Login | Registrati | Recupera password
0/0
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2011

    Dolori inguinali,interno coscia,polpaccio caviglia e pianta del piede ad entrambe le gambe ,più ac

    egr dottore circa un mese fa ho avuto dei forti dolori addominali (alto addome), per i quali sono ricorsa due volte al pronto soccorso.La seconda volta avevo la febbre a 38 e dalle analisi sono risultate alterate le transaminasi ,la bilirubina e urobilogeno.mi hanno detto che poteva essere un virus intestinale e mi hanno prescritto un antibiotico.ho ripetuto le analisi dopo circa un mese e i valori sono rientrati ,solo l'albumina è un po' bassa(circa un punto).mi rivolgo a lei perchè quella che inizialmente era debolezza alle gambe che io associavo al malessere avuto,ora è diventato dolore inguinale ,dolore all'interno e dietro la coscia, al polpaccuiio, alle caviglia e sotto la pianta del piede.IL mio medico dice che è sciatica e mi ha dato degli antinfiammatori,ma io mi chiedo se è proprio così o se magari le variazioni delle transaminasi anzicchè essere dovute al fegato,magari non siano proprio legate ai muscoli.distinti saluti



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 2493 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,

    con tutti i limiti del consulto a distanza, sarei concorde col Suo medico curante. Evidentemente è stata visitata ed ha avuto questa diagnosi.
    Le transaminasi sono un indice di funzionalità epatica.
    Se il problema dovesse persistere è corretto indagare la causa di questi dolori iniziando dalla colonna lombo-sacrale. Utile una valutazione neurologica diretta.

    Cordiali saluti


    Dr. Antonio Ferraloro

  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2011
    Dottore la ringrazio molto per la sua tempestiva risposta.Scusi se insisto,ma ieri ho dimenticato di dirle che il dolore interessa entrambe le gambe , che si attenua mentre cammino e aumenta a letto,soprattutto alle ginocchia(non riesco più a dormire in posizione fetale).Ho gia sofferto di sciatica in gravidanza(8 anni fa),ma solo ad una gamba.Non ricordo però ne' il dolore/ bruciore all'interno della coscia,ne'il dolore inguinale,percorreva tutta la gamba da dietro a partire dal gluteo sino alla caviglia.Oltretutto sono tre giorni che prendo spidifen granulato e non avverto miglioramenti.Una mia amica infermiera mi ha parlato di cruralgia,cos'è?Potrebbe riguardarmi ?A proposito domani devo fare la rsm lombosacrale.Cordiali saluti



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 2493 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,

    potrebbe essere una cruralgia, frequente nelle donne e interessa in nervo crurale con dolore inguinale e sulla faccia anteriore della coscia.
    Mi faccia sapere l'esito della RM Lombo-sacrale.

    Cordialmente


    Dr. Antonio Ferraloro

  5. #5
    Utente donna
    Iscritto dal
    2011
    Buonasera dottore,oggi ho fatto la risonanza,il referto è il seguente:
    "Riduzione del segnale in T2 del disco intersomatico L4-L5 per fenomeni disidratativi.
    Iniziali segni di spondilosi.
    Non evidenza di significativa patologia protrusivo-erniaria dei dischi dorsali.
    In corrispondenza dello spazio L4-L5 ernia discale posteriore mediana e paramediana bilaterale che impronta il sacco durale;Si associa fissurazione anulare del disco stesso.
    Canale vertebrale di ampiezza conservata.
    Regolare spessore del midollo spinale in esame in assenza di chiare alterazioni del segnale."
    Secondo lei il referto può giustificare i miei disturbi? Inoltre ho sostituito l'antinfiammatorio orale con terapia intramuscolo.
    Distinti saluti.



  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 2493 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,

    si dovrebbero visionare le immagini della RM ed effettuare una visita diretta per evidenziare una correlazione tra la sintomatologia riferita e le alterazioni riscontrate. Teoricamente ci potrebbe stare.
    Qualora i sintomi non dovessero regredire le rinnovo l'invito a consultare un neurologo o un ortopedico.

