, sono efficaci e sicuri. Si affidi ad uno Psichiatra medico per darle il più apropriato, e si ricordi che fanno effetto dopo almeno 21 giorni.
Marcello Masala MD
[#2] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2007
la ringrazio tanto per la celere risposta dott Masala!
un dubbio, non sono ansiolitici vero? io ho l'effetto paradosso con le benzodiazepine (valium lexotan..) e il mio medico di base aveva proposto, con molte perplessità e chiedendomi di parlarne con un cardiologo, la possibilità di prendere lo zoloft 50..
cosa ne pensa??
[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
No non sono ansiolitici, il farmaco che le hanno citato è quello che ho proposto io, cioè la Sertralina. Alcuni come la paroxetina, hanno un parziale effetto sedativo, che risulta utile in caso di una maggior componente ansiosa nel suo disturbo. Vanno comunque benissimo entrambi.
Marcello Masala MD
[#4] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2007
la ringrazio ancora per la chiarissima risposta e cortesia, lo proporrò al mio medico curante quanto prima.
se posso..hanno effetti collaterali pesanti? non ne ho mai presi..
e per quanto tempo bisognerebbe prenderli senza avere il rischio di dipendenza??

barbara
[#5] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Non danno dipendenza in nessun caso. Gli effetti collaterali sono trascurabili, a volte un pò di diarrea.
Marcello Masala MD
[#6] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2007
Mi sento più tranquilla..grazie..e spero che funzioni presto..
magari le farò sapere cosa decide il mio medico, così mi dice cosa ne pensa..
grazie ancora davvero x la disponibilità..
barbara
[#7] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

il suo trattamento farmacologico andrebbe prescritto da uno psichiatra che ha maggiore dimestichezza del suo medico nel trattamento dei suoi sintomi in considerazione del suo problema cardiaco.
Inoltre, tengo a precisare che la psicologa non ha nessuna competenza medica e pertanto non puo' prescrivere alcun farmaco ne' tantomeno consigliarli, dovrebbe invece indirizzarla ad uno psichiatra.

Cordiali Saluti
Dr. F.S Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
[#8] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2007
ho ancora bisogno del vostro aiuto, oltre allo psichiatra chi può capire e prescrivere un antidepressivo? un neurologo? perchè purtroppo dalle mie parti con la mutua si può andare solo al cps di residenza, ma nel mio caso si andrebbe a metà settembre!e poi vorrei sentire un altro parere diverso da quello della mia psicologa dello stesso cps (non ho la certezza che abbia capito la situazione)..
inoltre, vorrei sapere se possibile, nel frattempo utilizzare delle 'erbe' tipo iperico o valeriana per tamponare nell'attesa..

se volessi avere un parere mi resta solo la visita privata?
grazie


[#9] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

lo specialista di riferimento deve essere lo psichiatra.
Tengo inoltre a ribadire che la psicologa non ha alcuna competenza in merito.
L'utilizzo di erbe e' del tutto superfluo.
In ogni caso, con la mutua il cittadino ha la facolta' di scegliere qualsiasi posto dove farsi curare.


Cordiali Saluti
Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
[#10] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2007
lei è sempre velocissimo..grazie..
condivido il suo pensiero sulla psicologa, ma purtroppo negli ospedali di zona non mi è possibile prenotare una visita. rimandano tutti al cps di residenza!!
è un gatto che si morde la coda..
il mio senso di frustazione aumenta e io non riesco a risolvere il mio problema..
grazie.
saluti
barbara
[#11] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

siccome ritengo che il diritto alla salute debba poter essere esercitato dove il cittadino desidera, credo che sia opportuno che faccia una richiesta scritta alla direzione generale dell'ospedale dove desidera essere visitata e dal quale viene rimandata indietro.

Cordiali Saluti
Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
[#12] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2007
lei ha perfettamente ragione, ma si rende conto che chi ha soffre di depressione non ha energie per affrontare una situazione come qsta..
e nel frattempo, oggi, ho fissato l'appuntamento dallo psichiatra del cps di residenza (non avendo altre possibilità..) che è per metà settembre..
spero di resistere fino ad allora..
grazie ancora Dr. Ruggiero..
[#13] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
L’anamnesi e la ricerca delle cause, sono fondamentali, per comprendere la dinamica fisiopatologica che ha condotto ad una problematica così complessa.
La sua domanda attuale, non esclude quindi la considerazione del suo organismo nel suo complesso, lei non è depressa, ma soltanto stanca, a 37 anni, di tutte le patologie che sta vivendo, di cui non vede la fine e la soluzione.
Per questo, metto il copia incolla.

