Utente 624XXX
Egregi Dottori, Vi scrivo per avere alcuni chiarimenti.

25enne, 1.68, 74 chili (seguo una dieta ipocalorica da tre mesi per il sovrappeso), ex fumatrice.
Dalla nascita, suppongo, ho sempre avuto ciò che si definisce una “lingua plicata” o “scrotale”. Non mi ha mai causato nessun tipo di problema.

Con l’assunzione di alcuni cibi però la lingua tende ad ingrossarsi, a volte a diventare rossa a volte a macchie bianche con delle fastidiose e dolorose bollicine su tutta la lingua e anche sui lati. Di solito questo capitava SOLO con l’assunzione dei seguenti cibi: grana padano, kiwi, pomodori, noci, fragole, a volte anche con le arance e con i condimenti (sale ed aceto).

Da una settimana a questa parte però mi capita di avere queste bollicine sulla lingua a prescindere da ciò che mangio e soprattutto invece di durare circa.. una mezz’ora durano anche tutto il giorno.

Cosa suggerite? Ci sono esami che posso fare? Per le allergie?

Vi ringrazio molto e Vi saluto cordialmente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Gentile utente

una "glossite" può riconoscere molte cause e spesso può non essere in relazione diretta con problemi alimentari.

Va da sé che tutte le glossiti (o le dermatosi localizzate sulla lingua: vedi es. lichen ruber planus etc.) possono in qualche modo peggiorare con l'assunzione di taluni cibi acidi (agrumi, melanzane, formaggi fermentati etc.) e tale situazione può permanere anche dopo qualche tempo.

Ritengo doveroso oltremodo l'invio allo specialista dermatologo che sarà anzitutto in grado di fare la diagnosi del problema e in seguito effettuare se necessario tests specifici per valutare la partecipazione di con-cause concomitanti.

Dott. LAINO, Roma