    Cordialità


    Dr. Antonio Ferraloro

  7. #7
    Utente donna
    Iscritto dal
    2011
    ho seguito il suo consiglio e ho prenotato una visita dal neurochirurgo.Mi chiedevo solamente perchè lei usi il condizionale quando dice"teoricamente ci potrebbe stare".buona giornata



  8. #8
    Indice di partecipazione al sito: 2493 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,

    <<teoricamente ci potrebbe stare>> significa che le alterazioni riscontrate alla RM lombo-sacrale sono compatibili con la sintomatologia descritta ma in senso generale, non potendo esprimere un parere attendibile sul Suo caso particolare senza la visita e senza visionare le immagini. Il condizionale non ha pertanto una valenza negativa.

    Buona giornata


    Dr. Antonio Ferraloro

  9. #9
    Utente donna
    Iscritto dal
    2011
    buonasera dottore ,oggi ho fatto la visita del neurochirurgo,che mi ha detto che i sintomi non sono compatibili con quel tipo di ernia.. posso dirle che mi si addormentano le dite delle mani e dei piedi,ma in compenso ho meno fastidi all'interno coscia.Secondo il suo collega le cause dei miei disturbi possono essere molti e mi ha consigliato di fare un'elettromiografia agli arti sup e inf,più una risonanza alla cervicale.Terapia con Lyrica 75mg.onestamente tutte queste incertezze mi logorano,non so cosa pensare, sarà tutto collegato al malessere di due mesi fa?distinti saluti



  10. #10
    Indice di partecipazione al sito: 2493 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,

    concordo con i consigli che Le ha dato il neurochirurgo, sia per gli accertamenti strumentali che per la terapia farmacologica.
    Non si lasci sopraffare dai Suoi disturbi.

    Cordiali saluti


    Dr. Antonio Ferraloro

  11. #11
    Utente donna
    Iscritto dal
    2011
    buonasera dottore,ho eseguito l'elettromiografia e la risonanza alla cervicale,hanno fortunatamente esito negativo.Il neurologo che ha eseguito l'elettrom. ha detto che attualmente non ho bisogno neppure di una consuleza neurologica.Non si spiega i miei dolori perchè in base agli esami fatti fin ora non trova in essi nessun fondamento.Mi ha consigliato di terminare la terapia per altri 15 giorni e poi sospendere gradatamente.Ma se i dolori dovessero passare comunque non è detto che sia dovuto al Lyrica.Il reumatologo dice che comunque i miei disturbi sono neurologici,non so che fare,so solo che mi si addormentano le dita delle mani e dei piedi,spesso ho dei disturbi simil crampiformi ai polpacci e che i disturbi all'interno cosce compaiono non piu per l'intero arto ,ma a pezzi.Lei cosa mi consiglia?cordialmente



  12. #12
    Indice di partecipazione al sito: 2493 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,

    considerato che quasi tutti gli esami effettuati sono negativi, una possibilità potrebbe essere quella della fibromialgia ma il reumatologo, se ho ben capito, l'ha esclusa.
    On line ovviamente non Le posso dare altre informazioni ma a questo punto anche un fattore psicosomatico non sarebbe da escludere del tutto. Ripeto, sono soltanto delle ipotesi a distanza.

    Cordialmente


    Dr. Antonio Ferraloro

  13. #13
    Utente donna
    Iscritto dal
    2011
    dottoreFerraloro,volevo ringraziarla per avermi risposto sempre e in fretta,ma volevo soprattutto dirle che aveva ragione lei,si tratta di fibromialgia.cordiali saluti



  14. #14
    Indice di partecipazione al sito: 2493 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,

    mi fa piacere che sia stata fatta una diagnosi, così almeno potrà iniziare una terapia adeguata.

    Cordiali saluti ed auguri


    Dr. Antonio Ferraloro

  15. #15
    Indice di partecipazione al sito: 2493 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,

    mi fa piacere che sia stata fatta una diagnosi, così almeno potrà iniziare una terapia adeguata.

