Utente 196XXX
Salve, avrei una domanda a riguardo dell'ileo infiammato. Ho esegiuto una colonoscopia per dolori in fossa iliaca destra, e per vari episodi ripetuti per mesi di diarrea.
Macroscopicamente l'ileo è apparso iperemico ma senza erosioni, mentre con una ecografia delle anse intestinali hanno visto solamente lieve falda ascitica vicino alla zona ileo-ciecale. (per me sono tutti segnali di una infiammazione, sia il fatto iperemico, che la falda ascitica.)
La biopsia dell'ileo esaminata in due ospedali, hanno dato esito negativo, uno parla di iperplasia linfoide, l'altro invece dice piu o meno la stessa cosa, aggiungendo che il quadro istologico è di sostanziale normalità.
La mia domanda, è possibile escludere il Crohn?
Altra cosa importante, sono in cura da un reumatologo per un insieme di sintomi che per quanto possono sembrare una spondilite anchilosante, pare essere "solo" una sindrome miofasciale, lieve fibromialgia. Dico questo perche i miei dubbi di avere una malattia di Crohn, sono alimentati di contesto, malattie autoimmuni tipo spondilite, rischio di sviluppare una MICI, e vicaversa, e per questo fatto non riesco ad essere tranquilla, che si tratti di solo infiammazione senza avere una malattia infiammatoria cronica, e che dall'altra parte, si tratti solo di sindrome miofasciale, ma questo adesso sarebbe un altro discorso....
Il reumatologo mi ha detto che potrebbe essere solo intestino irritabile, ma per me questa cosa non regge, io ho infiammazione all'ileo, nella sindrome dell intestino irritabile infiammazione non c'è ne......
Cosa mi potreste dire a riguardo? Devo preoccuparmi? O dovrei essere tranquilla?
Una infiammazione visibile, ma una biopsia all'ileo negativa, esclude un Crohn??
Grazie per Vostra attenzione.

[#1]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Cara Utente, una iperemia dell'ileo in assenza di un conforto istologico di malattia di Crohn lo farebbe escludere. Sono propenso verso la diagnosi di colon irritabile.
saluti
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#2] dopo  
Utente 196XXX

Gentile Dr. Di Camillo, la ringrazio molto per la sua celere e sopratutto rassicurante risposta. Spero che davvero non ci sia piu di un intestino irritabile.
Non ho perso chili, anzi in questo periodo sono addirittura aumentata 2-3 chili, ma ho una febbricola persistente da molti mesi, che non so se attribuire ai problemi reumatologici, oppure a questo problema all'intestino. In nessuno dei due dovrei avere febbricola in teoria, e per questo mi sto preoccupando.
VES e PCR li ho controllati tre volte e sono risultate negative, tranne una volta una VES leggermente aumentato. (34)
Cosa ne pensa?

[#3]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
la febbricola può dipendere da tante cause, ma non giustificherebbe da sola il Crohn, problemi reumtologici forse si.
saluti
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#4] dopo  
Utente 196XXX

Grazie ancora,e prometto che queste saranno le mie ultime domande, ma vorrei proprio farle, sono preoccupata perchè per quanto abbia "voglia" di avere solo un intestino irritabile, mi risulta difficile capire come mai allora ho un ileo infiammato. Sul mio referto della colonscopia c'è scritto che l'ileo appare diffusamente iperemico, ma la biopsia dice che il quadro è normale, solo qualche iperplasia linfoide. (detto dal medico "non vuol dire nulla").
Nonostante cio con l'ecografia si vede del liquido libero proprio in questa zona.
Non riesco a trovarmi nei sintomi dell'intestino irritabile, i miei sintomi negli ultimi 6 mesi, cioe dall'inizio dei primi sintomi sono DOLORE in fossa iliaca destra, e alcuni episodi -del tutto imprevvedibili e altrettanto facilmente spariscono- di diarrea che magari si presenta una volta sola e poi per settimane no. Il dolore pero delle volte è abbastanza forte, e diventa sempre molto presente se MI SDRAIO A PANCIA IN GIU. Poi per giorni non lo sento. Poi per giorni, settimane si.
A tutto questo si aggiungono fastidiosi borborigmi provenienti sempre da quella zona.
E poi c'è questa febbricola che dura da 6 mesi, o magari anche diu piu ma non la misuravo.(costantemente tra 37 e 37.5, io di solito avevo leggermente al di sopra di 36...)
Conoscendo tutti questi dettagli, dolore, diarrea, febbricola e ILEO visibilmente infiammato, ma con una biopsia con due referti negativi, che cosa si potrebbe pensare?
Le ringrazio in anticipo se mi vorra dare ancora una risposta, ci terrei molto, saluti.

[#5] dopo  
Utente 196XXX

Naturalmente mi farebbe piacere ricevere qualche risposta anche da parte di altri medici, nonostante la mia domanda riferita al Dr. M. Di Camillo...

[#6]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
In effetto concordo col collega nel ritenere la diagnosi di malattia infiammatoria intestinale inverosimile, tuttavia sono perplesso riguardo alla presenza di versamento liquindo endoaddominale rilevato all' ecografia: questo sicuramente non è un reperto riferibile al colon irritabile ed andrebbe meglio definito ed eventualmente indagato.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#7] dopo  
Utente 196XXX

Grazie anche a Lei. Sul referto dell'ecografia, (fatta appositamente, un'ecografia addominale con studio delle anse intestinali), si parla di "minima falda ascitica" in zona ileo-ciecale.
Non saprei cosa pensare, con il Vostro aiuto cerco di eliminare dalla testa questa maledetta Crohn, solo che non capisco da cosa altro potrebbe dipendere un ileo infiammato.
Un ileo IPEREMICO si puo definire infiammato?

[#8]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
No, non necessariamente.E' una valutazione soggettiva dell' operatore.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#9] dopo  
Utente 196XXX

Ecco, il mio GE lo ha ritenuto infiammato, mi aveva anche prescritto della mesalazina, solo che poi abbiamo deciso di rimandare l'assunzione dei farmaci (causa allattamento), almeno fino al risultato della biopsia, dopodiche visto il quadro normale, non mi ha piu fatto prendere tali medicinali.
I sintomi pero persistono.

Mi viene in mente qualche anno fa (6-7...) ho accusato i stessi identici dolori per qualche settimana, senza diarrea pero. Sono andata per fare una ecografia dal ginecologo perche pensavo di avere problemi di quel genere. Era tutto a posto come lo è anche ora, visto le recenti visite, avendo partorito da 1 anno.