Utente 121XXX
Buongiorno,
da un mese circa mi sono reso conto di essere diventato sensibile al piccante e all'alcol nel senso che ingerendo tali sostanze sento un bruciore alla punta della lingua. Ho sempre mangiato piccante e speziato senza mai avere tali sintomi ed inizialmente non avevo dato nessuna importanza al fatto pensando fosse transitorio, inoltre non ho mai guardato la mia lingua per vedere se ci fosse quancosa di strano fino ad oggi anche perché la sensibilità persiste e incomincia a diventare fastidiosa. Oggi, per pura curiosità, ho osservato la mia lingua e sulla supeficie ci sono dei tagli, come delle fessure... In realtà non ho mai avuto una lingua particolarmente regolare e delle fessure del genere sono sempre state presenti da che mi ricordo. Ora sono più evidenti e prima d'ora non avevo mai avuto sensibilità al piccante o ai cibi acidi o alle sostanze alcoliche.
E' normale che possa essersi sviluppata tale sensibilità solo di rencente?
E' meglio fare un controllo?
Aggiungo che è un periodo in cui sono sottoposto a stress e di recente ho fatto un impianto dentale in titanio e protesi in ceramica...

Grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Cataldo Palomba
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
dalla sua descrizione è possibile ipotizzare che la sua lingua sia compatibile con la cosiddetta 'Lingua fissurata o plicata o cerebriforme', una condizione non patologica, piuttosto un'alterazione o variante strutturale della mucosa di rivestimento, e, come Lei ha sottolineato, congenita.

http://www.medicitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/306/La-lingua-a-carta-geografica-o-Glossite-Migrante-Benigna

Oltre a costituire un problema estetico, soprattutto nelle forme più caratteristiche, una delle caratteristiche più fastidiose è proprio la spiccatà sensibilità ai cibi piccanti, acidi, speziati, anche se non è sempre presente.
L'unico consiglio è quello di evitare ovviamente i cibi sensibilizzanti e mantenere un'igiene orale impeccabile, spazzolando la superficie linguale con le palette pulisci-lingua o anche con lo stesso spazzolino, eventualmente aggiungendo l'uso di un colluttorio alla clorexidina nelle fasi di acuzie: spesso quando i solchi sono profondi o numerosi è possibile che residui di cibo possano depositarsi ed esacerbare la sintomatologia.
Indubbiamente un controllo presso il suo medico di fiducia è consigliabile.

Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 121XXX

Iscritto dal 2009
Intanto ringrazio per la risposta.
Ho fatto un controllo dal mio medico generico che mi ha diagnosticato una Glossite dicendomi appunto che ho la lingua "a carta geografica" probabilmente determinata da reflusso gastrico notturno, visto che di giorno non ho problemi del genere ma ultimamente sono molto stressato e sensibile alla "pesantezza di stomaco".
Nei giorni scorsi ho iniziato a sentire sensibilità gengivale e -talvolta- dolore alla masticazione dove ho l'impianto. Noto anche che del cibo si deposita sotto la protesi e provo grande sollievo quando riesco a pulirlo.
Ho consultato il mio dentista (che non è qui in città e avendo traslocato avevo preferito finire l'impianto col mio vecchio dentista) e mi ha detto di tenere ben pulito l'impianto dandomi appuntamento a gennaio (io questa settimana non posso e poi lo studio chiude per le festività).
Possono i due fenomeni essere legati l'uno all'altro considerando che ho messo la protesi poco tempo prima che iniziasse il mio problema con la lingua?