    Cordiali saluti ed auguri


    Dr. Antonio Ferraloro

  16. #16
    Utente donna
    Iscritto dal
    2011
    mi scusi dottore,volevo chiederle una cosa che non attiene alla fibromialgia che mi è stata diagnosticata .Io sono in cura al centro cefalee per l'emicrania che mi colpiva il lato sx ,da un po' di giornin invece il dolore lo avverto nella zona frontale,ho dolore se pigio le arcate sopraciliari e mi si indolenzisce la guancia sx,è da considerarsi ancora emicrania o come dice il medico curante è sinusite?la radiografia dice:assenza di lesioni dell'endocranio o di segni di aumento della pressione intracranica;ispessimento della teca interna in regione frontale;normale il profilo di base:sella turcica nei limiti fisiologici,la regione ipofisaria è di densità omogenea,assenza di calcificazioni patologiche.Normale conformazione e trasparenza dei seni cranio-facciali.Distinti saluti.



  17. #17
    Indice di partecipazione al sito: 2493 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,

    soltanto dalla localizzazione del dolore non è possibile fare diagnosi del tipo di cefalea che riferisce. Il dolore è pulsante o gravativo-costrittivo? Ha nausea e vomito durente gli attacchi? Fotofobia? Quanto dura? Regredisce con farmaci o spontaneamente?

    Cordialmente


    Dr. Antonio Ferraloro

  18. #18
    Utente donna
    Iscritto dal
    2011
    gentile dottore stamane sono stata al centro cefalee del policlinico Umberto primo a Roma.Ho descritto i sintomi che sono vari(rigidità del collo ,dolore alle spalle e alla nuca,all'arcate sopraciliari(soprattutto sx)e la fronte (a volte anche alle tempie)nausea,disturbo all'orecchio per paryticolari rumori,la nausea a volte insieme al dolore e a volte arriva prima,Per di più sto meglio in piedi che seduta,il posto peggiore e' il letto.diagnosi :cefalea muscolo tensiva con probabili disturbi di pressione(da controllare)e terapia con le gocce di cinazir(ho scritto bene?),samyr 400 e EN gocce più delle supposte per quando c'è dolore:ripetere la risonanza che ho fatto 2 anni fa.Cosa ne pensa?Dimenticavo è un po' di tempo che sudo molto.A presto



  19. #19
    Indice di partecipazione al sito: 2493 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,

    se la diagnosi è stata fatta dopo una visita medica è chiaro che a distanza non si può che concordare. Faccia la terapia prescritta (il farmaco è cinazyn) e veda che effetto avrà. Mi faccia sapere.

    Cordialità


    Dr. Antonio Ferraloro

  20. #20
    Utente donna
    Iscritto dal
    2011
    Buonasera dottore,per il resto devo ancora vedere ,perchè ho appena iniziato la terapia(ho dei dubbi solo per quanto riguarda le nausee,secondo lei ci stanno nel quadro?)ma una cosa è certa,ho la pressione alta,mediamente 140 max e 90 abbondanti la min,senza vertigini.L'altro giorno 160 -98;chissà come stava le notti che non riuscivo a stare con la testa sul cuscino!!!!!Lei comunque è sempre gentilissimo e per questo la ringrazio veramente tanto.



  21. #21
    Indice di partecipazione al sito: 2493 Medico specialista in: Neurologia

    Risponde dal
    2007
    Gentile Utente,

    la nausea è tipica della cefalea di natura emicranica ma, talora, potrebbe presentarsi anche in quella di tipo tensivo.
    Per quanto riguarda i valori pressori Le consiglio di tenere un diario quotidiano per almeno 15-20 giorni e poi farlo visionare al Suo medico curante.

    Cordiali saluti


    Dr. Antonio Ferraloro

Discussioni Simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 29/07/2011, 14:57
  2. Puara sla
    in Neurologia
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 20/07/2011, 20:42
  3. Rigonfiamento
    in Neurologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11/08/2011, 22:09
  4. Una visita specialistica
    in Neurologia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 13/08/2011, 22:33
  5. Dolori muscolari vari
    in Neurologia
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16/07/2011, 16:26
ultima modifica:  24/10/2014 - 0,38        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896
 
@media only screen and (max-width: 767px) { #banner { display:none;} }