Tutti i disturbi che lei presenta, sono collegati l’uno con l’altro, considerarli singolarmente, staccati l’uno dall’altro, sicuramente, conduce ad un insuccesso, e ad una loro prosecuzione successiva, sempre più in aggravamento. E’ come una matassa che va districata, per cercare l’inizio, da cui ripartire per mettere ordine, in un organismo che ha subito, una sull’atra, diverse patologie.
Comprendere chi ha iniziato, messo in moto tutto è fondamentale, tutto si è sovrapposto, come un castello di carte, in cui per sfarlo, occorre cominciare a levare carta su carta, per arrivare alle prime che sostengono la costruzione. Togliere le carte senza programmazione, non fa altro che cascare solo qualche parte, senza soluzione.
I sintomi che più la preoccupano, sono quelli “il primo è la stanchezza cronica che sta così da almeno 5/ 6 anni!! difficoltà ad addormentarmi (raramente anche per nervoso alle gambe) e ho un sonno molto leggero (tanto da dover usare tappi alle orecchie), risvegli frequenti anche per urgenze urinarie (che ho anche di giorno), e la mattina sono + stanca della sera e spesso fino a tardo pomeriggio.. senso di debolezza generale, testa confusa, difficoltà di concentrazione, che cerco di ignorare ma succede troppo spesso tanto da dover uscire solo in compagnia. ” inerenti alla sindrome da stanchezza cronica/fibromialgia, che facilmente, possono essere scambiati per uno stato depressivo, con prescrizione di farmaci antidepressivi, che possono accentuare la sintomatologia, non intervengono sulle cause che hanno provocato la CFS. Infatti, in letteratura internazionale, questa è ricondotta ad una infezione a Epstein Barr, Herpes virus 6 e Ciromegalovirus, ma altre cause possono intervenire nella determinazione dela patologia, che vanno accertate, per poterle risolvere. Dal suo racconto, precedentemente, soffre di asma bronchiale, allergie acari e graminacee. che rappresentano una alterata risposta linfocitaria, nellequilibrio TH1/Th2, in favore dei linfociti TH2 che sono attivati nelle risposte allergiche, per una presenza costante di una infiammazione cronica attiva persistente, per cui viene prodotta in eccesso l’Interleuchina 4, che sposta la risposta TH!/TH2, in favore di TH2. Pertanto, costantemente è presente una infezione, probabilmente, sempre dei tre virus. Questi hanno la capscità di innescare le tiroiditi, attraverso l’errore compiuto dal sistema immunitario, chiamato mimetismo molecolare, “Ho sofferto per anni di tachicardia,”; ma anche le artriti reattive, “allo stesso soffro di epitrocleite, dolori lancinanti al coccige e schiena da non riuscire a respirare bene”. La presenza costante di zone infiammate, in perenne acidosi, incompatibile con la vita delle cellule, per cui devono essere alcalinizzate, la via più veloce è lo stomaco, dove ad ogni molecola di acido, corrisponde una alcalina, che viene portata nella zona in acidosi, ma poiché questa azione viene protratta nel tempo, si accentua l’acidità dello stomaco, con formazione di gastrite, ernia iatale, reflusso gastroesofageo, impianto di Helicobacter Pylori; “Per lo stomaco prendo pantorc ogni giorno e a volte il gaviscon.” Ma anche l’utilizzo della cardioaspirina, accentua la gastrite; nel caso in cui vengano usati farmaci che invertono la produzione di ioni, alcalini nello stomaco, acidi nel sangue, l’acidità e l’infiammazione delle zone, viene mantenuta, anzi incrementata e all’organismo, non resta che prendere le sostanze alcalinizzanti dall’osso, quindi osteoporosi, che accentua i dolori ossei e articolari, “dolori lancinanti al coccige e schiena da non riuscire a respirare bene,” .
I virus presenti hanno anche la capacità di innescare le miocarditi, “con cardioaspirina anche per l’aneurisma del setto interatriale.” Anche altre infiammazioni per la continua produzione delle proteine dello shok termico, come le HSP 27, e la proteina P53, con effetto oncogeno, “Intervento seno x infiammazione dotti (perdita sangue dal capezzolo dx).”
L’infiammazione costante, soprattuttoanche di Parvovirus e Rotavirus, conduce lentamente a manifestazioni preceliache, o comunque, alla Malattia Infiammatoria Intestinale; “con colon irritabile, alternata stitichezza a diarrea con feci con muco e spumose con sporadiche perdite di sangue”. Si stabilisce anche un immunodeficienza, provocata soprattutto dal virus di Epstein Barr, “.. mi ammalo spesso avuto sinusite, cistite e con infiammazioni della bocca frequenti ho sempre sete”, “Soffro di emicranie con auree e non,” sono la diretta conseguenza di tutto questa presenza di processi infiammatori.
Ho cercato di ordinare tutti i suoi sintomi, cercando le spiegazioni nella letteratura internazionale, in modo da poter eseguire la ricerca delle cause e dei responsabili, che vanno eliminati, eradicati dal suo organismo, per far cadere piano, piano una carta alla volta, del castello che si è costruito nel tempo. “trovare un rimedio che mi aiuti a stare bene!” .

Saluti Alberto Moschini

moschinialberto@medicitalia.it

alberto.moschini@fastwebnet.it

[#14] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2007
Buongiorno, è passato un pò di tempo, ora dopo la visita psichiatrica, il medico che mi ha vista ha detto che io sto benissimo, che sto meglio rispetto mesi fa e che non ho alcun bisogno di antidepressivi!!
rimangono solo i miei sintomi di stanchezza e di cagionevole salute..
Chiedo cortesemente al dott Moschini quale esami devo fare per sapere se la mia è stanchezza cronica. un fisiatra il 31 luglio mi ha diagnosicato fibriomialgia. cosa devo fare? è utile una visita dal reumatologo? grazie
barbara