Utente 125XXX
Il mio medico curante mi ha prescritto il daparox il cui principio attivo è la paroxetina. La dose consigliata è di 10 gocce mezz'ora prima del rapporto, visto che però non conosco con certezza quando mia moglie vuole avere il rapporto, il medico mi ha detto che tale dose posso somministrarmela anche quotidianamente. Mia moglie essendo infermiera in un reparto di cure palliative non è d'accordo all'utilizzo, presumo perchè in reparto ne usano e quindi ha paura degli effetti collaterali.
Vorrei sapere se la prescrizione medica è corretta (anche con la somministrazione quotidiana) ed eventualmente come posso tranquillizzare mia moglie, sempre che le sue idee siano infondate.

Ringrazio anticipatamente per la celerità della risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,


l'uso della paroxetina è consentito sia prima del rapporto sia tutti i giorni cronicamente.
il dosaggio è corretto ma si può ulteriormente aumentare sempre nelle riserve del collega che la sta seguendo.

bisogna riconoscere che tali farmaci sono e restano antidepressivi ma ne sfruttiamo l'effetto collaterale per ritardare l'eiaculazione.

consideri che la terapia dell'eiaculazione precoce può ulteriormente beneficiare di alcune norme comportamentali finalizzate ad aumentare la durata del rapporto.

cordialità
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
L' eiaculazione e' una disfunzione che compromette la fase dell' orgasmo, caratterizzata dall' incapacita' a procastinare nel tempo il punto di non ritorno eiaculatorio.
L' etiologia e' spesso mista o comunque poliedrica, investendo coppia, cause da cattivo apprendimento sessuale, storia di vita del paziente, cause intrapsichiche , da cattiva gestione dell' ansia e tanto altro.
Il farmaco in cronico oppure on de mand, cioe' al bisogno, e' sempre un sintomatico, credo che un approccio poliedrico, che tenga presente la molteplicicita' di cause correate all' e.p., sia utile.
Le allego, qualche mio aricolo

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1358/Eiaculazione-precoce-e-pensieri-ossessivi-e-catastrofici

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1190/Eaiculazione-precoce-cause-da-cattivo-apprendimento-sessuale

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/963/Eiaculazione-precoce-primaria-e-mancanza-d-erezione-secondaria
[#3] dopo  
Utente 125XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissimi per le risposte ricevute, ma da tali risposte evinco che occorre un determinato comportamento, è possibile avere o sapere dove trovare una sorta di vademecum? Approfitto per porre un'altro quesito: nel caso in cui non ho un rapporto per più di 30 gg è possibile che alla fine di una "urinata" ho una piccola perdita di sperma, che cosa può significare?
Ringrazio sinceramente
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

preciso che la semplice frequenza dei rapporti consente una miglior controllo dei rapporti: cioè,,con rapporti ravvicinati è possibile migliorare la durata dei rapporti.

circa il secondo punto, è probabile che le perdite che lei riporta siano semplici perdite prostatiche cioè semplici secrezioni prostatiche, favorite dalla mancata eiaculazione.

cordialità
[#5] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Il vademecum, non esiste affatto, esistono diagnosi cliniche e terapie mirate.
L'approccio terapeutico, potrebbe essere:
counseling psicologico, con particolare attenzione alla sfera della risposta sessuale., psicoterapia
terapia di coppia ad orientamento sessuologico
trattamento integrato( farmacoterapia e terapia mansionale)
farmaco on de mand( cioè al bisogno).
ottimale sarebbe però un lavoro mirato e caleidoscopico, adatto alla sua storia clinica e sessuale
Una “diagnosi non completa” ed una terapia che non affronti le cause nella loro globalità, possono costituire , un fattore di mantenimento del disturbo nel tempo, anziché la risoluzione della disfunzione.