Utente 164XXX
Gentili medici,

da qualche mese mi sono dovuto trasferire per motivi di lavoro in europa del nord, dove come potrete immaginare le temperature invernali giornaliere sono di molto al di sotto allo zero. quando torno a casa la sera e mi guardo allo specchio ho spesso il viso come 'distorto', arrossato, occhi gonfi come per esempio quando ci si sveglia, in più ho notato che mi si sta incredibilmente rovinando il contorno occhi, sono apparsi dei piccolipallini sottopelle, e rughe che credo normalmente impiegherebbero anni.
Non so se tutto cio possa essere dovuto solo al freddo, avevo pensato anche a qualcosa di alimentare, per esempio da quando mi trovo qui bevo molte piu tisane per riscaldarmi, tipo thè verde, ibiscus, 3/4 al di in media ecc.
Ci sono alimenti che favoriscono il mantenimento del contorno occhi o che non bisogna mangiare? Oppure esiste qualcosa da mettere per proteggersi dal freddo a parte gli occhiali?

Mille grazie per le eventuali risposte.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr.ssa Serena Mazzieri
28% attività
0% attualità
12% socialità
SARTEANO (SI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
probabilmente a causarle questo inconveniente oltre alla temperatura decisamente bassa è anche lo sbalzo termico a cui soppungo sia sottoposto quando entra nei luoghi chiusi. Un eccessivo riscaldamento con una non sufficiente umidificazione può portare ad un gonfiore degli occhi, mentre l'aumento della "rugosità" pericolulare può essere dovuta ad una eccessiva secchezza cutanea dovuta al freddo e che può essere attenuata utilizzando creme specifiche e basi lavanti al posto dei comuni detergenti.

L’organismo ha il proprio sistema di difesa per neutralizzare i danni legati ai radicali liberi, ma, con l’età,tale sistema diventa meno efficace. fattori intrinseci ed estrinseci indeboliscono questi meccanismi di autodifesa e la pelle diventa più vulnerabile e invecchia precocemente, stress, stanchezza, errato stile di vita, inquinamento, raggi UV, sono aggressioni che stimolano la produzione dei radicali liberi,principali nemici della pelle e responsabili dello stress ossidativo.

Giorno dopo giorno, queste aggressioni indeboliscono la pelle che diventa più sensibile ai radicali liberi, responsabili dei primi segni dell’età.
L’invecchiamento cutaneo è ineluttabile, ma può essere rallentato. A questo scopo, è
indispensabile seguire un corretto stile di vita: come un'alimentazione equilibrata, ricca di frutta, verdura e acqua, protezione solare durante l’esposizione, utilizzo di creme idonee durante l'inverno, dormire un numero sufficiente di ore ed evitare alcol e nicotina

Non conoscendo la sua storia clinica, comunque per escludere un problema sistemico, se il problema dovesse persistere, le consiglio di effettuare un prelievo ematico per il controllo della funzionalità renale e delle proteine totali perchè a volte tali alterazioni possono manifestarsi anche con gonfiori palpebrali.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Chiarissima, gentilissima.

Grazie mille.